Cambiamenti climatici: l’Europa deve cambiare alimentazione per salvare il pianeta

cambiamenti climatici

L’Europa deve rimodellare il suo settore agricolo, ha avvertito mercoledì l’Agenzia europea per l’ambiente (SEE), poiché i cambiamenti climatici potrebbero dimezzare la produzione di cereali nell’Europa meridionale spingendo i prezzi degli alimenti verso l’alto.

Gli eventi meteorologici estremi come le ondate di calore che l’Europa ha vissuto quest’estate hanno comportato enormi perdite economiche per gli agricoltori dell’Unione europea che sembrano destinati a continuare, afferma il rapporto SEE.

Nuovi record sono stati stabiliti in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici e gli effetti negativi di questo cambiamento stanno già influenzando la produzione agricola in Europa, in particolare nel sud“, ha dichiarato il direttore esecutivo del SEE Hans Bruyninckx in un nuovo rapporto.

Le proiezioni che utilizzano uno scenario di emissioni di fascia alta stimano che i raccolti di grano come grano, mais e barbabietola da zucchero potrebbero diminuire fino al 50% nell’Europa meridionale entro il 2050.

Ciò comporterebbe una sostanziale perdita di reddito per gli agricoltori nelle aree colpite e porterebbe anche a una forte riduzione dell’80% del valore dei terreni agricoli entro il 2100.

La perdita di produzione alimentare sarà in qualche modo, ma non completamente, compensata da stagioni di crescita più lunghe nel nord del continente, afferma il rapporto, aggiungendo che “mentre la sicurezza alimentare non è minacciata nell’UE, l’aumento della domanda alimentare in tutto il mondo potrebbe esercitare pressioni sui prezzi dei prodotti alimentari nei prossimi decenni “.

La relazione evidenzia che la maggior parte dei paesi membri del SEE ha già messo in atto strategie nazionali di adattamento, ma sottolinea che raramente vengono attuate a livello di azienda agricola a causa della mancanza di finanziamenti, accesso al know-how e sostegno politico per adattarsi.

Chiede che il blocco introduca colture adattate, tecniche di irrigazione migliorate e agricoltura di precisione – rese possibili dalla tecnologia dei droni e dei satelliti.

Il settore agricolo rappresenta il 10% di tutti i gas a effetto serra nell’UE e queste tecniche dovrebbero mirare a ridurre tale numero, ma sarà necessario fare di più, in particolare a livello dei consumatori, le bandiere del SEE.

Anche il comportamento dei consumatori dovrà cambiare. Cambiare le diete, come mangiare meno carne e ridurre gli sprechi alimentari contribuirebbe a ulteriori riduzioni“, scrive.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: