Nissan Qashqai, sempre Lei la P R I M A

qashqai0.1

Le concorrenti sono sempre di più, sempre più agguerrite, moderne, innovative. Le linee seguono tendenze differenti e gli allestimenti sono sempre più ricchi, ma la regina resta sempre lei, “La Nissan Qashqai”.

Molto probabilmente, a breve, ci sarà un primo face-lifting che cercherà di togliere qualche piccola ruga e ringiovanire, in qualche dettaglio, la carrozzeria, fari e mascherina. Si arricchirà di qualche gadget. Aumenteranno  le dotazioni già ricche. Forse, sedili, plancia e sportelli avranno materiali e rifiniture differenti, le dotazioni saranno ancora più esclusive. I motori presenteranno nuove versioni Turbo  e ci sarà una più marcata indole stradale e corsaiola. Ora poi, che anche in Italia sarà possibile fare tuning, vedremo nuovi cerchi e gomme esagerate. Avremo forse una versione  Nismo?  Non penso dovremo aspettare poi molto.

Nismo2016

 

Intanto vi racconto la prova fatta sul modello attuale, nella sua configurazione più lussuosa, la Tekna, allestita con  interni in pelle, vetro panoramico e molti altri accessori.

La Qashqai ha uno stile tutto suo, che la rende inconfondibile. Ha acquisito, rispetto alla precedente generazione, maggiore importanza, sembra molto più grande, ma allo stesso tempo è più slanciata, in una parola è più armoniosa. Contrappone nelle sue forme, rotondità più attenuate e tagli maggiormente squadrati, con giochi di concavità. Meno Crossover ma più berlina, ha le misure giuste per muoversi in città e per viaggiare in piena sicurezza. C’è sempre la versione a trazione integrale (ma solo per la versione più potente che ora è il nuovo 1.6 dci da 130 Cv). Una gamma completa e ben articolata che risponde appieno alle esigenze del mercato.

Le cromature lungo i finestrini danno un senso di maggiore eleganza generale. I paraurti anteriori, non hanno grandi protezioni dai piccoli graffi, ma sono ben profilati, dando spazio al Logo Nissan, ora racchiuso – come per tutti i nuovi modelli – nella cornice trapezoidale cromata e facendo risaltare i nuovi gruppi ottici comprensive di LED. Al posteriore, il paraurti, invece, come succedeva precedentemente, ha una buona protezione. Il lunotto mi è apparso un po’ piccolo, anche perché, la maggiore inclinazione, ne diminuisce ulteriormente il campo visivo. I fari hanno uno sviluppo orizzontale più pronunciato rispetto alla precedente serie, molto personali. Per il resto tutto appare ben fatto dalla verniciatura, l’allineamento delle lamiere, le saldature. Belle le guarnizioni e le gomme aventi la funzione di togliere i fruscii aerodinamici. Il cofano motore è  pesante e ben incernierato – esso stesso è parte dell’eventuale assorbimento in caso di urto frontale. Rivestito e ben isolato, ha però ancora un sistema di sollevamento tradizionale, non a pompe a gas. All’interno del vano motore appaiono troppi fili e tubi, vari e sparsi, troppo disordine (che basterebbe poi poco per celare tutto con coperchi contenitori, che potrebbero funzionare  essi stessi, quali isolanti acustici). All’interno della vettura, l’impatto con la nuova plancia non può non trovare consensi. Tutto è fatto veramente bene. Talmente bella e funzionale  che è stata fatta ereditatare anche dalla X-trail. Forse i materiali ancora non sono rifinitissimi come vetture della produzione tedesca, ma il livello è davvero alto, e a dire il vero, le trovo molto più ergonomiche dei precedenti marchi a cui mi sono vagamente riferito.

La plancia si divide in due zone principali. Dietro il volante il cruscotto racchiude, oltre ai due strumenti tradizionali, tachimetro e Contagiri, una serie di spie e un display verticale lcd da 5’’ che comunica tantissime informazioni sulla vettura e sul mondo che ci circonda. Oltre alle tradizionali porte aperte, cinture di sicurezza etc, una telecamera frontale legge la segnaletica stradale riportandola sul display.

Al centro della plancia, sotto le bocchette d’areazione vi è il sistema multimediale di casa Nissan da 7”, che ha tantissime funzioni, sia per il reparto connettività, multimedialità, traffico. Il sistema è ben congeniato, di utilizzazione intuitiva e touch. E’ ben visibile in ogni condizione di luce. Da questo si possono connettere cellulari, ci si può collegare su internet, usare il navigatore satellitare, e utilizzare lo schermo in manovra grazie alle telecamere. Su questo apparecchio  potrebbe essere migliorata giusto la risoluzione  e qualche comando secondario.

Around View Monitor: Questa funzione, è un’evoluzione del sistema di retrocamere già ampiamente diffuso. La prima volta che ci si imbatte lascia a bocca aperta. Durante il parcheggio, ad esempio, si vede la sagoma dell’autovettura dall’alto. Subito intorno, davanti, dietro e ai due lati si vedono le zone in prossimità della macchine e quindi l’eventuale marciapiede, e  con i sensori determinare l’effettivo avvicinarsi di una vettura in manovra, piuttosto di un ostacolo. Parcheggiare diventa molto più semplice. All’inserimento della retromarcia, poi, lo schermo permette la visione posteriore. Anche l’impianto di climatizzazione, del tipo automatico, ha bei comandi, semplici, intuitivi, delle giuste dimensioni, ben illuminati, e anche assemblati con materiali qualitativamente apprezzabili. La portata dell’aria è buona e la rumorosità è più che accettabile. I sedili sono davvero comodi con un’infinità i regolazioni.

Comodo il tunnel centrale, fisso, ben ancorato e rivestito nella parte bassa, oltreché illuminato da luci soffuse arancioni. Nissan anche, ha ceduto (sempre per il discorso di famiglia) al freno di stazionamento a comando elettrico, che personalmente non amo. Insomma l’auto si è davvero imborghesita. L’hanno abbassata e resa molto più elegante. Ora è davvero una berlina con le gomme rialzate (un po’ come tutti i CUV ormai).
 qashqai0

Il motore provato è il 1.2 DIG-T di nuova generazione, un’unità plurivalvole moderno sovralimentato in grado di erogare 116 CV a 4.500 giri/min  che seppure con una cilindrate  inferiore rispetto ai motori  circolanti qualche anno fa, ottiene una migliore efficienza e  prestazioni considerevoli. Grazie a questa unità, piccola, potente ma parsimoniosa, i motori a benzina stanno tornando lentamente ad attrarre i clienti anche perché i prezzi rimangono comunque inferiori rispetto ai motori a gasolio.

il motore è estremamente silenzioso. La risposta del Turbo però non è immediata e quando  non entra in funzione bisogna abituarsi a una certa fastidiosa pigrizia, un ritardo che si può superare “aprendo” con decisione sin da subito. Eventuali manovre di sorpasso devono essere pianificate con largo anticipo, scalando marce e spingendo un po’ sull’acceleratore per   dare al motore un po ‘di giri per completare in modo sicuro.

Almeno sulla carta, il 1.2 può soddisfare appieno le esigenze di chi l’auto la vive nei centri urbani, con brevi piccoli spostamenti extra…. tanto che  le prestazioni generali sono addirittura superiori rispetto al vecchio 1.6 aspirato da 115 CV (ovviamente non per il nuovo 1.6 benzina da 163 cv).

Ha perso  peso, (da 1297 a 1275) e grazie ad un uso differente dei materiali, e delle lamiere con spessori differenziati si sono ottenuti  risultati migliori, oltre che per i consumi, anche in ordine alla guidabilità e confort.  Su strada abbiamo apprezzato lo sterzo, preciso, leggero, ben demoltiplicato. Il volante ha una giusta dimensione ed è ben centrato rispetto alla seduta del guidatore. (Il volante ha diversi comandi integrati, per funzioni multimediali). La visibilità è  ottimale davanti di lato (anche gli specchietti permettono un ottimo angolo visuale). Dietro un po’ meno. Gli specchietti della vettura provata avevano anche il nuovo sistema di controllo del superamento della linea di carreggiata e l’indicazione del veicolo nell’angolo morto. Una bella idea. Negli stessi, sono nascoste le telecamere esterne laterali,  e sono ripiegabili elettricamente. Diventa difficile considerarli semplici specchi retrovisori.

Versioni:

motori: quattro unità, tutte turbo, due a gasolio e due a benzina. C’è lo storico,  più amato dagli automobilisti, il noto 1.5 dCi, con configurazione  da 110 cv. C’è il nuovo 1.6 dCi da 130 cv . Questo motore è l’unico della gamma a poter essere eventualmente abbinato anche alla trazione integrale. Ci sono  le 2wd  con il  cambio automatico a variazione continua  Xtronic, capace anche di simulare la presenza di sette marce nella guida sportiva. Sul fronte a benzina, sono presenti il 1.2 DIG-T  da 115 cv e  e lo sportivo 1.6 DIG-T da 163 cv.

Misure: Lunghezza: 438 cm; Larghezza: 181 cm; Altezza 159 cm; Passo 265 cm . Bagagliaio da 430 a 1533 dm3. Serbatoio 55 litri.

 

Dotazioni del modello provato (Tekna):

Bracciolo centrale anteriore
Bracciolo centrale posteriore con portabicchieri
Climatizzatore automatico bi-zona
Hill Start Assist (sistema di assistenza per le partenze in salita)
Schienale 2° fila 60/40 ribaltabile
Sedile guida con regolazione elettrica
Sedile guida regolabile in altezza
Sedili anteriori riscaldati
Servosterzo elettrico con regolazione Normal/Sport
Specchietti regolabili elettricamente e riscaldabili
Specchietti ripiegabili elettricamente
Supporto lombare guidatore
Vetri elettrici (ant. & post.) – Lato guida con funzione AUTO e comando illuminato
Volante regolabile in altezza e profondità
Around View Monitor
Cambio manuale 6 rapporti
Computer di bordo
Cruise control e limitatore di velocità con comandi al volante
Fari BI LED autolivellanti
Immobilizer (Antifurto Nissan Anti Theft System)
Nissan Intelligent Key
NissanConnect: navigatore satellitare con schermo touch screen da 7’’, retrocamera, Radio DAB con integrazione Smartphone, integrazione con il display da 5″ nel quadro strumenti
Pulsante di avviamento
Radio 2DIN a 1 CD con lettore MP3, Bluetooth, USB, comandi al volante e 6 altoparlanti
Sensore crepuscolare
Sensore pioggia
Stop Start System
6 Airbag (guida, passeggero, laterali, a tendina)
ABS+EBD
Attacchi Isofix (x 2)
Chiusura centralizzata con sblocco selettivo
Chiusura di sicurezza per bambini (porte posteriori)
Cinture di sicurezza anteriori con pretensionatore
Kit di gonfiaggio IMSNissan Driver Assist Pack: Safety Shield Plus (sistema di copertura degli angoli ciechi / sistema di allerta oggetti in movimento / rilevamento attenzione conducente) + sistema di assistenza al parcheggio (OPZIONALE)
Nissan Safety Pack: Safety Shield (sistema di rilevamento segnaletica stradale + avviso cambio di corsia involontario + fari abbaglianti automatici + dispositivo frenata di emergenza) + sensori di parcheggio anteriori e posteriori + specchio retrovisore interno con funzione antiabbagliamentoSistema di controllo attivo della traiettoria
Sistema di controllo della vettura
Sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici
Spie di avvertimento cinture di sicurezza non allacciate (ant e post.)
Telecomando apertura/chiusura porte
VDC
Barre longitudinali al tetto
Calotte specchietti retrovisori esterni in tinta
Cerchi in lega da 19″
Console centrale con doppio portabicchieri
Display a colori da 5″ integrato nel quadro strumenti
Fari fendinebbia con cornici cromate
Freno a mano elettrico
Illuminazione abitacolo diffusa
Indicatori di direzione integrati negli specchi retrovisori esterni
Luci diurne a LED
Maniglie in tinta
Paraurti in tinta
Profilo superficie laterale vetrata cromato
Sedili in pelle  (OPZIONALE)
Soglie battitacco cromate
Tetto panoramico (con filtro UV) e tendina parasole a regolazione elettrica
Vano portaoggetti illuminato
Vernice metallizzata
Vetri posteriori oscurati (privacy)
Volante e pomello cambio in pelle
La Qashqai ancora è la prima in classifica per vendite e apprezzamento (per la sua categoria). Il segmento di appartenza si arricchisce ogni giorno di nuovi modelli: dalla Hiunday Tucson, La Kia Sportage; Ford Kuga; Volkswagen Tiguan, Bmw X1…..insomma una discreta concorrenza. Ma intanto, ancora, la PRIMA è lei.
 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: