Rivoluzione Citroen C3, strizza l’occhio ai giovani

c3-1

La terza generazione della C3 sarà una delle stelle del Salone di Parigi dal 1 ° 16 ottobre. Presentata fine giugno alla stampa, la nuova C3  vuole essere molto diversa dalle prime due generazioni. Cambia l’approccio e lo stile. La vettura presenta un nuovo stile per un’utenza nuova, diversa rispetto alla precedente generazione. Auto più sbarazzina, meno ricercata o se vogliamo meno raffinata. I suoi prezzi d’attacco saranno inferiori, ma non le dotazioni.  La versione high-end ha i cosidetti “airbumps” di protezione sulle fiancate, come la cactus. Ciò che era stata una novità si sta diffondendo all’interno dei modelli del marchio. Modificati e adeguati al diverso stile sono però ora una costante. Cosa del tutto simile vale per il frontale che richiama e amplifica quanto visto sugli altri modelli della casa. Un rinnovo che parte dagli ultimi prodotti del gruppo PSA (Citroen Cactus e C1). Questa nuova versione presenta un look da Crossover, come è la moda del momento. Gli  airbumps sono disponibili di serie solo nella versione più lussuose, e solo opzionali per le versioni intermedie. Quale equipaggiamento più interessante c’è il  “Citroën Connected Cam”, una fotocamera integrata e collegata in grado di registrare una sequenza su richiesta del conducente o automaticamente, che in caso di un incidente può tornare utile. Può effettuare registrazioni a partire 30 secondi prima dell’impatto e un minuto dopo.

C3 contiene i principi fondamentali degli ultimi linee stilistiche di Citroën, tra cui i fari non strutturati visti già su C4 Picasso e C4 Cactus per confermare la nuova identità dei modelli del marchio. La C3 ha il pregio di essere un mix delle più recenti innovazioni di Citroën con un profilo di alto livello.

La linea è più robusta e meno tondeggiante rispetto alla versione attuale. Reinventando  la C3 il marchio francese si avvale  dell’effetto sorpresa, distinguendosi per accorgimenti nuovi, ricercati e nuove colorazioni. Di innovazioni ce ne sono molte, principalmente di carattere multimediale, di servizi e che riguardano il confort. Ora la C3 ha tutte le armi all’altezza della migliore concorrenza: Renault Clio, Peugeot 208, Toyota Yaris, ma anche le più anzianotte Volkswagen Polo e Ford Fiesta hanno una nuova auto dalla quale difendersi.

linda-jackson

Linda Jackson è colei che ha curato il progetto  C3. Tale vettura rappresenta quasi un quinto delle vendite Citroen  in Europa. Ha quindi un compito importantissimo per le sorti del marchio (e del Gruppo in piena ristrutturazione). Il compito di incarnare il nuovo volto della Citroën stilistica alla ricerca del vento in poppa per una nuova navigazione.  Ci sono  diverse tonalità di colore e anche la possibilità di abbinare diverse colorazioni per carrozzeria e tetto. All’interno è tutto nuovo.

L’impianto multimediale interattivo è il centro di comando di quasi tutte le funzioni che riguardano la vita a bordo dell’auto. La nuova C3 integra tutti questi parametri attraverso il touch pad 7 ”che permette di identificare i comandi superflui non d’uso in plancia iconizzandoli. Tutte le funzioni sono intuitive con quel tocco di modernità e ergonomia che facilita tutte le operazioni di bordo. Il Tablet ha uno schermo capacitivo, una tecnologia che permette di ottenere la fluidità e la reattività.

A bordo della C3 si possono creare 4 atmosfere differenti asseconda dell’allestimento prescelto. Talune includono (standard) un colore grigio neutro con cuciture gialle. L’offerta “Metropolitan Grey” gioca sulla luce contrasto, ma anche su associazione stilistica tra sedili e plancia. Per finire, la scelta “Urban Rosso” propone, invece, un interno più sportivo con cuciture rosse e cinture  ben evidenti. Infine, “Hype Colorado” è l’atmosfera di lusso con materiali tattili piacevoli ed eleganti. La personalizzazione ha preso piede anche su questo modello, sia all’interno della vettura, che per le tinte della carrozzeria.

c3-3

Ci riserviamo anche di approfondire successivamente il discorso propulsori. La gamma di motori dovrebbe comunque comprendere: una trasmissione manuale con 3 cilindri motori Pure Tech 68, 82 e 110 (Stop & Start) e Diesel, Cambio manuale in Blue HDi 75 (Stop & Start) e 100 (Stop & Start). Per il massimo piacere e comfort, la nuova C3 sarà poi disponibile con il cambio automatico (EAT 6).

Non vorrei essere disfattista, o sembrare di parte, ma questa C3 alla fin fine, tolti i colori e  l’innovazione multimediale, non è altri che una 208, con diversi tagli di lamiere e parti in plastica lavorate differentemente. Siamo di fronte all’ennesima operazione “riduzione costi”, che seppure migliora la qualità dei prodotti con una certa “esperienza derivata”, perdono personalità”. Lasciamo una C3 elegantissima, rifinita e anche cara, a favore di una C3 più  dinamica, moderna e con un’aria sbarazzina. Vedremo a breve se nel gruppo PSA avranno avuto ragione. (anche se affezionato alla vecchia C3, molto ma molto Citroen) forse il nuovo corso farà trovare al marchio una nuova identificazione nell’ambito del Mercato Automobilistico.

c3-6

MISURE:

Lunghezza: 3,99 m; Larghezza: 1,75 m; Altezza: 1,47 m; Passo: 2,54 m; capacità Bagagliaio: 300 lt.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: