The 100: 5 curiosità sullo show

the 100

Quando The 100 è stato presentato per la prima volta nel 2014, quello molti spettatori si aspettavano era una serie banale ed ambientata in un futuro “standardizzato”. Tuttavia, questa serie ha tirato fuori colpi di scena sin dal 3 ° episodio e ha continuato a farlo da allora. Lo spettacolo è oscuro, unico e moralmente ambiguo. Pone domande difficili, ma non garantisce mai risposte facili.

Oltre allo storytelling avvincente, al casting spot-on e agli sviluppi della trama sorprendenti, la serie presenta anche uno dei cast più diversi che vedrai in TV. Lodato come uno spettacolo femminista fin dall’inizio, The 100 descrive le donne come eroi, cattivi e tutto il resto. Tuttavia, c’è di più nello spettacolo dei suoi personaggi femminili a tutto tondo. La serie è incredibilmente progressiva non solo nel trattamento del genere, ma anche di razza e orientamento.

Potresti pensare che sarebbe impossibile per le storie che si svolgono dietro le quinte di questo mondo post apocalittico confrontarsi con ciò che vedi sullo schermo. Per quanto la serie sia piena di azione, c’è quasi altrettanto dramma in atto quando le telecamere smettono di girare.

Ecco 5 curiosità su The 100 che ancora non conoscevi (attento agli spoiler sulle prime stagioni):

La faida di Ricky Whittle con lo showrunner

Nel marzo del 2016, la mamma di Ricky Whittle ha scritto su Twitter per criticare il modo in cui lo showrunner Jason Rothenberg ha trattato suo figlio.

Jason Rothenberg ha abusato del suo potere per rendere il mio lavoro insostenibile“, ha dichiarato Whittle. In quella stessa intervista la star americana Gods ha anche criticato il modo in cui Rothenberg ha affrontato non solo della morte del suo personaggio, ma anche di quella di Lexa, definendola “debole” narrazione.

Sebbene le morti controverse abbiano indotto molti spettatori a chiedere un boicottaggio della serie, Whittle ha chiarito che non lo avrebbe mai sostenuto.

Indipendentemente dalla sua faida con Rothenberg, Whittle vuole che i fan continuino a guardare quello che considera ancora un grande spettacolo di cui è orgoglioso.

Steve Talley è stato licenziato dopo che i fan hanno ritenuto il suo account Twitter offensivo

La relazione tra Raven e Wick si stava riscaldando, o almeno così è stato fino a quando gli sceneggiatori non decisero di lasciarlo fuori dallo schermo. Rothenberg ha affermato che questo è stato il risultato del fatto che il suo personaggio ha allontanato tutti.

Ciò potrebbe essere credibile se non fosse per l’account Twitter di Steve Talley, pieno di contenuti offensivi, dalle battute razziste ai riferimenti all’appartenenza al KKK dell’attore. Questi commenti probabilmente erano fatti per scherzo, ma nessun altro stava ridendo.

L’account non è stato verificato, portando alcuni fan a chiedersi se appartenesse davvero a Talley. Tuttavia, i suoi seguaci, che includevano costar e scrittori dello spettacolo, lasciavano pochi dubbi sulla sua autenticità. Talley è stato licenziato dopo che i fan hanno scoperto l’account, interrompendo efficacemente la relazione tra Raven e Wick.

Il pubblico dello spettacolo è calato dalla morte di Lexa

La quantità di follower dell’account Twitter di Jason Rothenberg non è stato l’unico numero che è precipitato a seguito della morte di Lexa. I numeri di The 100 hanno subito un grande calo dopo che l’episodio è andato in onda e la serie non si è mai completamente ripresa. Mentre è vero che molti spettacoli perdono spettatori mentre progrediscono, questo cambiamento sembra coincidere con la perdita di Lexa.

La settimana dopo la trasmissione del controverso episodio, molti fan si sono rifiutati di guardare lo spettacolo, usando invece un hashtag Twitter #LGBTFansDeserveBetter. Considerando il calo degli spettatori, il loro boicottaggio suggerito sembra essere rimasto in vigore per almeno una parte del pubblico dello spettacolo. Per un po ‘di tempo, la serie è rimasta intorno ai 1,5 milioni di spettatori, ma da quando la prematura scomparsa di Lexa è andata in onda, The 100 non è riuscita a raggiungere il milione di spettatori.

Perché Isaiah Washington è stato licenziato dal suo altro grande ruolo

C’è stata un’innegabilmente alta quantità di drammi dietro le scene di Grey’Anatomy. Il primo indizio sul fatto che sul set del tanto amato dramma medico stessero sorgendo problemi è stato quando i costar Isaiah Washington e Patrick Dempsey sono quasi arrivati alle mani. Durante lo scontro, Washington – che ora interpreta Thelonius Jaha in The 100 – ha pronunciato un insulto omofobico in riferimento all’attore T.R. Knight.

Washington ha solo peggiorato le cose sulla scia dell’incidente. Dopo aver ripetuto la parola offensiva in questione durante un’intervista, ha anche proceduto prima a scusarsi per quello che aveva fatto, ma poi ha negato che fosse successo.

La parte più tragica di tutto ciò è stata che Knight non aveva ancora fatto coming out, e invece di farlo alle sue condizioni, l’attore è stato costretto dallo scandalo.

Eliza Taylor non ha mai fatto il provino per il ruolo di Clarke

In genere, gli attori devono lottare a lungo e duramente per i ruoli che desiderano, soprattutto all’inizio della loro carriera. Spesso devono fare un’audizione dopo l’altra, a volte superando diversi round di prove solo per perdere la parte a qualcun altro. Tuttavia, questo non è stato il caso di Eliza Taylor.

Ha ottenuto il ruolo principale di Clarke Griffin senza fare l’audizione.

I produttori hanno esaminato un nastro per l’audizione che Taylor aveva realizzato per un film diversi mesi prima e le hanno chiesto di andare a leggere il copione. Il giorno dopo andò a un incontro e finì per ottenere la parte. È stata molto fortunata, considerando che l’attrice era pronta a fare le valigie per l’Australia dopo che la sua carta di credito era stata rubata e si era ritrovata a Los Angeles senza più un euro.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: