Conte annuncia le sue dimissioni: crolla il governo

conte

Dopo 14 mesi di litigi, il governo italiano è crollato ieri, martedì 20 agosto 2019, facendo precipitare una nazione europea chiave già ostacolata dalla fragilità finanziaria e dal caos politico in un rinnovato periodo di crisi e incertezza.

La coalizione di governo del partito della Lega anti-migranti di estrema destra e il Movimento a cinque stelle anti-istituzione si sono separati dopo un gioco di potere ribelle di Matteo Salvini, leader della Lega e ministro degli interni sempre più popolare del paese.

Questo mese, Salvini, 46 anni, ha annunciato di essere stufo dell’incompetenza e dell’inazione dei Cinque Stelle e ha fatto un’offerta per le elezioni anticipate, chiedendo agli elettori italiani di dargli un potere sfrenato per consolidare la sua presa sul paese.

Salvini potrebbe ancora ottenere ciò che desidera. Ma per ora rimane la possibilità che la sua lunga lista di nemici politici possa formare un nuovo governo di coalizione che lo libera dal potere. Almeno immediatamente, le cose non sono andate come previsto da Salvini.

In una sessione straordinaria del Parlamento che ha interrotto la solita recessione estiva italiana, il Primo Ministro Giuseppe Conte ha accusato il Sig. Salvini, seduto accanto a lui con il mento sollevato, di “opportunismo politico” per aver ottenuto il suo sostegno dal governo nella speranza di prendere potere per se stesso.

Il tradimento aveva spinto il Paese in un “vortice di incertezza politica e instabilità finanziaria“, ha dichiarato Conte. Invece di preoccuparsi con un voto di fiducia che Salvini aveva proposto, il primo ministro ha detto che avrebbe rassegnato le dimissioni al presidente italiano, Sergio Mattarella, facendo crollare il governo e lasciando il sig. Salvini senza un immediato percorso al potere.

Mattarella inizierà ora il processo di consultazione con i leader del partito per vedere se una nuova maggioranza può formare un altro governo italiano. In caso contrario, è probabile che richieda elezioni anticipate, potenzialmente non primaottobre.

Salvini ha risposto che non temeva il giudizio degli italiani, a differenza di altri parlamentari che, si diceva, si aggrappavano al proprio lavoro per paura di perdere le elezioni. “Non abbiamo paura“, ha detto.

Se il buon Dio e il popolo italiano mi lasceranno tornare al governo”, ha detto Salvini al Senato, mentre parlava con orgoglio della chiusura dei porti italiani ai migranti, “Lo farò di nuovo“.

Dalle elezioni del marzo 2018 che li hanno portati al potere, Salvini e la sua controparte a cinque stelle, Luigi Di Maio, avevano trasformato il paese in un reality show sui social media, facendo incessantemente discorsi e litigi via Facebook Live o Twitter sulle loro opposte posizioni sull’infrastruttura progetti, tasse, autonomia regionale e persino vacanze al mare.

Martedì Di Maio, 33 anni, non riusciva a reprimere la sua gioia mentre il signor Conte, in piedi tra lui e il signor Salvini, accusava il ministro degli interni di sfruttare i simboli cattolici sulla pista della campagna e di non aver risposto alle accuse secondo cui il suo partito della Lega aveva segretamente cercato finanziamenti dalla Russia.

Caro Matteo, spingendo questa crisi ti sei assunto una grande responsabilità“, ha dichiarato Conte, aggiungendo che “era preoccupato” dalla richiesta di Salvini di avere pieni poteri e che i suoi sostenitori riempissero le piazze del paese in segno di protesta.

Nell’ultimo anno, la popolarità di Salvini è raddoppiata a quasi il 40 percento, considerato un massimale nella politica frammentata dell’Italia, poiché ha costantemente superato e imbarazzato l’inesperto movimento a cinque stelle.

Il sostegno dei Cinque Stelle si è invece dimezzato, rendendo pericolose le elezioni per il continuo impiego dei suoi membri in Parlamento.

Con l’aumentare del sostegno di Salvini, ha evitato le tradizionali alleanze italiane per stretti rapporti con nazionalisti in Ungheria, Polonia e Russia. Nel frattempo, la situazione finanziaria del paese si è oscurata.

La crescita si è attestata intorno allo zero per cento e il governo si è dimostrato inefficace di fronte alla vertiginosa disoccupazione giovanile e a un debito pubblico di oltre 2 trilioni di euro – circa 2,2 trilioni di dollari – che rappresenta oltre il 130 percento della produzione economica annuale dell’Italia.

Il differenziale di rendimento tra obbligazioni di riferimento decennali italiane e tedesche, considerato una metrica di rischio per gli investimenti in Italia, è rimasto elevato per gran parte del loro mandato.

Questo mese, Salvini ha usato la paralisi del governo su progetti infrastrutturali come motivazione per annunciare la morte del governo – “la maggioranza non c’è più“, ha detto – e chiederemo nuove elezioni.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: