Real estate investing: come investire nel mercato immobiliare?

 

Investire nel mercato immobiliare è sicuramente un’ottima idea, specialmente nel periodo attuale perché nel 2021, usciti dal picco della crisi dovuta alla pandemia, l’intero settore si sta riprendendo molto bene e si riescono ancora a concludere degli ottimi affari. Il mattone è ancora considerato un bene rifugio soprattutto in Italia, ma per investire nel mercato immobiliare è importante valutare con attenzione i molteplici aspetti della compravendita. Non si tratta di una passeggiata insomma: i fattori che entrano in gioco quando si compie un investimento di un certo spessore come questo sono parecchi. 

Ecco allora alcuni consigli per investire nel mercato immobiliare senza troppi rischi ed ottenere delle ottime opportunità di guadagno. 

  • # Valutare il mercato immobiliare

Indipendentemente dalla tipologia di casa che si è adocchiata e del fine ultimo del proprio investimento, per evitare di spendere più del dovuto è sempre fondamentale valutare il mercato immobiliare di riferimento. Il valore delle case infatti dipende da molteplici fattori e non si può considerare universale: cambia in base alla sua ubicazione, alla tipologia di appartamento, al suo stato e via dicendo. Per questo, onde evitare di commettere qualche errore conviene effettuare una valutazione immobiliare accurata in modo da capire se il prezzo di vendita sia effettivamente vantaggioso o meno. 

  • # Stabilire un budget per l’investimento

Ogni qualvolta si intende investire nel mercato immobiliare è importante anche stabilire un budget massimo da non superare, anche se si ha una grande capienza finanziaria. Non importa quanti soldi si abbiano in banca o siano previsti dal finanziamento ottenuto: quello che veramente conta è l’effettivo guadagno che si può raggiungere nell’immediato futuro. Meglio dunque stabilire un budget massimo e porsi degli obiettivi ben precisi, altrimenti si rischia di farsi sfuggire di mano tutta la situazione. 

  • # Valutare la tipologia di immobile 

Un altro aspetto che non deve mai essere messo in secondo piano riguarda la tipologia di immobile, perché nell’ultimo anno segnato dalla pandemia la domanda da parte degli italiani è cambiata in modo significativo. Sono sempre meno, ad esempio, coloro che acquistano monolocali mentre moltissime persone hanno deciso di orientarsi su villette indipendenti con giardino o comunque appartamenti di ampia metratura. La presenza di un balcone o di un terrazzo fino a qualche anno fa non faceva una grande differenza, mentre oggi è un dettaglio fondamentale per la maggior parte degli acquirenti. Questi sono tutti elementi che devono essere considerati nel momento in cui si investe in un immobile, perché incidono sull’effettiva possibilità e facilità di ricavarne un profitto.

  • # L’ubicazione: un fattore che è cambiato 

Un altro fattore che nell’ultimo anno è cambiato riguarda l’ubicazione dell’immobile. Se infatti prima del Covid c’era una maggior richiesta di appartamenti in centro città, mentre la periferia era considerata un’alternativa molto meno gettonata, oggi la situazione si è quasi capovolta. Complice lo smart working, in molti hanno deciso di andare a vivere fuori dal centro cittadino e riscoprire la campagna, dove si gode di una maggior tranquillità. Anche questo è un fattore che conviene considerare nel momento in cui si compie un investimento. 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: