Vampiri energetici e vampiri emotivi che ‘succhiano’ le energie di chi li circonda. Ecco come proteggerci

Con determinate persone può capitare di sentirsi stanchi e senza energie nel gestire il proprio rapporto. Se questo vi capita, probabilmente vuol dire che avete a che fare con una persona che viene denominata vampiro energetico (o vampiro emotivo). Un nomignolo buffo ma che in psicologia ha un senso ben preciso: si tratta di persone che sia consapevolmente che inconsapevolmente possono succhiare l’energia di chi li circonda per utilizzarla poi a proprio vantaggio. Così mentre in vampiro esce dal rapporto in modo fruttifero e carico, noi ne rimaniamo colpiti e spossati.

Chi è il vampiro energetico? Impariamo a riconoscerlo

Il primo segno che li contraddistingue è proprio quello di ritrovarci stanchi dopo aver avuto a che fare con loro. Le discussioni risultano sempre faticose e inoltre queste persone hanno sempre bisogno di essere rassicurate, con ossessive richieste di conferma. Tutti comportamenti che a lungo andare minano il rapporto di qualsiasi genere esso sia.

Altri segni che li contraddistinguono sono ad esempio l’eccessiva criticità nei confronti degli altri e non meno importante, il ricatto emotivo facendoci sentire in colpa per poterci poi sfruttare.

Come dicevamo all’inizio, l’essere un vampiro energetico non sempre è sinonimo di malignità o intenzionalità. Spesso infatti si tratta di persone con blocchi psicologici importanti che tendono a proiettare sugli altri le proprie difficoltà.

[amazon_link asins=’B00DSPXTH0,B06VWDM4NT,B002Y23HUW,8807032260′ template=’ProductCarousel’ store=’ragnatela-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ef843179-3bd9-11e8-83ef-7f7c467be661′]

Esistono poi i vampiri consapevoli e qui le cose cambiano: si tratta di persone narcisiste che agisce contro il prossimo per trarne giovamento.

Per combattere queste situazioni non dobbiamo cadere nella loro trappola e la cosa non risulta difficile visto che generalmente i vampiri energetici sono sempre persone della nostra stretta cerchia relazionare, dai parenti agli amici prossimi. Sarà così più facile far notare in modo cauto a queste persone che questi atteggiamenti portano disagio e infelicità. Il passo successivo può essere quello di suggerire un aiuto esterno di un professionista, cosa che potrà avere giovamento solo nel caso ci sia l’accettazione dei propri limiti da parte del vampiro.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: