Reality & Voyerismo. L’isola di Adamo ed Eva

LIsola-di-Adamo-ed-Eva-5

La trasmissione più trasgressiva degli ultimi anni è sbarcata in Italia. Lo ha fatto un po in sordina. Non sulle reti più e famose, ma sfruttando oltre alla Tv, un canale notoriamente “giovane”,  le potenzialità della piattaforma internet di larghissimo uso e senza limiti temporali.  DJ TV – canale 9,  con questo programma ha sfondato e sbaragliato tutti i propri record di ascolti. Siamo un popolo  di guardoni (la sintesi). Il sesso e il nudo intriga sempre. Millenni di evoluzione sociale e di costume non smarcano la voglia di guardare, di confrontare, di cercare lo sguardo, l’ammiccamento, l’allusione se non anche la guardatina a seni e bicipiti, se non anche a spalle, collo e chiappe. C’è poi la trasmissione in chiaro che va in onda in ora tarda, senza le zone sfocate sui genitali. Lì la gente ha sfogato la propria voglia di guardare. La trasmissione sfrutta un concetto molto semplice mettere un uomo ed una donna  da soli su di un isola, con tutti i confort, anche se praticamente su una capanna, ma completamente nudi. Prima ci si guarda, poi ci si conosce. L’inverso della vita ordinaria. Avere tutto il celato già sparato e capire cosa altro c’è dietro. Questa doveva essere forse l’idea iniziale, ciò che ha fatto si che la trasmissione venisse presentata come un evento sociale. Ma tutto è manifestato in maniera diversa, non da parte dei concorrenti. La maggior parte sembra si comporti come si comporterebbe ognuno di noi. Superato il primo approccio, tra l’intrigante e al tempo stesso imbarazzante (che è ovviamente) maggiore per gli uomini, le cose vanno come convivenza prima e concorrenza poi (eh si perché poi arriva un’incognita) normalmente le può porre per le persone normali. Ci sono degli eccessi e alcuni tagli. Non si è  davanti ad un vero reality, ma ad uno show, sicuramente si. I concorrenti diventano oggetti di desiderio ma essi stessi inevitabilmente finiscono per desiderare la preda presente. Lo show vuole persone singol, giovani e in cerca di un partner. Ho avuto modo di vedere la prima puntata, per curiosità. In realtà non sapevo neppure dell’esistenza di una tale trasmissione, ma mi è apparso il banner su facebook e  anche io, come i sopramenzionati sono stato attirato più dalla nudità che da altro. Luxuria, in tutto questo (che a me sta anche molto simpatica) non ce la vedo molto. A dire il vero la preferivo quando faceva politica. E sempre senza cattiveria e con il massimo rispetto per tutto ciò che si porta inevitabilmente dietro, stona con il contesto. Non che non sia brava, ma boh, non mi dice nulla, con sguardi e ammiccamenti che poi alla fin fine fanno inevitabilmente sorridere.

L’isola di Adamo ed Eva – Alle origini dell’amore”  viene presentato come “un vero e proprio esperimento sociale volto a spogliare i partecipanti di tutte le sovrastrutture le inibizioni e i pregiudizi legati all’apparenza, per trovare l’anima gemella a dispetto delle tentazioni, in un viaggio che mette a nudo corpi e sentimenti, per arrivare alle origini dell’amore”…..Mah!!

<< Ci stanno un po’ di tette, tante chiappe e ragazzi e ragazze che si contendono un possibile partner con giochi e sfide, per eccellere come pavoni davanti a prede che a loro volta devono scegliere. Ripeto che ho visto solo la prima puntata e alla fine – e non per spirito di solidarietà, e neppure perchè della stessa città, bene ha fatto il ragazzo Romano che ha vinto la sfida col fighetto, tutta chiacchiera che aveva il compito di spodestarlo (tra l’altro sembrava proprio un attore assoldato ad hoc) e alla conclusione della puntata, rinunciare all’Eva, che in effetti s’era comportata proprio come una “Pavona”>>.

adamo3

Penso comunque che vista una, viste tutte. “Problematiche” e interessi possono avere variabili davvero limitate. Restano solo: L’invidia – anche mia – per un posto stupendo, la possibilità di avere un’isola con tutti i confort e … effettivamente … una bella (dalle foto che circolano quasi tutte) ragazza nuda…….si ma stiamo a un livello davvero primordiale, per non dire scadente dell’analisi. Allo stesso livello di quelli a cui propongono lo spettacolino, per  non capire ciò che gira intorno.  Insomma, anche il vecchio detto – forse un po’ volgare  – che  tira più………che un carro di buoi, anche stavolta ci sta bene.

 


In un anno di programmazione in diversi paesi europei, Le varie isole di Adamo ed Eva, hanno conquistato e sono diventate dei fenomeni di costume, anzi senza costume. Su internet e i vai Social i personaggi sono diventate anche delle star. I paesi che prima di noi hanno trasmesso tale show sono state Francia, Olanda, Polonia, Danimarca, Spagna, Germania, Olanda, Finlandia, Norvegia. Possiamo dirci quindi “Evoluti” anche noi, come molti nostri partner Europei, almeno in fatto di TV. Nell’isola Mljet in Croazia ci sono sfide, litigi, momenti di rancore, voglia di conquista e sfide. La nudità è solo uno degli elementi che identifica questa produzione televisiva trasversale ed originale. La novità ha portato molti consensi. Indubbiamente, considerata l’offerta tradizionale, il pepe accende l’interesse, anche in prima serata. Il canale ha in serbo nuove produzioni che hanno sempre elementi  che porteranno a stupire il telespettatore. Buona visione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: