Il ministro europeo dell’Irlanda nega che l’accordo sulla Brexit sia “morto”

irlanda

Il ministro degli Affari europei Irlandese ha negato che l’attuale accordo sulla Brexit fosse morto.

Helen McEntee di Fine Gael ha affermato che l’unico modo per evitare una Brexit senza accordi è che il Regno Unito sostenga l’accordo di recesso.

Il ministro degli Affari europei ha formulato i suoi commenti mentre visitava il centro postale di An Post a Portlaoise, dove le sono stati forniti dettagli su come il servizio sta pianificando una Brexit senza affare.

Domenica l’ex ministro per l’Europa di Fine Gael, Lucinda Creighton, ha dichiarato che ci deve essere un “compromesso” sul controverso backstop e ha chiesto un limite di cinque anni sul backstop per evitare la devastazione economica.

Ha commentato il Sunday Business Post.

Alla McEntee è stato chiesto dei suoi commenti e se l’Irlanda e l’UE dovrebbero offrire un limite di tempo.

Un backstop con un limite di tempo cessa di essere un backstop, ed esiste come meccanismo assicurativo”, ha detto.

È lì in base al fatto che il Regno Unito ha deciso di lasciare l’UE, si basa sul fatto che hanno stabilito linee rosse per lasciare il mercato unico e l’unione doganale”.

“Si basa sugli impegni che hanno preso per proteggere l’accordo del Venerdì Santo, per proteggere il confine invisibile, ma anche per proteggere l’intera economia dell’isola”.

Abbiamo sempre detto se ci sono altre opzioni, se ci sono altri modi per gestire tutti quegli impegni e affrontare tutte le nostre preoccupazioni, allora siamo molto disposti ad ascoltarle“.

La sig.ra McEntee ha accusato Boris Johnson di aver cercato di sostituire il backstop con il solo impegno di “trovare alcune altre soluzioni“.

Riferendosi alla lettera del Primo Ministro al presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in cui chiedeva la caduta del sostegno, la sig.ra McEntee ha dichiarato: “Abbiamo ascoltato alcune proposte che sono già state esaminate dal Regno Unito e dall’UE insieme in passato due anni e mezzo.

Quindi per noi di nuovo, un limite di tempo sul backstop essenzialmente rimuove il backstop perché un meccanismo assicurativo con un limite di tempo cessa di essere una polizza assicurativa“.

Alla domanda se ritiene che l’accordo di recesso nella sua forma attuale sia morto, la sig.ra McEntee ha dichiarato: “Non lo accetto, il (Regno Unito) si è detto in uno scenario senza accordi che vorrebbe impegnarsi molto rapidamente con l’UE”.

Dobbiamo cercare di ristabilire il coinvolgimento, siamo sicuramente contenti di vedere Boris Johnson che ha effettuato numerose visite questa settimana”.

Ma ovviamente, a meno di 10 settimane dalla fine, le uniche persone che possono prendere un affare dal tavolo sono il Regno Unito“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: