Allarme Fentanyl: la droga che ha provocato migliaia di morti negli USA potrebbe invadere l’Europa

La dipendenza da sostanze stupefacenti provoca ogni anno tantissime morti tra soggetti di ogni età, paese e condizione sociale, finanzia un mercato illegale che vale miliardi di dollari ed è, purtroppo, in grado di distruggere non solo persone ma intere famiglie costrette a convivere con una condizione tutt’altro che semplice.

Con il passare degli anni, purtroppo, il mercato nero delle droghe si popola sempre più di sostanze sintetiche che provocano una maggiore dipendenza e mettono a rischio la vita delle persone. Un esempio ormai celebre è quello dei fentanili, una categoria di oppiacei sintetici di cui più volte si è parlato perché alla base delle morti di alcune celebrità, da Michael Jackson a Tom Petty. Fino a questo momento i fentanili hanno provocato una vera e propria epidemia di morti soprattutto negli USA, ma a quanto pare il rischio è che a breve questa categoria di sostanze possa invadere anche l’Europa.

Come spesso accade in questi casi (basti pensare all’eroina) il Fentanyl è stato ideato durante gli anni ’60 a scopo medico e ancora oggi viene utilizzato come anestetico durante interventi chirurgici e per trattare dolori cronici. La sostanza rientra nella categoria degli oppiacei sintetici, è fino a 100 volte più forte della morfina e persino dell’eroina, e il basso costo di produzione la rende, drammaticamente, un perfetto sostituto di altre sostanze stupefacenti.

Questi oppiacei, per le loro capacità, spesso vengono utilizzate per tagliare altri tipi di droga, creando un mix che può avere effetti devastanti. Si tratta di una sostanza che crea dipendenza, ma essendo anche molto forte, può facilmente provocare una overdose fatale.

Nel corso degli ultimi anni, il numero maggiore di decessi provocati dall’abuso di fentanyl è stato registrato negli USA, con vere e proprie ondate di migliaia di morti. La diffusione di questa sostanza ha riguardato anche il Canada e, da qualche anno a questa parte, preoccupa la diffusione sempre crescente che continua a registrarsi in Europa.

Il picco di decessi legati all’abuso di fentanyl è stato riscontrato nel Regno Unito, con diverse decine di morti, e in Svezia, ma alcuni episodi sono stati registrati anche in altri paesi come Germania, Svizzera, Ungheria e Polonia. La diffusione in Europa sembra essere in costante aumento, e la preoccupazione maggiore è che possa aumentare ulteriormente, mettendo a rischio la salute delle persone che, in molti casi, assumono anche questi oppiacei senza esserne a conoscenza perché spacciati come sostanze diverse.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: