DS 9 E-Tense 4×4, l’auto del futuro del Gruppo PSA è oggi nelle strade

Già al primo sguardo la maestosa silhouette della DS 9 Tense 4×4  promette un nuovo livello di benessere e comfort. Il suo look si proietta verso una sofisticata eleganza, mentre sotto il cofano brillano tecnologie di ultima generazione, in grado di scatenare nuove suggestioni grazie alla natura ibrida plug-in della propulsione.

Sulla DS 9 Tense 4×4 la presenza del motore turbo benzina e di due motori elettrici, sono alla base di un nuovo piacere di guida. Un appagamento che inizia dal numero zero, come le emissioni, il rumore e le vibrazioni con la modalità Electric inserita. Da zero si sale ai 5,6 secondi che servono per passare da 0 a 100 km/h di velocità, poi ancora a 45, ovvero i chilometri di autonomia nella modalità Electric che consente fino a 136 km/h di velocità. Da qui si sale a 250, i km/h di velocità massima espressione del futuro del Gran Turismo, considerando le alte prestazioni unite a bassi consumi ed emissioni di CO2. Le accelerazioni, con il chilometro da fermo viene percorso in soli 25,2 secondi, mentre si passa da 80 a 120 km/h in 3,2 secondi.

Il picco arriva invece a 360 CV , come la potenza, frutto dell’erogazione combinata tra motore endotermico ed elettrico.

I due motori elettrici di bordo propongono 110 CV (81 kW) per l’assale anteriore e 113 CV (83 kw) per quello posteriore, con il risultato di ben 520 Nm di coppia subito disponibili per scatenare inebrianti accelerazioni.

Nel contempo i dati sui consumi, con la carica completa della batteria di trazione mostrano 1,8 litri per 100 km nel rigoroso ciclo WLTP. La stessa batteria di trazione agli ioni di litio da 11,9 kWh, grazie al caricatore di bordo da 7,4 kW si ricarica in 1 ora e 30 minuti in stazioni di ricarica domestica o pubblica.

La sintesi prestazionale merita un approfondimento delle differenti tecnologie che dal lato propulsivo equipaggiano la DS 9 Tense 4×4. Ad iniziare dall’efficienza del motore endotermico da 1.598 cm3 benzina, che si avvantaggia della sovralimentazione per conferire 200 CV di potenza, Un modo per mantenere l’equilibrio dinamico della vettura, in questo caso favorito da una architettura delle sospensioni sulla base di un assale anteriore Mac Pherson e multi-link posteriore.

Con 5 modalità di guida tra cui scegliere trazione e potenza dimostra di saper affrontare differenti situazioni e stati d’animo del guidatore:

  • Electric
  • Confort
  • Hybrid
  • Sport
  • 4WD

In modalità Hybrid la centralina che comanda il sistema garantisce transizioni impercettibili per gli occupanti, mentre la modalità Sport E-TENSE abbina propulsione termica ed elettrica al massimo potenziale, con una configurazione modificata del pedale dell’acceleratore, del cambio, dello sterzo e della sospensione pilotata.

Specifiche tarature hanno il compito di assecondare il dominio della esuberante potenza della vettura nelle diverse condizioni di marcia e riguardano lo sterzo in modalità Hybrid e Sport, le esclusive sospensioni pilotate DS ACTIVE SCAN SUSPENSION che si regolano in continuazione seguendo le informazioni sulla qualità della strada provenienti dalla telecamera frontale, e i sistemi ESP e ASR che intervengono per gestire lo slittamento, diventando meno invadenti in modalità Sport.

Anche esternamente la vettura subisce piccoli cambiamenti, grazie a un aumento di 24 mm per la carreggiata anteriore, 12 mm per quella posteriore, e specifici pneumatici Michelin Pilot Sport 4S 235/40 R20 che sui maestosi cerchi da 20” si prestano anche all’uso nelle 4 stagioni, per effetto dell’omologazione invernale M+S. Il maggior grip si traduce inoltre in maggiore facilità nell’affrontare fondi difficili, in abbinamento con la modalità 4WD che gestisce la trazione integrale.

Allo stesso tempo la forza frenante è stata opportunamente dimensionata, come dimostrano i generosi dischi anteriori 380×32 mm su cui agiscono 4 pistoni.

DS Automobiles ha travasato anche parte della entusiasmante esperienza derivata dalle competizioni di Formula E, grazie al software di gestione dell’energia mappato specificatamente per ottimizzare la disponibilità della potenza combinata nell’uso della propulsione ibrida. Anche la massimizzazione della rigenerazione di energia in frenata beneficia di una esclusiva modifica.

La propulsione ibrida si riconosce nel valore delle emissioni di CO2, pari a solo 43 g/km nel ciclo combinato, oppure uguali a zero con la modalità Electric in uso. La DS 9 Tense 4×4 risponde al più recente standard 6.3 ISC FCM per quanto riguarda le normative Euro in termini di omologazione.

I vantaggi riguardano anche il lato fiscale, dove viene considerata solo la potenza del motore endotermico di 147 kW (200 CV) ai fini del bollo annuale. Infine, la fluidità del cambio automatico ad 8 rapporti asseconda un nuovo piacere di guida e quel confort da Prima Classe con cui la nuova berlina traccia un solco netto nel fornire nuove emozioni, in grado di restituire l’esclusivo savoir faire tipico di DS Automobiles.  La possibilità di utilizzo sequenziale della cambiata aggiunge valore nella guida più dinamica, soddisfando la preferenza individuale per una manualità dal sapore sportivo, grazie ai paddle al volante che permettono fulminei passaggi tra i differenti rapporti.

 

La DS 9 Tense 4×4 si aggiunge alla variante a due ruote motrici, proponendo analoghi allestimenti, e un listino di 66.900 euro per PERFORMANCE LINE+ che ne enfatizza il carattere sportivo, oppure 69.900 euro per RIVOLI+ con cui emerge il lato più elegante di questa lussuosa e dinamica berlina.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: