Regno Unito: il governo ha chiesto alla regina di sospendere il Parlamento

regno unito

Regno Unito – Il governo ha chiesto alla Regina di sospendere il Parlamento pochi giorni dopo che i parlamentari sono tornati al lavoro a settembre – e solo poche settimane prima della scadenza della Brexit. Boris Johnson ha dichiarato che il 14 ottobre si svolgerà un Queen’s Speech per delineare la sua “agenda molto eccitante“.

Ma significa che è improbabile che i deputati abbiano il tempo di approvare le leggi per fermare una Brexit senza accordo il 31 ottobre.

Dominic Grieve, backbencher di Tory, ha definito la mossa “un atto oltraggioso“.

Ha avvertito che potrebbe portare a un voto di sfiducia nei confronti di Johnson, aggiungendo: “Questo governo scenderà“.

Ma il primo ministro ha affermato che era “completamente falso” suggerire che la sospensione fosse motivata dal desiderio di forzare l’uscita dalla Brexit senza alcun accordo.

Ha detto che non voleva aspettare fino a dopo la Brexit “prima di proseguire con i nostri piani per portare avanti questo paese“, e ha insistito che ci sarebbe ancora “tempo sufficiente” per i parlamentari per discutere della partenza del Regno Unito.

Abbiamo bisogno di una nuova legislazione. Dobbiamo presentare nuove e importanti proposte di legge ed è per questo che avremo un discorso della regina“, ha aggiunto.

L’idea di chiudere il Parlamento – noto come proroga – ha suscitato polemiche, con i critici che affermavano che avrebbe impedito ai parlamentari di poter svolgere il loro ruolo democratico nel processo Brexit.

Numerose figure di alto profilo, tra cui l’ex primo ministro John Major, hanno minacciato di andare in tribunale per fermarlo, e una sfida legale guidata dalla portavoce della giustizia del SNP Joanna Cherry si sta già facendo strada attraverso i tribunali scozzesi.

La redattrice politica della BBC, Laura Kuenssberg, ha affermato che solo un numero limitato di ministri del governo era a conoscenza del piano in anticipo.

Ha detto che il governo avrebbe sostenuto che si trattava di “un processo standardizzato da Queen’s Speech“, nonostante tutto il rumore circostante.

Johnson afferma di voler lasciare l’UE il 31 ottobre con un accordo, ma è “fai o muori” ed è disposto a partire senza uno, piuttosto che perdere la scadenza.

Tale posizione ha spinto numerosi parlamentari dell’opposizione a riunirsi per cercare di bloccare un possibile accordo, e martedì hanno annunciato l’intenzione di utilizzare il processo parlamentare per farlo.

Ma se il Parlamento sarà sospeso il 10 settembre, come suggerito, concederà loro solo pochi giorni la settimana prossima per spingere per i loro cambiamenti.

regno unito

Una mossa ritenuta scandalosa

Grieve – ex procuratore generale – ha dichiarato alla BBC Radio 5 Live: “Se il primo ministro persiste e non si arrende, penso che le probabilità che la sua amministrazione crollerà”.

C’è un sacco di tempo per farlo se necessario [e] voterò sicuramente per far cadere un governo conservatore che persiste in un corso di azione che è così incostituzionale“.

Il vice leader laburista Tom Watson ha twittato che la mossa è stata un “affronto assolutamente scandaloso alla nostra democrazia“.

Il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon ha dichiarato che i parlamentari dovranno riunirsi per fermare il piano la prossima settimana, o “oggi passerà alla storia come oscura per la democrazia britannica“.

Ma il presidente del partito conservatore James Cleverly ha difeso il piano come “tutti i nuovi governi“.

Il Parlamento è normalmente sospeso – o prorogato – per un breve periodo prima dell’inizio di una nuova sessione. È fatto dalla regina, su consiglio del primo ministro.

Le sessioni parlamentari durano normalmente un anno, ma l’attuale è in corso da più di due anni, fin dalle elezioni del giugno 2017.

Quando il Parlamento è prorogato, non si tengono dibattiti e voti – e la maggior parte delle leggi che non hanno completato il loro passaggio in Parlamento muoiono.

Ciò è diverso dalla “dissoluzione” del Parlamento, in cui tutti i parlamentari rinunciano ai loro seggi per fare una campagna elettorale.

Le ultime due volte in cui il Parlamento è stato sospeso per un discorso alla regina che non avveniva dopo un’elezione generale, le chiusure sono durate rispettivamente per quattro e 13 giorni lavorativi.

Se questa proroga si verifica come previsto, vedrà il Parlamento chiuso per 23 giorni lavorativi.

I deputati devono approvare le date di recesso, ma non possono bloccare la proroga.

Il Parlamento tornerà dalla pausa estiva – o pausa – la prossima settimana, e un’altra pausa dovrebbe aver luogo tra il 13 settembre e l’8 ottobre circa per coprire la stagione delle conferenze politiche.

Si vociferava, tuttavia, che quest’ultimo potesse essere cancellato o abbreviato per far proseguire gli affari in vista della Brexit.

L’ex leader di Tory, Iain Duncan Smith, ha dichiarato a BBC Radio 5 Live che la decisione di sospendere il Parlamento “non è affatto sinistra“, e le date della sospensione hanno riguardato “praticamente” lo stesso periodo della conferenza.

Ha detto che il signor Johnson stava cercando di ottenere un nuovo accordo sulla Brexit concordato e che i parlamentari che “cercano di fermarlo hanno bisogno di ripensare con attenzione“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: