Cannabis, CBD e disinformazione sui social media

“In questo momento, il CBD è l’equivalente chimico del Bitcoin nel 2016”, dice al New York Times Jason DeLand, dirigente pubblicitario di New York e membro del consiglio di amministrazione di Dosist, una società di cannabis .

L’area grigia legale attorno alle normative sulla cannabis e la sua nascita nel mondo del marketing e della comunicazione ha dato origine a una valanga di disinformazione.

Il potenziale uso della cannabis come trattamento per il dolore, la dipendenza, i problemi digestivi, l’ansia, l’insonnia e altre condizioni ha portato nell’arena sia aziende nuove che affermate. 

Man mano che l’ossessione per la cura di sé aumenta e le industrie del benessere e della bellezza cercano di cogliere le opportunità offerte da questo settore, le discussioni sulla cannabis e in particolare sul CBD sono onnipresenti online.

Ma la ricerca clinica è limitata e molte domande devono ancora essere risolte, rendendo queste discussioni piene di informazioni false.

Il mercato globale della cannabis legale potrebbe raggiungere $ 166 miliardi entro il 2025 secondo alcune stime , con una crescita prevista di oltre il 2000 per cento tra oggi e allora.  

Per un settore che sta ancora stabilendo una presenza con nuovi consumatori, è un periodo critico per navigare tra le maree incerte di accettazione legale, normativa, culturale e medica. 

La condivisione efficace di informazioni scientificamente accurate e la disinformazione di debunking saranno fondamentali per la crescita dell’industria della cannabis. I picchi di confusione o paura potrebbero facilmente influenzare i regolatori per imporre misure più rigorose, ostacolando la capacità del settore di costruire mercati praticabili e frenare la crescita di questo settore in erba.

Crescita dell’industria della cannabis

A seguito della legalizzazione canadese delle vendite ricreative nel 2018, i principali marchi hanno iniziato a gettare le basi negli Stati Uniti e in Europa qualora la legislazione seguisse tali regioni. Lo scorso agosto, il conglomerato di bevande Constellation Brands ha investito $ 4 miliardi in Canopy Growth, il più grande investimento aziendale nel settore della cannabis fino ad oggi. Nel dicembre 2018, il gigante del tabacco Altria ha acquistato una partecipazione del 45% nel Cronos Group, con il leader farmaceutico Novartis che ha firmato un accordo di distribuzione globale con Tilray poco dopo.

$ 166 miliardi: dimensioni stimate del mercato della cannabis entro il 2025

24%: percentuale di americani di età compresa tra 18 e 29 anni che usano semi-regolarmente cannabis

37,5%: aumento della conversazione sociale sulla cannabis nell’ultimo anno

Ma l’hype attorno ai benefici della cannabis sta superando la capacità della ricerca di convalidare le affermazioni. Uno studio del 2017 delle National Academies of Science, Engineering and Medicine ha esaminato più di 10.000 studi scientifici sulla cannabis e ha trovato prove conclusive che la cannabis può trattare il dolore cronico, la nausea indotta dalla chemioterapia e gli spasmi correlati alla sclerosi multipla. Tutte le altre condizioni, ha concluso il rapporto, richiedono uno studio scientifico più rigoroso.

Ad oggi, la FDA ha approvato un solo farmaco contenente composti derivati ​​dalla marijuana: Epidiolex , un trattamento al CBD per convulsioni causate da specifiche malattie rare.

cbd social media

Il CBD, uno dei 113 composti noti che compongono la cannabis, sta ronzando sui social media per presunti benefici per la salute tra cui anti-infiammazione e anti-ansia.

Cannabis e indicazioni sulla salute sui social media

Le affermazioni sulla falsa salute relative alla cannabis e al CBD stanno prendendo piede. Delle oltre 150.000 storie pubblicate sul CBD o sulla cannabis nell’ultimo anno, oltre il 3% promuove “cure” alla cannabis. Negli ultimi due anni, il numero di video di YouTube sulle cure alla cannabis è aumentato del 98%.

Il CBD menziona i social media

Principali impegni sociali per gli articoli sulla cannabis (maggio 2018–2019)

La disinformazione sulla cannabis sta già diventando virale su Facebook. Nell’ultimo anno, un articolo sulla cannabis ha visto la maggiore interazione sulla piattaforma: “ Fare il bagno nella cannabis con le bombe da bagno al CBD! Ottimo per la fibromialgia e migliorare il sonno “. L’articolo, dal lifestyle e dal sito di ricette Cannadish, ha esagerato le affermazioni sul CBD, affermando che alleviava la” [mancanza di] resistenza, ansia, depressione, infiammazione, [e] spasmi muscolari “associati alla fibromialgia, una condizione neurologica cronica. Nonostante la mancanza di solide basi mediche, la storia si è diffusa attraverso la comunità della fibromialgia su Facebook.

Cure alla cannabis e siti spazzatura

I siti di notizie spazzatura spingono anche affermazioni sulla salute estreme, suggerendo uno sforzo coordinato per diffondere informazioni false – noto anche come disinformazione . Di tutti gli articoli pubblicati nell’ultimo anno sulle cure per la cannabis, la metà dei più popolari proviene da un’unica fonte: EHealthMagz , un sito di salute generico pieno di affermazioni fuorvianti, tra cui cospirazioni di Big Pharma e post anti-vaxxer .

disinformazione sulla cannabis

La storia principale del sito , “Il ragazzo autistico acquisisce la capacità di parlare dopo solo 2 giorni di trattamento con olio di cannabis”, ha avuto più di 280k interazioni sui social media. La storia è in gran parte non confermata. Altri articoli sul sito affermano che la cannabis cura tutto, dalle malattie dello stomaco e dell’intestino al cancro polmonare “terminale” . Nel solo febbraio, il sito ha pubblicato 3 storie diverse che affermano che la cannabis ” uccide ” il cancro. Il sito è registrato da un individuo pakistano che ha registrato altri siti come US Pain Cure , US Medicares e almeno un sito dedicato ai telefoni di jailbreak.

Key Takeaway

Sebbene i marchi nuovi ed esistenti siano desiderosi di trarre profitti potenzialmente enormi dall’industria emergente della cannabis, l’influenza della disinformazione ha il potenziale per erodere la fiducia dei consumatori e agitare l’attenzione normativa. 

Nelle prime fasi del suo sviluppo, è fondamentale che l’industria della cannabis e altre parti interessate trovino vie praticabili per combattere la proliferazione della disinformazione e sradicare i cattivi attori.

Fonte: storyful.com/blog/cannabis-and-misinformation/

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: