Peugeot 2008 ridefinisce la Classe dei Crossover B-Suv

La Peugeot 2008  è una delle novità del Mercato 2020, tra le più attese. Tutta nuova rispetto alla precedente versione. Riprende forma e stile della 3008 e si presenta  come un vero e proprio crossover, in formato ridotto. Nasce sulla ormai nota piattaforma CMP ampiamente collaudata con le ultime novità PSA, sia per Peugeot, Citroen e DS. In particolare c’è molto dell’ultima DS 3 Crossback nei contenuti tecnici. La linea molto più incisiva della precedente versione

Le dimensioni sono aumentate, c’è la versione ibrida e si può dire che a parte il nome, della serie precedente non c’è più nulla. Raggiunge ora i 430 cm (+14 cm). Anche nell’abitacolo troviamo molto dello stile 3008. Il layout è tipicamente Peugeot, con il piccolo volante e i due principali quadranti o strumenti, uno davanti al pilota (nelle versioni base analogico) e per il resto completamente digitale sulla plancia con il display da 7” (che arriva fino a 10” nelle versioni Top di gamma). ci sono ora i tasti di scelta rapida che ne migliorano anche l’ergonomia, mentre la qualità dei materiali è notevolmente aumentata. Più grande e più comoda, consente di accogliere meglio i passeggeri posteriori e i loro bagagli. A tal riguardo, pur perdendo la ruota di scorta, aumenta il vano di carico, che vanta il doppio fondo e  raggiunge 434 dm3. Perde però un elemento comodo per la variazione di carico, i sedili posteriori scorrevoli, ma non la modularità di carico.

Oggi il nuovo Piccolo Crossover di casa Peugeot ridefinisce il concetto di piacere di guida, certamente grazie ad esclusivi contenuti tecnologici come il nuovo i-Cockpit® 3D, ma anche grazie ad uno stile personale e muscoloso, appagante anche alla vista. Uno stile che passa anche attraverso un dettaglio di non poco conto.

Sembrerà strano, ma a livello stilistico, la personalità di un’auto passa anche attraverso lo stile dell’impianto di scarico, così come lo stile e le dimensioni dei cerchi ruota o la tipologia della calandra anteriore. Singoli elementi di design che completano un quadro di insieme carico di personalità e che, nel caso di Nuovo 2008 comunica il posizionamento dinamico dell’auto, con l’intenzione di far abbandonare l’idea del passato che voleva i suv compatti come veicoli sì multiterreno, ma poco appaganti alla guida.

Alcuni si ricorderanno che, negli anni 70/80, le auto esibivano terminali di scarico in bella mostra, quasi a comunicare la cavalleria di cui erano dotate: quelle più sportive o dal motore plurifrazionato si lasciavano infatti andare al doppio terminale gemellato, tondo, ovale, quadrato, a taglio netto o a fetta di salame, dalle forme più originali, ma doppio. Le vere supercar, poi, andavano anche oltre, sfoggiandone anche quattro, due per parte. Era la massima celebrazione della potenza e della sportività.

Dopo qualche anno il terminale di scarico doveva essere nascosto agli occhi delle persone, quasi a voler comunicare che l’auto è diventata più rispettosa dell’ambiente e silenziosa per via della loro assenza visiva.

Hanno fatto la loro ricomparsa sulle auto di tutti i giorni, spesso negli allestimenti più alti della gamma, quasi a voler rivendicare un ruolo primario tra le dotazioni di un’automobile. Si tratta di cornici cromate realizzate sul paraurti posteriore per dare dinamismo all’insieme in maniera simmetrica.

Forte di 6 diverse motorizzazioni e di 5 livelli di allestimento, la gamma di Nuovo 2008 è costituita da 23 diverse combinazioni complessive.

Benzina PureTech con potenze di 100, 130 e 155 CV, Diesel BlueHDi da 100 o 130 CV ed anche una versione 100% elettrica, accreditata di 136 CV.

Partendo da quest’ultima, non essendo presente sotto il cofano un motore a combustione interna, ovviamente gli scarichi non sono fisicamente presenti, nemmeno accennati da una sagoma sul paraurti, ed è l’unico caso nella gamma del suv compatto del Leone.

Proseguendo col Diesel, sia la versione da 100 che quella da 130 CV adottano uno scarico singolo tondo posizionato sul lato destro del posteriore, però con due tipologie di finitura in funzione dell’allestimento. Con finitura a taglio vivo sugli allestimenti Active e Allure, cromato e arrotondato su quello superiore GT Line.

I benzina PureTech, infine, sono quelli che possono esser dotati di terminale singolo o doppio, ma anche in questo caso entrambi rigorosamente veri. Le motorizzazioni da 100 CV adottano un terminale singolo a taglio vivo posizionato a destra, mentre sia le versioni da 130 che quelle ancor più potenti da 155 CV adottano un doppio scarico con terminale singolo, ma non un sistema gemellato, bensì uno per lato, ed entrambi di forma trapezoidale con finitura cromata.

Il Nuovo 2008 è pensato per chi vuole vivere nuove esperienze al volante di un’automobile. Grande compagna di libertà e portabandiera dei valori e della visione del marchio Peugeot verso un futuro entusiasmante, rappresenta l’interpretazione ultra moderna di un’esperienza di guida istintiva e in grado di interpretare al meglio diverse esigenze di mobilità. Autentico e dalle dimensioni ideali, si fa notare per lo stile, particolarmente forte e personale. Ultra-tecnologico, adotta il nuovo Peugeot i-Cockpit® 3D di nuovissima generazione unitamente ad equipaggiamenti ed aiuti alla guida che esprimono il massimo livello del know-how della Casa del Leone. Multi-energia, dà libertà di scelta fra 3 diversi tipi di alimentazione: benzina, Diesel e 100% elettrica, tutte in grado di esaltare le caratteristiche di questo nuovo Suv del Leone, coniugando prestazioni con grande efficienza

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: