Compriamo alimenti pericolosi e contaminati: la lista Coldiretti per sapere cosa portiamo in tavola

Senza rendercene conto acquistiamo prodotti alimentari pericolosi, provenienti da tutto il mondo e troppo spesso contaminati o dannosi per la salute. A creare un vero e proprio vademecum con una lista sulla pericolosità alimentare ci ha pensato la Coldiretti. Arriva così  la “Classifica dei cibi più pericolosi” al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’alimentazione di Cernobbio, sulla base delle rilevazioni dell’ultimo rapporto Sistema di allerta rapido europeo (RASFF), che registra gli allarmi per rischi alimentari verificati nell’Unione Europea nel 2016. Quello che leggiamo è allarmante: alimenti che contengono residui chimici, metalli pesanti, inquinanti, diossine, additivi o coloranti così massicci da far diventare dannoso l’alimento colpito.

Non andiamo a fare la spesa con troppa leggerezza quindi o facendo solo caso al costo e all’aspetto: dal pesce spada e il tonno dalla Spagna, inquinati da metalli pesanti, oppure gli integratori e i cibi dietetici che contengono ingredienti non autorizzati dagli Stati Uniti, così come anche le arachidi dalla Cina piene di aflatossine cancerogene.

Secondo i dati Coldiretti, nel 2016 sono stati importati dalla Spagna in Italia 167 milioni di chili di pesce, mentre sono quasi 2 milioni i chili di pistacchi che nel 2016 sono arrivati dalla Turchia… il tutto nella lista nera per elevata rischiosità.

Attenzione ai peperoni turchi che contengono pesticidi oltre i limiti consentiti, mentre dall’Iran arriva la frutta secca, come i pistacchi, che sono rispettivamente al quinto e sesto posto per grado di pericolosità, entrambi fuori norma per la presenza di aflatossine, cancerogene per l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA). Tra i primi dieci posti anche le carni di pollo provenienti dalla Polonia, fonte di allarme per contaminazioni microbiologiche oltre i limiti di legge, come la salmonella. Aggiunge la Coldiretti, “sono stati tra quelli più segnalati, come per le albicocche essiccate dalla Turchia per contenuto eccessivo di solfiti, la noce moscata dall’Indonesia, per aflatossine e le carni di pollo dai Paesi bassi, per contaminazioni microbiologiche”.

“L’agricoltura italiana – continua la Coldiretti – è la più green d’Europa con 292 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), il divieto all’utilizzo degli Ogm e il maggior numero di aziende biologiche, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,5%), quota inferiore di 3,2 volte alla media UE (1,7%) e ben 12 volte a quella dei Paesi terzi (5,6%)”.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: