Presentata a Bari l’auto elettrica tutta italiana Tua/Ambra

Presso la Fiera del Levante di Bari, (81^ edizione – 9 al 17 settembre), alla presenza dell”assessore Comunale,  Capone e il Presidente della Regione Puglia, Emiliano,  è stata presentata una novità tutta Italiana (nell’ambito della ricerca dell’energia alternativa alle fonti petrolifere). La Società  Tua Industries – LCV Capital Management, fondo d’investimento statunitense  con  oltre 1,5 milioni di Euro investiti ha lanciato il proprio  di minicar. Il prototipo deriva da un progetto di start up dell’auto «Tua/Ambra » nato tutto in Italia. La LCV ha rilevato la storica società pugliese dei Carrelli OM ormai ferma da tempo. L’Amministratore delegato Giovanni Battista Razelli ha fatto tornare alcuni degli operai in cassa integrazione e ha convertito la fabbrica (Chi ha acquistato la OM qualche anno fa ha trasferito la produzione ad Amburgo, facendo chiudere – di fatto – lo storico marchio di Modugno (BA)).  Ci sono grandi ambizioni e la ricerca di partnership “importanti” per trasformare la vettura elettrica Made in Puglia, attualmente in veste di prototipo, in una realtà per i centri urbani congestionati e altamente inquinati.

La Tua/Ambra  è una minicar, con una veste estetica che è la combinazione di una Smart (nel frontale) e una minicar per il resto della carrozzeria. I materiali utilizzati sono però di qualità, alluminio e Fibra di  Carbonio. Il peso complessivo è di circa 500 kg, mentre l’autonomia di percorrenza con un pieno, è di circa 400 km.

Razelli vorrebbe far tornare  in organico i 440 dipendenti della ex OM  entro dicembre (alla scadenza degli ammortizzatori sociali). La Regione però vuole maggiori garanzie  e definizioni del piano di azione e di investimento (si parla di grandi cifre) C’è la necessità di reperire liquidità per acquistare nuovi macchinari e porre la fabbrica in condizioni adeguate agli standard produttivi moderni.

Tua sta cercando nuove partner per portare avanti il proprio progetto. OM è una fabbrica che da sempre utilizza accumulatori per i propri muletti. Si tratta di aggiornare i sistemi di immagazzinamento dell’energia secondo nuovi standard. Fare nuovi pacchi batterie per una minicar non dovrebbe essere cosa difficile. L’apporto tecnologico di una grossa società, (e nessuno nasconde che per  iniziare al più presto la produzione,  i vertici della società puntano alla FCA, anche per la successiva rete commerciale e distributiva sul territorio). Le origini professionale di Giovanni Battista Razelli, amministratore delegato di Tua, è stato responsabile dei mercati internazionali di Fiat auto nonché numero uno di Fiat auto in Sud America.

Intanto godiamoci le immagini della nuova “Made in Bari”

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: