Amazon GO: apre al pubblico il primo supermercato senza casse

Con il suo portale di shopping online, il colosso Amazon è riuscito a cambiare le abitudini dei consumatori di mezzo mondo, permettendo di accedere ad una piattaforma che offre una grande selezione di prodotti con prezzi competitivi, con la certezza di poter contare su una consegna rapida.

E se da un lato l’obiettivo del colosso guidato da Jeff Bezos continua ad essere quello di diversificare il suo business, puntando su altri settori che le consentano di ampliare i suoi orizzonti, il fulcro della sua attività continua ad essere lo shopping. Da tempo la società ha dimostrato l’intenzione di rivoluzionare il modo in cui le persone fanno acquisti, non solo online, ma anche nei negozi fisici, e dopo una fase di sperimentazione ecco che l’azienda ha deciso di inaugurare una novità molto attesa e di cui si è già parlato in passato. Si tratta di Amazon GO, il primo supermercato che punta sulla tecnologia per dire addio alle casse.

L’idea alla base di Amazon Go è quella di offrire alle persone la possibilità di fare la spesa in un punto vendita risparmiando tempo, automatizzando il pagamento e soprattutto saltando definitivamente la noiosa coda alla cassa, necessaria per poter pagare i propri acquisti. Il progetto è diventato realtà alla fine del 2016, ma è proprio oggi che Amazon ha aperto il primo punto vendita al pubblico.

Il primo supermercato Amazon Go ha aperto a Seattle, promettendo di rivoluzionare la spesa. E’ necessario entrare usando l’app dedicata e scansionando il codice QR. A quel punto è possibile girare nel punto vendita scegliendo tra la vasta selezione di prodotti da acquistare. Tutto viene seguito attraverso sensori e telecamere necessarie per seguire i clienti e capire cosa viene inserito nel carrello. Nel caso in cui un prodotto dovesse essere rimesso al suo posto, i sensori si occuperanno di rimuoverlo dalla lista della spesa.

Conclusa la spesa, il costo complessivo viene addebitato sull’account Amazon, attraverso il quale verrà effettuato il pagamento in della spesa, senza più code alla cassa. Questo significa anche l’assenza di cassieri, ma non significa la totale assenza di dipendenti in carne ed ossa. Il negozio, infatti, può contare sulla presenza di almeno 8 dipendenti, tra sicurezza, assistenza clienti e addetti alla cucina, per la preparazione dei cibi.

Il primo Amazon Go sarebbe dovuto essere inaugurato già un anno fa, ma alcune difficoltà legate alla tecnologia che gestisce il controllo e riconoscimento dei clienti hanno richiesto più tempo. Fortunatamente i problemi sono stati risolti, grazie anche alla prima sperimentazione con la collaborazione dei dipendenti Amazon ed è per questo che si è deciso per la prima inaugurazione al pubblico.

Per ora Amazon non ha spiegato se in futuro aprirà altri punti vendita in altri territori, ma la tecnologia alla base degli Amazon Go potrebbe in futuro essere usata anche da altre aziende, nel caso in cui Amazon dovesse decidere di concedere lo sfruttamento di questa tecnologia.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: