La Germania restituirà il vaso di fiori rubato dai nazisti 76 anni fa

vaso

La Germania dice che restituirà un dipinto rubato dalle truppe naziste alla Galleria degli Uffizi nella città italiana di Firenze nel 1943.

Vaso di fiori, stimato in milioni di euro, è stato nelle mani di una famiglia tedesca.

A gennaio, Eike Schmidt, capo degli Uffizi, ha dichiarato che la Germania ha un “dovere morale” di riportarlo al museo.

La natura morta fu dipinta dal maestro olandese Jan van Huysum e fu esposto per la prima volta a Firenze nel 1824.
Le truppe tedesche hanno rubato il lavoro mentre si ritiravano verso nord durante la seconda guerra mondiale.

Perché ci è voluto tanto tempo per far si che il dipinto tornasse?

Il dipinto riemerse nel 1991 dopo la riunificazione tedesca, ma gli sforzi per restituirlo fallirono.

La famiglia non identificata aveva chiesto fino a 2 milioni di euro per il dipinto, hanno riferito i rapporti, mentre le autorità tedesche avevano citato uno statuto di limitazioni su reati di più di 30 anni che, a quanto si dice, impedivano di intervenire.

Ma dopo l’appello di Eiche per il ritorno del dipinto, il governo tedesco contattò i discendenti del soldato nazista.

Le autorità hanno detto che il dipinto non era stato saccheggiato come parte della persecuzione nazista organizzata, ma era stato semplicemente rubato. Questo, secondo gli avvocati, significava che il soldato che l’aveva preso non poteva essere visto come il suo proprietario e non aveva il diritto di lasciarlo in eredità a nessuno, secondo il quotidiano Die Zeit.

Nel frattempo gli avvocati della famiglia sostenevano che il soldato l’aveva semplicemente comprato in un mercato per avere qualcosa di carino da inviare a sua moglie, la cui casa era stata bombardata.

Non sono stati resi noti dettagli dell’accordo raggiunto tra il governo tedesco e la famiglia.

Cosa è successo al Vaso di fiori?

Secondo la galleria, il Granduca Leopoldo II di Toscana acquistò originariamente l’opera all’inizio del XIX secolo.

Fu esposto per oltre un secolo insieme a opere di altri maestri olandesi, ma fu evacuato in un villaggio vicino quando l’Italia entrò in guerra nel 1940.

Le truppe tedesche lo sequestrarono con altri dipinti mentre si spostavano verso nord nel 1943 in seguito all’invasione alleata dell’Italia.

Una foto in bianco e nero di Vaso di fiori è appesa nella galleria – inscritta con la parola “rubato” in inglese, tedesco e italiano – durante l’attesa del ritorno dell’originale.

Schmidt – egli stesso tedesco – ha invitato la Germania ad abolire lo statuto delle limitazioni sulle opere rubate dai nazisti in modo che tutte le opere d’arte rubate possano tornare ai “legittimi proprietari”.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: