Amazon acquista PillPack ed entra nel settore delle farmacie online

I numeri di Amazon sono impressionanti e non è un caso se il colosso delle vendite online fondato da Jeff Bezos continui a crescere in maniera sempre più imponente sul mercato, arrivando ad espandere i suoi interessi in molti settori diversi, rendendosi sempre più importante nella vita di milioni di persone che si affidano ai suoi servizi. Negli ultimi anni sono state molte le indiscrezioni che vedevano Amazon interessata ad entrare in maniera consistente nel settore della sanità, legato in particolare alla vendita diretta di farmaci online.

Questa mossa era già in parte riuscita grazie alla collaborazione con Perrigo Company, che ha portato alla commercializzazione di farmaci senza obbligo di prescrizione medica sotto il marchio Basic Care, che offrono prezzi più bassi rispetto alla concorrenza. Ma quanto ufficializzato oggi si rivela qualcosa di ancora più importante. Amazon ha infatti annunciato l’acquisizione di PillPack, start-up che opera come una sorta di farmacia online che prepara e consegna a domicilio i farmaci.

I termini finanziari dell’accordo non sono stati resi noti, ma secondo indiscrezioni diffuse dal Wall Street Journal, Amazon avrebbe sborsato almeno 1 miliardo di dollari per aggiudicarsi la proprietà dell’azienda, superando Walmart che allo stesso modo aveva dimostrato un interesse nell’acquisizione. Quella annunciata da Amazon è un’acquisizione molto importante che di fatto permette al colosso guidato da Bezos di entrare con forza nel settore che prevede la vendita di farmaci, trasformandosi in un nuovo e pericoloso concorrente per i giganti di un settore che genera ogni anno centinaia di miliardi di dollari.

PillPack è una start-up nata cinque anni fa che può essere considerata una sorta di farmacia online e si occupa della preparazione delle dosi di farmaci in base alla prescrizione medica e alla consegna diretta a domicilio. L’obiettivo è quello di andare incontro alle necessità delle persone che assumono diversi farmaci nell’arco della giornata. Se l’acquisizione dovesse essere approvata dagli enti statunitensi preposti, Amazon avrà la possibilità di gestire la vendita online di farmaci in tutti gli Stati americani, tranne le Hawaii.

E già questa notizia ha avuto i primi effetti in borsa. Alcune delle principali catene farmaceutiche statunitensi hanno già subito il contraccolpo in borsa, da Walgreens Boots Alliance a Cvs Health fino a Rite Aid, le cui azioni hanno perso diversi punti percentuali bruciando miliardi di capitalizzazione.

Nonostante questo, intervistato dal Wall Street Journal il CEO di Walgreens Boots Alliance, Stefano Pessina, ha dichiarato di non essere preoccupato dall’acquisizione portata a termine da Amazon, considerando che il settore è molto più complesso della semplice spedizione di medicinali, e per questo il ruolo delle farmacie fisiche continuerà a giocare un ruolo fondamentale anche in futuro.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: