Lo Standard Type-C nelle connessioni multimediali di ultima generazioni

Il nuovo standard per il collegamento tra smartphone e /o pc di ultima generazione per la trasmissione dati e per la ricarica viene identificato con il nome “Type-C”. Questo nuovo sistema e presa, si distingue dai tanti che l’hanno preceduto essenzialmente per due caratteristiche: la prima globale che riguarda il fatto che tutti lo dovranno adottare, la seconda tecnica, che attraverso questa connessione, è possibile inviare una quantità maggiore di dati, oltre a ricaricare il dispositivo, sia esso uno smartphone, tablet o pc. Altra caratteristica del Type-C è che di fatto si tratta di una presa USB-3.1 miniaturizzata e che non ha un verso d’inserimento, più facile, veloce e con la possibiltà di trsemettere una quantità maggiore di dati in un tempo assai inferiore. La Type- C è lo standard mondiale, accettato anche dalla Mc Book ed adottato o in via di adozione tra tutti i brand.

USB Type-C è la più recente evoluzione dei connettori USB ed è in grado di veicolare – anche simultaneamente – dati, segnali video e audio, corrente elettrica verso e dal dispositivo host (in maniera, quindi, bidirezionale) nel processo di standardizzazione.

La Aukey,  tra le Case di componenti elettronici più in voga in questi ultimi anni, per componenti di alta qualità  a costi contenuti, ha realizzato una serie di cavi che possono essere per i più disparati apparecchi. La qualità è indiscutibile e ben percettibile. Sono tutti cavi la cui guaina è ricoperta in nylon, ciò da una maggiore resistenza anche torsionale al cavo stesso e può essere utile per isolare dal calore. Il connettore realizzato con materiali di pregio. Sono cavi schermati che non risentono ne di temperature ne di voltaggi impropri. Permettono la contemporanea ricarica, insieme al trasferimento dei dati.

Abbiamo potuto constatare come tali prodotti, sia in termini di qualità del manufatto, sia per funzionamento sono davvero un prodotto di alta qualità. Abbiamo provato un cavo di circa un metro, USB 2- Usb Type-C per la ricarica di uno smartphone, ma anche, quello più piccolo di 15 cm. Funzionano alla grande. C’è poi quello più esteso che ha da entrambi i lati la usb type C. Questo è molto comodo se in possesso di una batteria esterna (di ultima generazione, e al contempo) uno smartphone nuovissimo. I Cavi Aukey possono essere ottimi sostituti dei cavi originali che dal caricabatteria da muro si collegano allo smartphone, o al pc.

Le confezioni sono generalmente singole, ma per taluni prodotti, prevedono due o tre cavi, che si possono distribuire tra gli utilizzatori  dell’abitazione, o per metterli in automobile e in ufficio. Le esigenze sempre maggiori e i cambiamenti dei sistemi di connessione ci hanno portato ad avere dei carica-batteria inutilizzabili seppure del giusto Voltaggio e Amperaggio. Una soluzione è l’adattatore Aukey che si può inserire nella parte finale del vecchio carica-batteria (generalmente con presa micro usb) e tornare ad essere nuovamente funzionale e funzionante per diversi dispositivi presenti nell’abitazione.

Vivremo una fase di transizione in cui avremo in casa apparecchi funzionanti con la classica USB 3.0, (principalmente TV e PC, ma anche stampanti), con la Mini-USB (d’utilizzo comune per le fotocamere e molti apparecchi ricaricabili), con la Micro-USB (smartphone, molti apparecchi audiovideo, hard-disk – anche nella variante doppia: B), ma anche e ancora (stampanti e videoproiettori) con al USB 2.0 o Type B. Ce ne sono davvero per tutti i gusti. Finalmente dopo anni di personalizzazioni e prese differenti per Marchi e Paesi di Produzioni si arriverà ad uno standard che può solo giovare ai consumatori.

Conclusioni

l connettore USB Type-C è il risultato finale di precise scelte volte ad assecondare un trend di mercato che difficilmente andrà incontro ad involuzioni. I dispositivi elettronici, infatti, sono sempre più marcatamente votati alla mobilità. Un connettore e una porta di dimensioni ridotte, in grado di veicolare dati, video, audio, ricaricando contemporaneamente il dispositivo collegato, sono quindi necessarie per assicurare un’ottima connettività.

Poi ci sono i cavi Thunderbolt 3, ma di questi tratteremo la prossima volta

 

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: