Suicidio: ogni 40 secondi una persona muore

suicidio

Una persona muore ogni 40 secondi per suicidio, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha dichiarato in vista della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio martedì 10 settembre, avvertendo che troppi paesi hanno messo in atto strategie di prevenzione. Secondo i dati dell’OMS, circa 800.000 persone muoiono ogni anno per suicidio, con oltre tre quarti di questi decessi nei paesi a basso e medio reddito. Il suicidio è stata la seconda causa di morte tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, dopo un infortunio stradale, nel 2016.

L’agenzia delle Nazioni Unite ha affermato che il modo più efficace per ridurre il numero di suicidi sarebbe che i governi limitassero l’accesso ai pesticidi. Russia, Lituania, BielorussiaL’Europa è colpita in modo sproporzionato, con una media di 13 persone su 100.000 che muoiono per suicidio nel 2016, un dato superiore alla media globale di 10,5 per 100.000. Ma ci sono ampie disparità in tutto il continente. Nel 2016 Grecia e Finlandia hanno registrato 3,8 morti per suicidio per 100.000 abitanti, il tasso più basso del continente. Cipro e Italia hanno arrotondato i tre inferiori con i rispettivi tassi di 4,5 e 5,5 per 100.000.Alcuni paesi dell’Europa orientale, tuttavia, avevano tassi più che raddoppiati rispetto alla media globale. I paesi più colpiti sono stati la Russia (26,5 per 100.000), la Lituania (25,7 per 100.000) e la Bielorussia (21,4 per 100.000). Belgio, Francia e Irlanda hanno i più alti tassi di suicidio nell’Europa occidentale, con tassi rispettivamente di 15,7, 12,1 e 10,9 per 100.000.

93.000 morti in meno

L’OMS ha deplorato lunedì che solo 38 paesi in tutto il mondo abbiano strategie nazionali di prevenzione dei suicidi.

Nonostante i progressi, una persona muore ancora ogni 40 secondi per suicidio“, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.”Ogni morte è una tragedia per la famiglia, gli amici e i colleghi, ma i suicidi sono prevenibili.  Chiediamo a tutti i paesi di incorporare strategie comprovate di prevenzione del suicidio nei programmi nazionali di educazione sanitaria e in modo sostenibile“, ha aggiunto.L’organizzazione ha aggiunto che uno dei modi migliori per ridurre i suicidi è limitare l’accesso ai mezzi e ha invitato i governi di tutto il mondo a limitare l’accesso ai pesticidi.L’avvelenamento da pesticidi è il secondo metodo di suicidio più comune, secondo l’OMS, che rappresenta fino a uno su cinque dei suicidi del mondo. “L’azione normativa in Bangladesh, nella Repubblica di Corea, nello Sri Lanka e in altri Paesi indica che molti decessi per suicidio possono essere prevenuti con il divieto di specifici pesticidi. In Sri Lanka, ad esempio, si ritiene che i divieti abbiano portato a 93.000 decessi per suicidio in meno tra il 1995 e 2015 “, aggiunge.

‘Vite produttive’

I dati mostrano che il suicidio colpisce in modo sproporzionato gli uomini, con quasi tre volte più uomini che donne che muoiono per suicidio nei paesi ad alto reddito. Un numero uguale di uomini e donne si suicida nei paesi a basso e medio reddito.L’OMS ha anche segnalato che per ogni persona che muore per suicidio circa 20 persone fanno tentativi di suicidio. La loro sopravvivenza dipende in gran parte dalla disponibilità di strutture di terapia intensiva e trattamenti efficaci per alcuni veleni.Ha anche cercato di dissipare una serie di “miti comuni” tra cui la convinzione erroneamente che coloro che sono determinati a togliersi la vita lo faranno alla fine.”La ricerca mostra che mentre un precedente tentativo di suicidio è un forte fattore di rischio per il suicidio, la maggior parte delle persone che sopravvivono a un tentativo di suicidio non continuano a morire per suicidio, o addirittura tentano ripetutamente. Se sopravvivono, di solito continuano a condurre vite produttive “, ha sottolineato.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: