Operazione Yellowhammer: trapelano indiscrezione sugli effetti disastrosi della #Brexit

yellowhammer

Con meno di 75 giorni prima dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, un rapporto del governo trapelato al quotidiano The Sunday Times rivela gli effetti disastrosi che una Brexit senza accordi scatenerà sul paese.
Il Regno Unito potrebbe affrontare la carenza di cibo, carburante e medicine se si schianta fuori dal blocco senza un accordo di transizione, secondo le previsioni compilate dall’ufficio del governo con il nome in codice “Operazione Yellowhammer”.
Il dossier prevede inoltre l’introduzione di un confine duro in Irlanda, che è stato il principale punto critico nei negoziati, e gravi interruzioni dei viaggi nei porti del Regno Unito che potrebbero durare fino a tre mesi.

brexit yellowhammer

Operazione Yellowhammer

Le forniture mediche provenienti dall’Europa saranno “vulnerabili a gravi ritardi prolungati” e la disponibilità di alimenti freschi sarà ridotta, causando un aumento dei prezzi, secondo il giornale.
Ha aggiunto che il pubblico e le imprese rimangono in gran parte impreparati a una Brexit senza accordi e che la crescente “stanchezza all’uscita dall’UE” ha ostacolato la pianificazione di emergenza.
Questo non è Project Fear – questa è la valutazione più realistica di ciò che il pubblico deve affrontare senza alcun accordo“, ha detto una fonte governativa al Sunday Times. “Questi sono scenari probabili, di base, ragionevoli, non il caso peggiore“.
Tuttavia, Michael Gove, il ministro britannico responsabile della pianificazione di una Brexit senza accordi, ha dichiarato su Twitter che l’operazione Yellowhammer era in effetti uno “scenario peggiore” e che “sono state prese misure significative nelle ultime tre settimane” per accelerare la pianificazione.

Un portavoce di Downing Street ha detto alla CNNnon commenteremo i documenti trapelati“.
Alcuni hanno contestato l’accuratezza del rapporto Yellowhammer. Il governo di Gibilterra – che è un territorio britannico sulla costa meridionale della Spagna – ha dichiarato alla CNN che i briefing erano “obsoleti” e basati sulla pianificazione di “scenari del caso peggiore” che “ha già affrontato“.

Conto alla rovescia fino al 31 ottobre

Il Regno Unito avrebbe dovuto lasciare l’UE il 29 marzo di quest’anno. Ma è stata concessa una nuova scadenza per il 31 ottobre, dopo che non è stato approvato un accordo di recesso dal Parlamento.
La situazione di stallo a Westminster alla fine ha portato alle dimissioni dell’ex primo ministro Theresa May, aprendo la strada al nuovo leader Boris Johnson che ha promesso di uscire dal blocco il 31 ottobre, anche senza un accordo.
Questa settimana Johnson farà il suo primo viaggio all’estero come Primo Ministro, diretto a Berlino e Parigi, dove gli analisti affermano che dovrebbe sostenere un nuovo accordo sulla Brexit in sostituzione dell’accordo assediato di May.
Incontrerà il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel in vista del vertice del G7 a Biarritz in Francia il prossimo fine settimana.

yellowhammer
La prospettiva di una svolta della Brexit sembra improbabile. L’UE ha ripetutamente affermato che l’accordo di recesso – che è stato sconfitto tre volte nel parlamento britannico – non può essere rinegoziato.

Non si torna indietro

Il dossier trapelato arriva mentre il governo britannico domenica ha demolito lo storico Brussels Act del 1972, ponendo fine a tutta la legislazione dell’UE nel Regno Unito.
L’abrogazione dell’atto entrerà in vigore il 31 ottobre, quando il Regno Unito lascerà formalmente l’UE.
Questo è un chiaro segnale per la gente di questo paese che non si può tornare indietro – stiamo lasciando l’UE come promesso il 31 ottobre, qualunque siano le circostanze“, ha detto il segretario di Stato, Steve Barclay, in un dichiarazione.

La scorsa settimana, il leader dell’opposizione Jeremy Corbyn ha definito il suo piano per impedire a Johnson di condurre il paese in quella che molti temono potrebbe essere una catastrofica Brexit senza affare.
Il leader del Partito Laburista ha annunciato che inizierà l’esame di un voto di sfiducia nel governo di Johnson “alla prima opportunità” e cercherà di formare un governo “strettamente limitato nel tempo”, in una lettera inviata ai leader di altri partiti britannici.

Attualmente, Johnson ha una maggioranza parlamentare di uno. Questo lo rende vulnerabile alla perdita di un voto di sfiducia. Mentre far cadere il suo governo non fermerebbe automaticamente una Brexit senza accordi, potrebbe innescare una serie di eventi che lo portano a richiedere un’estensione della Brexit.
Con il tempo che scorre verso il 31 ottobre, il tempo sta per scadere per una svolta nella situazione di stallo della Brexit.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: