Incentivi auto 2018: ecco tutte le novità

Oggi acquistare un’auto a basse emissioni conviene sotto molti aspetti, sia quelli ambientali che quelli relativi agli incentivi auto e alle agevolazioni regionali. A spingere sono soprattutto le Regioni, che per migliorare la mobilità locale propongono tantissime soluzioni vantaggiose. In seguito alla continua crescita del mercato automobilistico degli ultimi anni, il Governo sta stanziando sempre meno risorse, mentre gli enti regionali stanno incrementando i fondi per assicurarsi che gli automobilisti scelgano veicoli meno inquinanti.

È questo, quindi, il momento giusto per liberarsi della propria auto usata approfittando delle agevolazioni in corso. In un momento in cui le auto ecologiche si stanno diffondendo in tutta Europa, le vecchie euro 0, euro 1 o euro 2 sono soltanto un ostacolo per le proprie finanze e soprattutto per l’ambiente: non solo contribuiscono ad aumentare l’inquinamento, ma sono dispendiose dal punto di vista dei costi e dei consumi.

Vediamo in breve quali sono gli incentivi auto 2018: per chi avesse intenzione di cambiare auto e passare ad una elettrica, metano, GPL o a Gas, purtroppo per quest’anno non ci sono incentivi statali, in quanto lo Stato non ha avuto interesse a riconfermarli. Anzi, gli incentivi saranno offerti solo ed esclusivamente dalle case madri, fatta eccezione del Superammortamento 2018 utilizzabile soltanto dai professionisti, dalle aziende, o più in generale dai titolari di partita IVA.

Come abbiamo già detto però, molte Regioni offrono una riduzione o addirittura l’esenzione dal pagamento del bollo auto per i primi 5 anni dopo l’acquisto. L’esenzione varia in base alle regioni, e attraverso il servizio ACI è possibile scoprire tutte le agevolazioni del bollo auto regione per regione.

Mentre, per chi non lo sapesse ancora, dal 26 gennaio 2017, grazie alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto 219/2015, è possibile anche in Italia trasformare la propria auto con motore termico in un veicolo elettrico (“decreto Retrofit incentivi auto elettriche”). Se da un lato si tratta di un investimento inizialmente impegnativo, dall’altra parte si otterrà un veicolo ecologico, efficiente ed economico in termini di consumo, e si potrà godere dell’esenzione del bollo auto per 5 anni, di una riduzione del 50% sul prezzo della polizza assicurativa, e infine, del libero accesso alle ZTL.

In Italia, ad oggi, circolano più di 37 milioni di auto, quasi tutte Euro 4, Euro 5 e 6 e la maggior parte ancora alimentate a benzina e a gasolio. Soltanto il 7,10% sono ecologiche, un numero estremamente basso, ma si spera che un giorno diventeranno gli unici mezzi a circolare sulle nostre strade.

Share

Commenti

commenti