Google, Microsoft, Facebook, Twitter e Yahoo! contro la pedopornografia

Internet_Watch_Foundation

Esistono già leggi in molti paesi del mondo approvate con l’intento di contrastare in maniera forte la diffusione di immagini e video pedopornografici, ma nonostante questo la sempre maggiore diffusione di internet e delle nuove tecnologie ha portato ad una diffusione capillare di questi contenuti sul web attraverso migliaia di siti.

Per dare una maggiore spinta a questa vera e propria guerra nei confronti dei contenuti sessuali che coinvolgono i minori, alcuni dei principali colossi della Silicon Valley come Google, Microsoft, Yahoo!, Facebook e Twitter hanno deciso di collaborare con l’Internet Watch Foundation.

L’Internet Watch Foundation è un’associazione benefica che da tempo ha iniziato a lottare contro la diffusione di immagini e video pedopornografici, mettendo a punto una particolare tecnologia che, attraverso un complesso algoritmo, è in grado di riconoscere le immagini sessualmente esplicite che coinvolgono i minori applicando un codice unico ad ognuna.

Una volta fatto questo, l’algoritmo è in grado di archiviare il codice in questione, consentendo la rapida identificazione dell’immagine e del portale che l’ha diffusa, permettendo quindi di colpire la fonte originale.

Gli unici limiti di questo algoritmo sono, tuttavia, la possibilità di identificare esclusivamente le immagini, e non i video, e l’utilizzo, da parte di molti utenti, della piattaforma TOR per restare completamente anonimi durante la navigazione.

I colossi della Silicon Valley, adottando questa tecnologia, potrebbero comunque dare un grosso contributo nella lotta alla pedopornografia, permettendo di chiudere centinaia di siti web responsabili della diffusione di questi contenuti.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: