Rivoluzione call center: stop al ‘terrorismo telefonico’ grazie al nuovo Codice Etico

Call_center

Sarà capitato a tutti, almeno una volta, di ricevere insistentemente chiamate da un call center, ricevendo informazioni su nuove offerte relative a tariffe telefoniche, di energia elettrica e gas o servizi di altro genere, che promettono sconti decisamente interessanti, e da un certo punto di vista possono rivelarsi anche utili, se non fosse che spesso e volentieri i call center possono trasformarsi in un vero e proprio incubo, con decine di telefonate che disturbano le persone negli orari più strani.

Da questo deriva senza dubbio l’esigenza di adottare dei provvedimenti che riescano a cambiare l’opinione che tanti cittadini possono avere di questi servizi di contact center, ed è con questo obiettivo in mente che Asso Contact, l’Associazione Nazionale dei Contact Center in Outsourcing, ha approvato in questi giorni il nuovo Codice Etico che stabilisce una serie di regole certe che puntano su di una serie di principi fondamentali come competenza, impegno, partnership e formazione.

Nel documento approvato da Asso Contact, si può leggere che tra le nuove regole rientra la necessità che i contatti telefonici vengano effettuati in orari e modi ragionevoli, adottando sempre gentilezza e cortesia ed evitando di proseguire nel contatto qualora l’interlocutore esprima l’intenzione di concludere la telefonata.

L’intento di questo nuovo Codice Etico è quello di adottare una serie di linee guida in modo da non disturbare eccessivamente i cittadini, avendo una frequenza di contatto regolamentata e non telefonando ad orari strani. Ecco quindi che in base alle nuove regole, i contact center potranno chiamare esclusivamente dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle 21:00 e il sabato dalle 10:00 alle 19:00, escludendo quindi la domenica e i giorni festivi.

Roberto Boggio, Presidente di Asso Contact, a tal proposito ha dichiarato:“Vogliamo dare qualità al settore che deve essere riconosciuto come una vera industria. E la qualità deve partire anche dai nostri soci che devono rispettare una sorta di galateo, di codice di comportamento e di buona educazione che può guidare la qualità dei servizi e guidare i committenti a un lavoro di qualità”.

Riguardo al futuro, il Presidente di Asso Contact ha inoltre confermato l’intenzione di affidarsi alle nuove tecnologie di self caring per le chiamate più semplici, con servizi che verranno gestiti direttamente da risponditori automatici, sostituendo i centralinisti in carne ed ossa.

Questo, tuttavia, non significa che gli operatori verranno sostituiti completamente, ma anzi dovranno ricevere una formazione migliore per gestire in futuro telefonate più complesse, avendo professionalità differenti rispetto ad oggi. Una serie di novità, queste, che dovrebbero finalmente evitare telefonate continue ad ogni ora.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: