Università: stanze in affitto per gli studenti fuori sede. Milano la città più cara

Pochi giorni all’inizio di settembre, il mese che per milioni di italiani coincide con il ritorno dalle meritate ferie ma che, per molti altri, segna un nuovo inizio. Tanti sono infatti i giovani studenti che si apprestano ad entrare nelle università del nostro paese. E se alcuni hanno la fortuna di avere la sede universitaria vicino a casa, per molti altri è necessario cambiare città dovendo quindi cercare una stanza in affitto quanto più conveniente possibile.

Ed è proprio su questo che si concentrano i dati diffusi dall’Ufficio Studi di Immobiliare.it, che offrono uno sguardo alla situazione degli affitti nelle 14 maggiori città universitarie del nostro paese. E da quanto emerge, Milano si conferma la città più costosa per gli affitti destinati agli studenti fuori sede, seguita da Roma e Bologna.

Secondo quanto evidenziato da Immobiliare.it, la situazione degli affitti per gli universitari appare diversa rispetto al passato. Innanzitutto a causa dell’ingresso dei lavoratori nel mercato delle stanze in affitto, soprattutto nelle città che offrono maggiori opportunità di lavoro. Questo, a quanto pare, ridurrà l’offerta per gli studenti, che avranno a disposizione una minore scelta in vista di settembre.

In generale, comunque, il prezzo medio a livello nazionale per una stanza singola è diminuito rispetto al 2017, attestandosi sui €402. Ma la situazione è molto diversa a seconda della città scelta. Un esempio è quello di Milano, che si conferma la città più cara per gli studenti fuori sede. Nel capoluogo lombardo, una stanza singola costa in media €543 al mese, ma il prezzo può lievitare fino a €600 se la posizione è vicino all’università o nella zona centrale.

In calo la domanda a Roma, dove il prezzo medio per una stanza singola è sui €428. Bologna, invece, è la terza città più cara, con affitti medi per una stanza che si aggirano sui €399 al mese, in aumento addirittura del 12% rispetto al passato. Rientra nella classifica anche Torino (in media €338 al mese), ma anche città del Sud come Catania, Napoli e Bari.

Palermo, invece, si conferma la città in cui i prezzi per gli affitti sono aumentati maggiormente segnando un +14%, a €226 per una singola.

Gli studenti che vogliono risparmiare maggiormente sugli affitti, possono scegliere invece una stanza doppia. In questo caso la media nazionale per un posto letto in una stanza doppia si attesta su €285 al mese. Anche in questo caso Milano è la città più cara con €368 seguita da Roma con €305 al mese. Ma la situazione appare diversa in città come Pavia o le città universitarie del Sud, dove gli affitti per un posto letto in una stanza doppia non superano la media dei €200 al mese.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: