Stati Uniti: i prezzi del petrolio salgono dopo l’attacco del petrolio saudita

petrolio

Gli Stati Uniti hanno ribadito la propria posizione secondo cui l’Iran era alla base degli attacchi di domenica contro le strutture saudite del greggio, nonostante le dichiarazioni dei ribelli Houthi di aver lanciato l’attacco dallo Yemen.

Gli scioperi hanno eliminato oltre il 5% della fornitura mondiale di petrolio. Il presidente Donald Trump ha dichiarato: “C’è motivo di credere che conosciamo il colpevole“, aggiungendo che gli Stati Uniti erano “bloccati e caricati” e in attesa di informazioni dall’Arabia Saudita. Gli alti funzionari statunitensi hanno riferito ai giornalisti che i danni causati dagli attacchi indicano che provenivano dalla direzione dell’Iraq e dell’Iran, non dallo Yemen. I prezzi del petrolio sono saliti ai massimi di sei mesi lunedì mentre i futures di Wall Street sono scesi e le scommesse rifugio sono tornate dopo gli attacchi di domenica. I future sul greggio degli Stati Uniti sono aumentati dell’11% a $ 61,10 al barile, scendendo dai massimi attesi dalle aspettative di altri fornitori globali di petrolio per aumentare la produzione.  Il greggio Brent è salito del 13% a $ 68,06 dopo essere salito a $ 71,95.

Il gruppo ribelle Houthi dello Yemen, appoggiato dall’Iran, aveva rivendicato la responsabilità dell’attacco, che ha colpito il più grande impianto di trattamento del petrolio del mondo, ma un alto funzionario americano ha detto ai giornalisti che prove hanno indicato che Teheran era dietro di esso. Gli attacchi hanno aumentato le preoccupazioni degli investitori per la situazione geopolitica nella regione e il peggioramento delle relazioni tra Iran e Stati Uniti. Quelle paure alimentavano beni rifugio, con i prezzi dell’oro che risalivano dell’1% nei primi scambi asiatici a $ 1.503,09. I movimenti nei mercati azionari asiatici sono stati piccoli, tuttavia, con il Giappone chiuso per un giorno festivo. L’indice più ampio di MSCI delle azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone era un segno di spunta inferiore a 515,4.

Le azioni australiane sono diminuite dello 0,1% mentre il KOSPI della Corea del Sud è stato leggermente più alto. Gli E-Minis per l’S & P 500 sono scesi dello 0,4% mentre quelli per il Dow sono scesi dello 0,3%. “Se la propensione al rischio crolla a causa del timore di peggiorare le tensioni in Medio Oriente a seguito di ritorsioni agli attacchi dei droni, alcuni mercati emergenti potrebbero affrontare un doppio colpo di pressione”, ha affermato Mitul Kotecha, stratega senior dei mercati emergenti con sede a Singapore presso TD Securities. “In Asia, le valute più sensibili al rischio sono la rupia indiana, la rupia indonesiana e il peso filippino”.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: