Avete mai visto un mangalitza?

Qualcuno sicuramente si, e molti di voi lo hanno assaporato!

Il mangalitza (o mangalica) è una razza molto antica di maiale europeo che proviene dai Balcani. La sua simpatica pelliccia lanosa fa pensare ad un incrocio tra un maiale e una pecora, proprio queste sue setole ricce lo mantengono protetto dal caldo e dal freddo. La sua carne rimane più scura rispetto alle razze tradizionali, poco fibrosa, con basso valore di colesterolo e alta percentuale di acidi grassi omega-3.
Sono partita dal “C’era una volta…” proprio per cercare di trasmettere (per quanto minimo) il valore e la minuziosa ricerca che Vincenzo Mancino ha fatto e continua a fare con i prodotti del territorio italiano. proprio con questo intento dal 30 novembre al 1 dicembre 2019 a Roma verrà inaugurata la prima edizione di
Salum’È, la mostra mercato che promuove e valorizza i salumi rari italiani. La mostra è dedicata non solo ad operatori, ma soprattutto ad appassionati che potranno conoscere, degustare e acquistare salumi di un’arte norcina italiana da preservare, raccontati direttamente dai produttori nelle sale del suggestivo Palazzo Wegil a Trastevere.
Per fare le cose “fatte bene” c’è anche lo zampino de La Pecora Nera Editore, casa editrice attiva da 17 anni nel mondo dell’enogastronomia e specializzata in realizzazione guide e sviluppo eventi, che affiancherà e supporterà Vincenzo Mancini a valorizzare le piccole realtà agricole, coinvolte già in progetti fantastici come la bottega con cucina di ProLoco DOL (Di Origine Laziale).
Vincenzo ha avuto anche il compito di selezionare le aziende espositrici che saranno raggruppate per tipologia di salume. Tante le storie che saranno raccontate passo dopo passo attraverso gli stand degli artigiani Made in Italy: Capocollo di Martina Franca, Salumi di Nero Casertano, Salumi di Nero Lucano, Salumi di Mangalitza, Salumi di grigio Casentino, Cinta Senese, Nero dei Nebrodi, Salami di bufala, Ventricina vastese e altri prodotti di salumeria italiana da allevamenti aziendali.

Ho scelto piccole realtà nazionali per favorire la salvaguardia delle produzioni rare e di qualità. Salum’È vuole sostenere le piccole eccellenze produttive italiane creando un’occasione di vendita e, inoltre, vuole contrastare la globalizzazione del gusto e della materia prima” chiarisce Vincenzo Mancino.
La ricerca è anche studio, quindi in questi due giorni sarà possibile partecipare a seminari di approfondimento, curati da Domenico Villani, maestro assaggiatore ed esperto di salumi.

Si parte sabato 30 novembre dalle 16.00 alle 17.00 con “Salumi: conoscerli e riconoscerli – percorso sensoriale per una maggiore consapevolezza” a cura di Domenico Villani, maestro assaggiatore di salumi; dalle 17.00 alle 18.00 si parla di “Resistenza suina: il maiale nero e altre storie”, un approfondimento tenuto da Vincenzo Di Nuzzo, maestro assaggiatore di salumi. La giornata si conclude con “Pani e Salumi, il sandwich italiano per eccellenza” seminario a cura di Domenico Villani dalle 18.00 alle 19.00, nel corso del quale si potranno degustare alcuni salumi con i pani forniti dal Panificio di Gabriele Bonci e da altri collaboratori.
Domenica 1 dicembre si parlerà, dalle 11.00 alle 12.00, di “Salumi: conoscerli e riconoscerli – percorso sensoriale per una maggiore consapevolezza” e a seguire “Abbinamento Salumi e Vino” entrambi a cura di Angelo Tombolillo, maestro assaggiatore di salumi e di vino. La giornata prosegue dalle 16.00 alle 17.00 con “Salumi e nutrizione: strade divergenti o parallele?” a cura di Flavio Di Gregorio, medico esperto di nutrizione e dalle 17.00 alle 18.00 con “Conservanti o non conservanti, è questo il problema?” una tavola rotonda condotta da Domenico Villani, con Flavio Di Gregorio e alcuni dei produttori presenti alla manifestazione. Tutti i seminari saranno introdotti da un momento di formazione sulle tecniche di assaggio dei salumi a cura di Domenico Villani.

Salum’È
mostra mercato di salumi rari italiani
Sabato 30 novembre 2019 dalle ore 11:00 alle 20:00
Domenica 1 dicembre 2019 dalle ore 10:00 alle 19:00
Costo del biglietto d’ ingresso 5 euro
Ingresso gratuito per operatori previa registrazione sul sito

Un’altra “prima volta” per Roma e precisamente al San Paolo District (ex deposito Atac) dal 29 novembre al 1 dicembre  sarà il primo Street Food Festival ‘indoor’ della Capitale

Divertente, facile e conviviale è il cibo di strada, a volte anche più gourmet, che negli ultimi anni ha vissuto un vero e proprio boom.

“Nelle grandi capitali internazionali, da New York a Londra, gli eventi di street food indoor sono già molto diffusi, ora Roma avrà anche il suo e in una location rivalutata e rianimata come il deposito dei mezzi Atac. Ecco perché abbiamo voluto cogliere l’occasione offerta dall’apertura del San Paolo District”, spiega Luigi D’Amico, ideatore di “Typical Truck Street Food”, il format che dal 2015 porta nelle città di tutta Italia le eccellenze della ristorazione su ruote. “Complici il clima favorevole, l’attitudine alla convivialità e la curiosità di uscire dai soliti schemi di consumo – prosegue -, lo street food italiano sta vivendo un momento d’oro. Negli ultimi anni l’offerta si è diversificata, ma restano alcuni elementi indispensabili affinché le attività di questo tipo abbiano successo, a cominciare dalla qualità dei prodotti e dalla bravura degli chef: cucinare in spazi tanto ridotti non è impresa facile”.
Proprio gli Street Chef, infatti, saranno i protagonisti del Festival che, da mezzogiorno a mezzanotte, ‘invaderà’ gli oltre 7000 mq del San Paolo District con oltre trenta ‘camioncini’, i truck appunto. Numerose le proposte gastronomiche, rigorosamente preparate sul momento, che spazieranno dai grandi classici del cibo da strada italiano e internazionale, alle ricette della tradizione rivisitate fino ai mix più moderni. Il menù andrà dal cuzzetiello napoletano al polpo arrosto, dal caciocavallo impiccato al tradizionale panino con la porchetta di Ariccia, fino agli immancabili arrosticini abruzzesi. Tante le specialità provenienti dall’estero, come la paella valenciana, i piatti messicani, hotdog e chicken wings ‘made in Usa’ e la birra cruda bavarese che ‘innaffierà’ il tutto. Per i più golosi, poi, non mancheranno sfogliatelle, bombe alla crema e ciambelle di zucchero.
A fare da contorno a questo festival del gusto, saranno gli spazi in stile industriale del San Paolo District, struttura costruita nel 1928 per ospitare le prime vetture elettrificate tranviarie di Roma e poi utilizzata come deposito di autobus e tram dell’Atac fino al 2004. Dalla fine di ottobre 2019, l’edificio è stato restituito alla collettività e convertito in spazio-eventi e di aggregazione. “Finalmente l’ex rimessa di San Paolo è stata riaperta non agli autobus ma al quartiere. Il nostro obiettivo è quello di restituire nuova vita a questo edificio – spiega Carola Latina di Officina Italiana, la realtà che cura la gestione dello spazio -. Ogni fine settimana un padiglione è dedicato al ‘Farmer’s Market’, un mercato ortofrutticolo dove si può acquistare direttamente dai produttori. Gli altri spazi, invece, sono animati da eventi sempre diversi, con momenti culturali, manifestazioni enogastronomiche o sportive, mercatini del vintage e dell’artigianato”.



IL FOOD.
ITALIAN’S BBQ – Smoke barbecue all’americana.
AMERICAN CHIPS – Hamburger, hotdog e chicken wings.
STRANORCINO – Panini alla romana e ravioli di porchetta.
PETRIGLIA DOLCIARIA – Bombe e ciambelle calde, sfogliatelle e tante golosità.
LA RUEDA – Paella valenciana e sangria.
APORKETTA – Panini con porchetta di Ariccia.
L’APULIA – Panini con polpo arrosto.
AO’ – Panino con scottona sfilacciata.
COOKIE JAM – Tiramisù-espresso e cheesecake.
PATARTS – Patate ripiene in tutte le salse.
NAPUL’E’ – Cuzzetiello e pizza fritta.
GRIDDLED – Hamburger di Chianina.
SACCOCCIA ROMANA – Tasca di pane artigianale con ingredienti della tradizione romana .
BIZZI L’ARROSTICINO – Arrosticini di pecora.
I BUTTERI – Pasta mantecata in forma di parmigiano e fritti in vari gusti.
LE BONTA’ SICILIANE – Cucina tipica siciliana.
SAPORI DI PUGLIA – Bombette, pucce, focaccia e tipicità ‘made in’ Puglia.
IRISH TASTE – Carne irlandese cotta alla brace.
OLIVA TIME – Olive e cremini ascolani.
GNOCCO FRITTO – Gnocco fritto emiliano salato e dolce
MASSERIA CILENTO – Caciocavallo impiccato.
FOOD FAMILY – Hamburger e hotdog gourmet.
SFIZIO CAPITALE – Cuoppo di pesce fritto.
APE MAGNA – Arrosticini e patate a spirale.
LA GALLINA AL VOLANTE – Panini con carne di bufala, verdure e burratine.
COCO LOCO – Specialità messicane.
LANDSHUTER BRAUHAUS – Birra cruda bavarese.

Street Food Festival
Via Alessandro Severo 48 – Roma
dal 28 novembre al 1 dicembre
Orari: 12 – 24
Ingresso libero
www.sanpaolodistrict.com

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: