fbpx

PornHub si occupa dell’inquinamento dei mari. Intanto il video

PornHub, il sito conosciuto sopratutto dai maschietti (ma con una continua ascesa anche del gentil sesso) che si occupa di eros e sex scende ancora una volta in campo per un progetto a tutela dell’ambiente. Viene presa di mira la plastica che è presente nei nostri mari e fiumi ed è un fattore d’inquinamento ambientale oltre che, molto spesso, causa della morte di molti animali.

Il video – una sintesi di filosofia erotica, humor, e sensibilità ambientalista. L’opinione pubblica va resa maggiormente responsabile dei danni causati dai comportamenti irrispettosi per l’ambiente e che possono causare danni persistenti per l’ambiente. Il consumo di imballaggi e di bottiglie, piatti e stoviglie in plastica si dovrebbe ridurre ovunque. Negli anni abbiamo assistito ad un incremento di supporti di polistirolo o plastica per contenere cibi (un tempo venivano arrotolati in fogli di carta e andava benissimo). Si pensi al normale stracchino, come viene venduto oggi. La plastica è praticamente indistruttibile in natura, rimane inquina e rilascia elementi tossici.

PornHub ha deciso, come già in precedenza fatto per la sua campagna a tutela delle Api e del Panda e Balene,  ma anche per piantare nuovi alberi. E’ chiaro che rimane di base una forma per auto-pubblicizzarsi, ma se qualcosa ne viene per l’ambiente, non si può che essere favorevoli (tanto Internet è da sempre fonte di immagini e video di quel genere, con un accesso ahimè aperto a tutti, senza alcuna restrizione).

Il video  “Dirtiest Porn Ever”,è un film per adulti girato su una delle spiagge più inquinate del mondo. Ad ogni visualizzazione  verrà fatta una donazione da PorHub a  Ocean Polymers, che da tempo si impegna con le soluzioni più avanzate per ridurre la quantità di plastica nei mari.

Su questo tema, e sulle attività ambientaliste del sito pornografico si è espresso direttamente il Vicepresidente di PornHub,  Corey Price, “Ad oggi possiamo trovare circa 12,7 milioni di tonnellate di plastica nelle profondità dei nostri oceani. La cosa forse ancora più scioccante è che, in soli 30 anni, gli scienziati prevedono che ci sarà più plastica che pesci. L’inquinamento degli oceani è cresciuto fino a diventare uno dei problemi globali più significativi della nostra vita e sta solo peggiorando. Ecco perché è indispensabile che si utilizzi la nostra piattaforma per sensibilizzare e ispirare il cambiamento, non solo per il momento ma per le generazioni a venire. Noi di Pornhub siamo “sporchi”, ma ciò non significa che anche le nostre spiagge debbano esserlo”.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: