Cryptolocker: torna il malware che blocca accesso ai dati. Ecco come proteggersi

Cryptolocker_ransomware

Ogni anno sono centinaia i virus e malware che si propagano online, ad opera di hacker esperti e malintenzionati che rubano in questo modo i dati sensibili di utenti privati ma anche di organizzazioni, istituzioni e aziende in tutto il mondo, generando perdite consistenti che spingono costantemente aziende specializzate in sicurezza informatica a sviluppare strumenti in grado di arginare possibili infezioni.

Un altro modo per evitare di incorrere in problemi del genere, rientrando così nella percentuale di persone colpite da virus informatici è prevenire i problemi grazie ad un’adeguata informazione. Ed è per questo che la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha confermato che nelle ultime settimane si sta diffondendo una nuova e pericolosa ondata che segna il ritorno del ransomware conosciuto con il nome di Cryptolocker, che continua a mietere ‘vittime’ nel mondo.

Scoperto per la prima volta nel 2013 inoltrato, Cryptolocker è un virus che rientra nella categoria dei ransomware, particolari malware che, una volta infettato il PC o dispositivo mobile, bloccano l’accesso ai dati chiedendo quindi un riscatto al proprietario per poter tornare nuovamente ad accedere ai dati archiviati sul dispositivo.

Generalmente Cryptolocker si installa sul dispositivo attraverso email inviate agli utenti che contengono allegati apparentemente innocui provenienti da istituti bancari, della posta o servizi di pagamento online, o chiedendo di accedere a determinati link presenti nel messaggio. Qualora l’utente dovesse cadere nella trappola, i dati archiviati nel proprio dispositivo verrebbero immediatamente bloccati e l’utente dovrebbe ricevere una email che chiede il pagamento di un riscatto in bitcoin per potervi nuovamente accedere.

Il primo consiglio, in caso di situazioni del genere, è chiaramente di non cedere al ricatto, dal momento che non si può avere la certezza che, una volta effettuato il pagamento, i dati verranno effettivamente sbloccati. E’ importante, inoltre, tenere sempre aggiornato il proprio PC e installare un antivirus adeguato, ed evitare, soprattutto, di aprire link provenienti da email sospette.

E’ inoltre fondamentale effettuare periodicamente un backup dei documenti e file più importanti, in modo da evitare la perdita di dati nel caso in cui si venga colpiti da virus come Cryptolocker.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: