Suzanne Eaton, scienziata americana uccisa in Grecia

eaton

Suzanne Eaton, scienziata americana uccisa in Grecia, è stata stuprata, ha detto martedì la polizia a Creta.
La polizia ha detto lunedì che un uomo di 27 anni ha confessato il crimine.
Il sospetto ha detto nella sua confessione di aver visto Eaton correre e “con l’aggressione sessuale come probabile motivo, l’ha colpita due volte con la sua auto per immobilizzarla“, ha detto il capo della polizia di Creta, Konstantinos Lagoudakis, in una conferenza stampa.

Poi, dopo che fu svenuta, la mise nel bagagliaio della sua macchina e la portò nel bunker della Seconda Guerra Mondiale” dove è stato trovato il suo corpo, ha detto Lagoudakis.
Il sospettato ha prima violentato e gettato il suo corpo nel bunker, coprendo l’apertura del condotto d’aria del bunker con un pezzo di legno per nasconderlo, ha detto alla CNN il capo della stampa della polizia di Creta, Eleni Papathanassiou.
Non è chiaro se Eaton fosse ancora viva quando è stata violentata, ha detto.
La polizia ha trovato le tracce dell’assassino vicino al bunker nella sua auto, che, dicono, ha ripulito dopo l’attacco a Eaton.
Durante l’interrogazione preliminare, il sospetto ha negato di essere stato vicino al bunker per un mese, il che ha sollevato sospetti, ha detto Lagoudakis.
I segnali del telefono del sospettato lo hanno anche messo vicino alla scena del crimine il giorno dell’attacco, ha detto il capo della polizia.
La polizia dice che il sospetto è un padre sposato che possiede terreni agricoli vicino alla scena del crimine.
Il sospetto ha detto di non aver mai incontrato Eaton, ma l’aveva vista correre prima, ha detto la polizia.

Eaton, 59 anni, biologa al Max Planck Institute dell’Università di Dresda in Germania, è stata a Creta per una conferenza quando è scomparsa. Il suo corpo è stato trovato una settimana dopo.
Madre di due bambini, di solito correva per 30 minuti ogni giorno, secondo la pagina Facebook “Searching for Suzanne” creata quando era scomparsa.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: