Miss India: polemiche per gli standard di bellezza troppo “occidentali”

Quello che è iniziato come un innocente collage dei finalisti di Miss India di quest’anno si è evoluto in un acceso dibattito sui social media sull’ossessione dell’India per la pelle chiara.
L’immagine, pubblicata sul quotidiano Times of India, aveva 30 primi piani delle finaliste dai capelli lucidi che sembravano tutte condividere la stessa tonalità di pelle chiara.
In un paese con 1,3 miliardi di persone, centinaia di lingue e una miriade di gruppi etnici, gli utenti di Twitter hanno suggerito che gli organizzatori di concorsi di bellezza prediligano solo concorrenti che perpetuano ideali di bellezza eurocentrici.

Hanno tutti gli stessi capelli e lo stesso colore della pelle, e ho intenzione di ipotizzare che le concorrenti siano anche tutte alte uguali e abbiano misure molto simili tra loro“, ha scritto un altro utente di Twitter, Prasanna Ratanjankar.
Mentre la tonalità della pelle del concorrente appare particolarmente leggero è l’aspetto particolarmente uniforme nel collage che ha causato scalpore online, altre fotografie e video dei concorrenti rivelano che la tonalità della pelle delle varie concorrenti non è cosi uniforme come l’immagine del Times of India. The Times of India e Femina, l’organizzazione che ospita il concorso, hanno la stessa casa madre – Bennett, Coleman & Co.
La polemica intorno alla fotografia del Times of India, tuttavia, ha evidenziato una questione delicata in India, dove Miss India è un grande evento culturale.

La competizione ha contribuito a lanciare le carriere dell’attrice Priyanka Chopra a Bollywood, icona Aishwarya Rai, la quale è diventata un faro di orgoglio nazionale quando i vincitori continuano a portare a casa titoli internazionali, come Miss Mondo.
Il vincitore dei titoli di Miss India è in genere “preparato per il palcoscenico mondiale della bellezza“, ha dichiarato Radhika Parameswaran, professore alla Scuola media dell’Università dell’Indiana. “C’è una percezione che devono emulare gli standard di bellezza occidentali per vincere“.
Gli organizzatori di Miss India non hanno voluto commentare.

Il fatto che le modelle Indiane abbia vinto il concorso Miss World per ben sei volte avrebbe potuto convincere gli organizzatori del concorso ad attenersi a un tipo, dice Kavitha Emmanuel, fondatore della Ong indiana Women of Worth, che si batte per l’uguaglianza di genere e contro i pregiudizi verso chi ha una pelle più chiara.
L’infatuazione per l’equità ora va molto più in profondità dei concorsi. “È una credenza tossica che è diventata parte della nostra cultura“, ha spiegato Emmanuel.
Parameswaran sta attualmente ricercando il contraccolpo contro il colorismo, un termine che significa “una forma di stratificazione del colore della pelle e una discriminazione del colore della pelle che assegna agli individui dalla pelle più chiara e in particolare alle donne maggiore valore“. È un problema, ha detto, che è molto vivo in India.
Colorismo e razzismo sono gemelli siamesi e non possono essere separati“, ha aggiunto.

Ossessione nazionale

L’ossessione per il colore della pelle può iniziare prima che un bambino sia nato in alcune parti dell’India, dove alcune donne incinte bevono latte infuso allo zafferano per rendere più bella la pelle del loro bambino. Altri evitano supplementi di ferro nella convinzione mal riposta che renderà il loro bambino non ancora nato più scuro di carnagione. Queste pratiche, tuttavia, sono diventate molto meno comuni nelle aree in cui i livelli di ricchezza e istruzione sono migliorati.
Abbiamo ancora delle pubblicità matrimoniali sui giornali che dicono: ‘vogliamo spose belle e magre’“, ha detto Emmanuel.
È un problema che colpisce principalmente le donne, in quanto il valore finanziario degli uomini è generalmente considerato più importante della loro bellezza. “I corpi delle donne sono la loro moneta“, ha detto Parameswaran.

I marchi di cosmetici di tutto il mondo hanno tratto profitto dall’insicurezza di queste donne, guadagnando grazie ad un’industria multimilionaria di creme, sbiancamenti cutanee e procedure invasive che promettono di alleggerire la pelle. Si prevede che la domanda di sbiancanti raggiungerà $ 31 miliardi entro il 2024, da $ 18 miliardi nel 2017, in particolare in Asia, Medio Oriente e Africa, secondo la società di analisi del mercato Global Industry Analysts. L’uso quotidiano di sbiancanti per la pelle varia dal 25% in Mali al 77% in Nigeria, ed è del 40% in Cina, Malesia, Filippine e Corea del Sud, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Uno studio del 2017 ha rilevato che oltre la metà dei 1.992 uomini e donne intervistati sull’uso dei prodotti in India avevano provato sbiancanti per la pelle e quasi la metà (44,6%) sentiva il bisogno di provare tali prodotti a causa di media come TV e pubblicità.
Il retaggio duraturo di casta del paese è spesso accreditato come causa principale del problema, con quelli del gruppo di caste inferiori, noti come i dalit, associati a una pelle più scura, ha detto Parameswaran.
Questo perché la casta è una gerarchia basata sul lavoro, e ai membri più bassi della casta sono assegnati compiti di lavoro manuale“, ha aggiunto, che è spesso un lavoro all’aperto. I Dalit sono discriminati come “impuri“, e considerati intoccabili dalle caste superiori.
Ci sono anche differenze regionali, specialmente tra l’India del Nord e del Sud in gioco.
Sia Parameswaran che Emmanuel hanno affermato che l’ossessione per la pelle chiara potrebbe portare a una serie di problemi socio-economici, tra cui problemi di autostima e problemi di salute mentale, oltre che avere un impatto sul lavoro e sulle prospettive matrimoniali.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: