Andare al lavoro, a scuola, in palestra… dal divano!

Questi giorni sono difficili per tutti, ma sembra ci sia un rimedio per continuare con le proprie abitudini anche restando a casa. Grazie alla tecnologia ed a delle sorprendenti iniziative potremo andare al lavoro, a scuola, ed in palestra senza correre il rischio di diffondere la pandemia.

Dopo il Decreto del Presidente del Consiglio di qualche giorno fa la penisola sembra piombata in un film catastrofico. Le strade sono deserte e le autorità fanno controlli frequentissimi per accertarsi che le persone non escano dalle loro abitazioni se non in casi di estrema necessità.

Con l’ashtag #iorestoacasa che impazza sui social, tutti provano a rendere più dolce l’attesa del passaggio di questo periodo di allerta. Visto che la necessità aguzza l’ingegno, ecco alcune idee e agevolazioni che sono state messe in atto per risolvere la noia!

Prima di tutto ovviamente lo smartworking e le lezioni online. Volenti o nolenti, tantissime persone stanno già sperimentando questo lato del COVID-19. Seguendo tutto da remoto, si riesce a far sì che per il paese non sia necessario fermarsi del tutto. Se però da una parte lavorare in pigiama sembra un’ottima alternativa, ha anche i suoi difetti. Viene a mancare la distinzione tra sede lavorativa e casa, e a lungo andare c’è il rischio che non ci si senta mai di “staccare” del tutto.

Per ovviare a questo problema, non potendo uscire con gli amici, si può ricorrere a chiamate via Skype o Discord. È sufficiente creare un account, e si potrà sentirsi via video o solo vocalmente con i propri cari.

Se parlare dopo un po’ diventerà noioso, ci sono una miriade di giochi online in cui possiamo sfidare i nostri video-amici. Uno solo di questi è per esempio skribbl.io : in questo gioco gratis potrete vedere chi è il migliore ad indovinare cosa l’altro sta disegnando.

Anche Messanger include nelle possibilità delle sue chat non solo di videochiamare, ma di accompagnare alla cosa dei simpatici e semplici giochi per passare il tempo in compagnia. O possiamo anche creare una stanza per noi ed i nostri amici in un gioco che ci faccia esplorare nuovi mondi, come Minecraft.

Per non restare sempre fermi a stancare gli occhi davanti a pc e telefono e perché no allenarsi in ista della prova costume alcune palestre vengono in nostro soccorso. In moltissime hanno avviato corsi online in diretta su Facebook o Instagram, fatti dai loro istruttori direttamente nelle loro case. Lezioni gratuite per un minimo di 4 corsi giornalieri (quasi totalmente a corpo libero) vengono proposti dalla palestra Heaven di Roma. Per seguire le dirette (da tablet o cellulare) sul loro profilo e consultare la programmazione https://www.instagram.com/heavengroup.it/?hl=en

Per aiutare gli italiani rimasti a casa, molti siti hanno offerto abbonamenti premium gratis. Alcuni di questi la rivista online del Gambero Rosso, i magazine Mondadori come Donna Moderna e Focus Junior, La Repubblica, EF, che offre lezioni di inglese online gratuite ed Infinity, che offre 2 mesi gratis. Fa un passo indietro invece Amazon Prime, che aveva offerto il servizio gratuito alle zone rosse ma ha ritirato l’offerta vedendo l’intero territorio italiano zona rossa.

Una lista più esaustiva di servizi a imprese, enti e privati la potete trovare su https://solidarietadigitale.agid.gov.it/#/

Proponendovi questi spunti vi invito a rimanere sempre a casa, fatta eccezione che per comprare quello che serve per nutrirsi. Imparate una nuova lingua con Duolingo, o un nuovo strumento con dei video su YouTube, chiamate al telefono i più anziani per fargli compagnia senza metterli in pericolo. Munitevi di pazienza e bevete tanta acqua, disegnate, tenete un diario, ascoltate della musica, parlate con i vostri cari.

I modi per passare il tempo sono infiniti, ma per far sì che questo momento non si prolunghi più del dovuto c’è un modo solo. È fare del nostro meglio adesso. Uscite sul balcone e spalancate le finestre, ma restate a casa.

 

#iorestoacasa ma senza prendere chili di troppo

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: