Scatta il Green Pass, c’è l’applicazione per verificare la validità del documento

 

Si chiama semplicemente “Verifica C19“, è un’App per smartphone, sia Android che iOS (ma anche per altri sistemi operativi)

VerificaC19 è l’app ufficiale del governo italiano per abilitare gli operatori alla verifica della validità e dell’autenticità delle “Certificazioni verdi COVID-19”, il cosiddetto GreenPass. In particolare, l’app VerificaC19 consente, agli operatori incaricati, la verifica della validità del GreenPass attraverso la lettura del QR code del certificato effettuando una verifica in modalità offline, ovvero senza invocare un servizio di un sistema remoto nel momento in cui viene utilizzata e senza memorizzare o comunicare a terzi le informazioni scansionate, ma effettuando un accesso al backend della piattaforma nazionale “DGC”, dove sono disponibili tutte le chiavi pubbliche utilizzate per firmare i Green Pass emessi a livello europeo.Per dotarsi dell’app VerificaC19, gli esercenti non dovranno fare altro che scaricare l’app tramite i vari sistemi che contengono le APP (da Playstore, App iOS, Hawei App).

VERIFICAC19 L’APP UFFICIALE DEL GOVERNO ITALIANO PER LA VERIFICA DEL GREENPASS 

In concomitanza con l’obbligo di portare con sé il Green Pass per accedere a determinati luoghi arriva su HUAWEI AppGallery l’app per gli esercenti

“VerificaC19” è l’app ufficiale del governo italiano, sviluppata dal Ministero della Salute in collaborazione con il Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Commissario Straordinario per l’Emergenza COVID-19, per abilitare gli operatori alla verifica della validità e dell’autenticità delle “Certificazioni verdi COVID-19” prodotte in Italia dalla piattaforma nazionale “DGC” del Ministero della Salute e dei “Certificati europei digitali COVID” (“EU Digital COVID Certificate”) rilasciati dagli altri stati membri dell’Unione Europea.
L’app è sviluppata e rilasciata nel pieno rispetto della protezione dei dati personali dell’utente e della normativa vigente, in particolare del decreto-legge del 22 aprile 2021, n. 52, nonché delle specifiche tecniche europee “Digital COVID Certificate” approvate dall’”eHealth Network” dell’Unione Europea.

L’app VerificaC19 consente, agli operatori incaricati, la verifica della validità delle Certificazioni verdi COVID-19 e degli “EU Digital COVID Certificate” attraverso la lettura del codice “QR” del certificato. Non prevede la memorizzazione o la comunicazione a terzi delle informazioni scansionate. La app, infatti, effettua la verifica in modalità offline ovvero senza invocare un servizio di un sistema remoto nel momento in cui viene utilizzata. La verifica dell’autenticità del certificato presuppone che la app possa accedere almeno una volta al giorno al backend della piattaforma nazionale “DGC”, collegato al gateway europeo (DGCG), dove sono rese disponibili tutte le chiavi pubbliche utilizzate per firmare gli “EU Digital COVID Certificate” emessi.

Il flusso di utilizzo della app “VerificaC19” si articola nelle seguenti fasi:
– il soggetto che deve verificare la certificazione chiede all’utente di mostrare il QR code del suo certificato;
– utilizzando la app viene letto il QR code e ne viene verificata l’autenticità utilizzando la chiave pubblica di firma del certificato;
– una volta decodificato il contenuto informativo della Certificazione verde COVID-19 o dell’“EU Digital COVID Certificate” la app mostra le informazioni principali in esso contenute:
– nome, cognome e data di nascita dell’intestatario del certificato;
– validità del certificato;
– la validità del certificato viene verificata rispetto alle date in esso contenute e alle regole in vigore in Italia per le “Certificazioni verdi COVID-19”;
– il soggetto incaricato procede alla verifica a vista della corrispondenza dei dati anagrafici dell’intestatario mostrati dalla app “VerificaC19” e quelli di un documento di identità mostrato dall’interessato.

Ho installato la App sul telefono e dopo aver eseguito il primo avvio, questo programma funziona.  Inquadrando il codice QR del certificato vaccinale, dove questi sia valido, si ottiene la risposta: “Certificato valido” oppure “Certificato non valido”, con una grafica semplice e che riporta i dati per il riconoscimento dell’utente che si sta verificando. semplice e che funziona.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: