Come si riduce il colesterolo alto? La dieta è fondamentale

colesterolo-alimentazione-sana

Si sente spesso parlare del livello di colesterolo nel sangue, e di quanto questo dato possa essere fondamentale per  mantenersi in salute evitando, soprattutto, una serie di patologie che possono sfociare in episodi, come l’infarto o l’ictus, che si rivelano tra le principali cause di morte anche nel nostro paese, problemi che nella maggior parte dei casi potrebbero essere tenuti sotto controllo adottando uno stile di vita che ponga la giusta attenzione ad alimentazione e attività fisica.

Il colesterolo alto è un problema che, purtroppo, riguarda milioni di persone in tutto il mondo, e in molti casi viene erroneamente sottovalutato. Indubbiamente l’alimentazione può giocare un ruolo importante nel tenere sotto controllo il livello del colesterolo, ma quali sono effettivamente i cibi che possono aiutare in questo intento? La risposta si può trovare nei legumi e in generale in tutti quei cibi ricchi di fibre, ma non solo.

E’ importante ricordare come il colesterolo sia una sostanza importante per la salute del nostro organismo, ma può diventare pericoloso, soprattutto l’LDL conosciuto appunto come “colesterolo cattivo”, quando raggiunge livelli superiori alla norma, depositandosi sulle pareti dei vasi sanguigni, ostruendoli, bloccando la circolazione del sangue e arrivando a provocare, nei casi più gravi, problemi cardiovascolari, contribuendo anche all’insorgere di infarto o ictus.

Di recente la Società Italiana di Cardiologia ha rivisto i numeri relativi al colesterolo cattivo, confermando che nell’organismo dovrebbe avere valori compresi tra 70 e 100. Ma se in alcuni casi il livello di colesterolo può derivare da una familiarità che ne rende complicato il trattamento, nella gran parte dei casi l’attività sportiva volta a bruciare i grassi e un’alimentazione bilanciata, può aiutare a tenere sotto controllo il livello di colesterolo. Ma quali sono i cibi consigliati e sconsigliati in questi casi?

Per ridurre il colesterolo cattivo, è importante evitare il consumo di cibi grassi di origine animale come burro, formaggi grassi o latte intero, ma anche insaccati e zuccheri. Può giocare invece un ruolo fondamentale adottare una dieta ricca di fibre come orzo e farro, consumare frutta e verdura ma anche frutta secca come noci e pistacchi, pesce e carni bianche tra cui tacchino, pollo e coniglio. Altrettanto positivo può essere integrare nella propria alimentazione pasta e pane integrale e consumare anche legumi come ad esempio lenticchie, fagioli e ceci.

Se l’alimentazione gioca un ruolo importante nel livello di colesterolo, non è da sottovalutare l’apporto positivo che una costante attività fisica può portare alla salute, considerando che la sedentarietà e complice delle patologie cardiovascolari.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: