L’antitrust europeo sarebbe vicino ad un’azione formale nei confronti di Google

Google_antitrust

Google è ad oggi considerato uno dei principali colossi tecnologici della Silicon Valley, sempre pronto a lanciare nuovi servizi e prodotti di qualità che hanno contribuito ad accrescere il successo dell’azienda fondata ormai oltre 17 anni fa.

Sono ormai cinque anni, tuttavia, che il colosso di Mountain View si trova sotto la lente d’ingrandimento dell’antitrust europeo, anche a causa di una serie di accuse formulate da alcuni dei suoi principali competitor in merito al presunto abuso di posizione dominante del suo motore di ricerca. E se le ultime indiscrezioni diffuse dal Wall Street Journal dovessero rivelarsi reali, la situazione per Google potrebbe presto complicarsi.

Il nuovo Commissario per la Concorrenza della Commissione Europea, Margrethe Vestager, che ha preso il posto di Joaquin Almunia, avrebbe deciso di cambiare rotta dopo le non sufficienti misure adottate da Google per andare incontro alle richieste dell’antitrust.

Citando fonti internet, il Wall Street Journal ha rivelato, quindi, che la Commissione Europea ha iniziato a contattare i principali accusatori di Google chiedendo di poter rendere pubbliche le informazioni fino ad ora rimaste confidenziali. Una mossa, questa, che dovrebbe anticipare l’azione con la quale saranno formalizzate le accuse nei confronti della società per abuso di posizione dominante.

Nel caso in cui tutto ciò dovesse venire confermato, Google potrebbe rischiare una pesante sanzione pari al 10% del suo ultimo fatturato annuo, circa 6 miliardi di dollari.

Ricordiamo che Google è al centro delle attenzioni dell’Europa soprattutto a causa del suo celebre motore di ricerca che, forte di una posizione dominante sul mercato, adotterebbe una serie di accorgimenti in grado di ‘premiare’ i risultati di ricerca relativi ai suoi prodotti a sfavore della concorrenza.

Fonte: Wall Street Journal

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: