Nuovi trattamenti mostrano una promessa nella lotta contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo

ebola

Due dei quattro trattamenti in fase di sperimentazione nel secondo più grande focolaio di Ebola al mondo saranno ora offerti a tutti i pazienti dopo aver mostrato la promessa di salvare vite umane, gli scienziati e i funzionari sanitari hanno annunciato lunedì.

I risultati preliminari di uno studio randomizzato controllato iniziato lo scorso novembre in quattro centri di trattamento per l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo orientale hanno indicato che i pazienti che ricevevano una delle due terapie, noti come REGN-EB3 e mAb114, avevano maggiori possibilità di sopravvivenza rispetto a quelli ricevere altri due farmaci, noti come ZMapp e remdesivir, secondo il dott. Anthony Fauci del National Institute of Allergy and Malattie infettive degli Stati Uniti, che sta sponsorizzando lo studio clinico.

Dopo una riunione di venerdì per rivedere i risultati iniziali, una commissione di monitoraggio indipendente ha raccomandato di offrire a tutti i futuri pazienti REGN-EB3 e mAb114, mentre gli altri due trattamenti venivano interrotti.

Significa che ora abbiamo quelli che sembrano [due] trattamenti per una malattia che, non molto tempo fa, non avevamo davvero alcun approccio terapeutico“, ha detto Fauci ai giornalisti durante un briefing telefonico lunedì, sottolineando che devono essere necessarie ulteriori ricerche fatto.

D’ora in poi, non diremo più che l’Ebola è incurabile

Entrambi i farmaci, che sono stati sviluppati utilizzando anticorpi dei sopravvissuti all’ebola, si sono dimostrati particolarmente efficaci nei primi giorni dell’infezione. Tra i pazienti ammessi con bassi livelli di virus Ebola rilevati nel sangue, i ricercatori hanno scoperto che il 94% con REGN-EB3 e l’89% con mAb114 sono sopravvissuti. Al contrario, il 76% su ZMapp e il 67% su remdesivir sono sopravvissuti.

D’ora in poi, non diremo più che l’Ebola è incurabile“, ha dichiarato il Dr. Jean-Jacques Muyembe, direttore generale dell’Istituto nazionale per la ricerca biomedica della Repubblica Democratica del Congo, l’altro co-sponsor dello studio.

REGN-EB3 è prodotto dalla società americana di biotecnologia Regeneron Pharmaceuticals e mAb114 è stato sviluppato dall’Istituto nazionale americano di allergie e malattie infettive, che ha concesso in licenza la produzione lo scorso anno alla società americana di biotecnologia Ridgeback Biotherapeutics.

Il processo è stato condotto da un consorzio di ricerca internazionale coordinato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il braccio sanitario globale delle Nazioni Unite, che il mese scorso ha dichiarato l’attuale scoppio un’emergenza sanitaria globale.

Mettere in cura le persone più rapidamente è assolutamente vitale“, ha dichiarato il dott. Michael Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS durante il briefing telefonico di lunedì. “Il fatto che ora abbiamo prove molto chiare sull’efficacia dei farmaci, dobbiamo diffondere questo messaggio alle comunità“.

Questo è il decimo focolaio della malattia nella Repubblica Democratica del Congo e il più grave nel paese dal 1976, quando gli scienziati hanno identificato il virus mortale vicino al fiume Ebola.

Il direttore generale dell’OMS ha descritto l’epidemia attuale come più complessa dell’epidemia più letale 2014-2016 in più paesi dell’Africa occidentale a causa dell’instabilità politica della regione, attacchi agli operatori sanitari, una popolazione molto mobile e diffidenza e disinformazione della comunità. È il primo focolaio di Ebola in una zona di guerra attiva.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: