La sonda Messenger della NASA concluderà la sua missione atterrando su Mercurio

NASA_sonda_Messenger

Era il 2004 quando la NASA ha dato ufficialmente inizio ad una missione molto importante che prevedeva il raggiungimento del pianeta Mercurio con un’apposita sonda, per studiare in maniera più dettagliata il pianeta considerato più vicino al Sole.

La missione, dopo oltre 7.9 miliardi di chilometri percorsi, nel 2011 ha visto la sonda Messenger riuscire ad entrare nell’orbita di Mercurio, riuscendo a scattare migliaia di foto e scoprire importanti dettagli su questo pianeta. E dopo oltre 10 anni, sembra proprio che la missione svolta da Messenger si stia avvicinando alla sua naturale conclusione.

La NASA ha infatti confermato che Messenger ha quasi del tutto esaurito la quantità di carburante a disposizione, ed entro breve andrà quindi a schiantarsi su Mercurio.

I ricercatori hanno tuttavia sottolineato quanto importante sia stata la missione svolta da questa sonda, che ha permesso di raccogliere molte immagini e accedere ad una grande quantità di informazioni preziose che richiedono ancora molti studi, come la presenza di una grande quantità di acqua congelata e la presenza di macchie scure sulla superficie, identificate come probabili composti organici.

In tal senso, questi dettagli contribuirebbero a spiegare, tra le altre cose, come l’acqua e le molecole organiche siano riusciti a raggiungere i pianeti del sistema solare, presumibilmente in seguito alla caduta di asteroidi o comete.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: