La Realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR). Nuovi videogiochi, nuovo Mercato, ma anche possibili danni e o benefici alla vista

Il mercato della realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) è in piena crescita e sta conquistando sempre più utenti. Da qui al 2022, si prevede che registrerà un balzo enorme fino a toccare i 209,2 miliardi di dollari.

Uno dei settori che ne sta beneficiando di più è quello dei videogiochi VR: solo nel 2020, ha generato entrate globali pari a 22,9 miliardi di dollari. Ma quali sono i titoli che stanno avendo più successo? Ci sono dei rischi per la vista se si abusa della VR?

Gli esperti  ci spiegano anche quali sono effetti negativi della VR sulla nostra vista e come prevenire danni permanenti se usiamo spesso questa tecnologia. Inoltre, il futurista Richard Watson condivide alcuni pensieri sul futuro della realtà virtuale.

Dall’intrattenimento ai nuovi prodotti, dall’istruzione al turismo, la VR si sta affermando come una tecnologia rivoluzionaria che offre agli utenti un’esperienza tridimensionale unica.

La realtà virtuale o VR è la simulazione di situazioni più o meno reali mediante l’utilizzo del computer.

Il termine viene inventato nel 1989 da Jaron Lanier, fondatore della prima società di ricerca sulla VR (VLP Research). Nel corso degli anni, questa nuova tecnologia inizia a essere utilizzata in medicina e psicologia, ma anche in ambito aziendale e ricreativo.

Tra i dispositivi VR più conosciuti troviamo HTC Vive e Oculus, ma esistono anche opzioni più economiche come Google Cardboard, che può essere acquistato da chiunque abbia uno smartphone e Google Daydream.

Anche se non ci sono prove che i giochi VR causino danni permanenti, diversi studi dimostrano che un utilizzo eccessivo di questa nuova tecnologia può provocare problemi agli occhi.

Quando giochiamo, gli occhi tendono ad affaticarsi perché il nostro cervello è costretto a elaborare le informazioni visive in un modo diverso dal normale. Il rischio di sviluppare malattie o condizioni a lungo termine è basso, ma è comunque meglio proteggersi, prendendosi delle pause dal gioco di tanto in tanto.

L’affaticamento della vista può essere causato da vari fattori. Ad esempio, quando ci concentriamo sulla realtà virtuale, tendiamo a sbattere le palpebre meno del solito. Un altro motivo è la differenza tra la distanza virtuale e quella percepita.

I giochi VR possono anche causare vertigini e nausea se usati per molto tempo. Questo accade perché il cervello percepisce lo spazio circostante in modo diverso. Il fenomeno è conosciuto come “cybersickness” o “cyber nausea”.

Tra le categorie a rischio ci sono anche i bambini. Il 26% dei gamer, infatti, ha meno di 18 anni, e i giovanissimi che abusano della VR possono sviluppare condizioni precoci come la miopia e la DES (digital eye strain, l’affaticamento visivo dato dai dispositivi digitali).

Come proteggere la vista dagli effetti negativi della VR?

Gli esperti “Lenstore” consigliano quattro regole d’oro per ridurre al minimo gli effetti negativi dei giochi VR e proteggere la vista di adulti e bambini:

1. Sbatti le palpebre regolarmente

Troppo tempo trascorso davanti allo schermo può avere un impatto negativo sui nostri occhi, ad esempio affaticamento e secchezza.

“Quando si usa la tecnologia VR, è bene assicurarsi di fare delle pause regolari e guardare oggetti lontani. Esegui questo esercizio: ogni 20 minuti, guarda qualcosa ad almeno 6 metri di distanza per 20 secondi. In più, usa sedute comode e non posizionarti troppo vicino allo schermo. Piccoli accorgimenti come questo possono fare davvero la differenza per la salute degli occhi”.

2. Via il casco

La VR è un’esperienza immersiva, pensata per simulare la realtà, quindi è facile scordarsi di mettere al primo posto la salute. Cerca però di rimanere con i piedi per terra e fai delle pause regolari per prevenire l’affaticamento degli occhi o altri effetti collaterali.

3. Regola luminosità, messa a fuoco e contrasto

Imposta questi tre parametri in modo che gli occhi non si sforzino troppo e, di conseguenza, non si affatichino.

4. Esci all’aperto durante le pause

I giochi VR sono creati apposta per far perdere la cognizione del tempo mentre si esplorano altri mondi. Il divertimento è assicurato, ma non dimenticare di fare anche altre attività per limitare il tempo trascorso sullo schermo.

Esci all’aperto, fai esercizio fisico e immergiti nella natura: così rimarrai in contatto con la realtà e proteggerai anche la salute in generale, non solo quella degli occhi.

I benefici della VR sulla vista

Anche se la realtà virtuale può causare affaticamento agli occhi se usata eccessivamente, è stato dimostrato che può avere anche dei benefici per la vista.

I caschi VR sono utilizzati dai professionisti per migliorare la coordinazione occhio-mano, il tempo di reazione e la percezione della distanza. Inoltre, se usati correttamente, possono aumentare la capacità visiva nei pazienti con ambliopia (occhio pigro), e aiutano le persone ipovedenti a riacquistare la vista.

“Troppo spesso parliamo dei problemi causati alla vista dagli schermi, tralasciando invece i benefici che i giochi online possono avere sulla vista”.

“Secondo il National Institute of Health, i videogiochi possono migliorare la consapevolezza spaziale e la visione periferica. Tuttavia, dobbiamo imparare a giocare con moderazione per evitare i problemi causati dalla sindrome da visione al computer, tra cui secchezza oculare e DES”.

Il futuro della realtà virtuale

Si prevede che il mercato globale della VR raggiungerà i 2,6 miliardi di dollari entro la fine del 2020 ed è quindi molto probabile che questa tecnologia continuerà a svilupparsi e diventerà parte della nostra vita quotidiana.

Ma cosa succederebbe se la VR prendesse il sopravvento sulla realtà? Come cambierebbe la nostra società se tutti fossimo più concentrati sul mondo virtuale piuttosto che su quello reale?

Ecco cosa ne pensa il futurista Richard Watson:

“Si potrebbe affermare che la realtà non esiste. O meglio, che esistono realtà multiple. Per esempio: un cane, un pavone, una mantide e un gambero sperimentano ciò che chiamiamo realtà in modi diversi da noi. Tuttavia, per mandare avanti la società, dobbiamo trovare un punto d’incontro. Dobbiamo percepire un senso di unità. Temo che se ognuno iniziasse a vivere in una versione del mondo tutta propria, la società smetterebbe di funzionare”.

Stiamo quindi rischiando di creare un mondo alternativo in cui evadere come succede nel film del 2018 Ready Player One? Se la tecnologia continua a progredire di questo passo, non è da escludere.

Ecco perché dobbiamo conoscere la VR e spiegare ai nostri figli quali sono i potenziali rischi per la salute. Solo imparando a usarla in modo sicuro possiamo prevenire problemi alla vista come l’affaticamento oculare.

Metodologia

I titoli menzionati in questo articolo sono tratti da due classifiche dei giochi VR più popolari. I dati (costo, tempi di completamento e valutazioni) sono stati raccolti sulle piattaforme che li ospitano.

Fonti

  • Statistiche: https://techjury.net/blog/virtual-reality-statistics/#gref
  • Classifica dei giochi VR (top 51): https://www.cnet.com/pictures/best-vr-games/
  • Classifica 2021 dei giochi VR (top 25): https://www.eurogamer.net/articles/best-vr-games-20261
  • Informazioni su Beat Saber: https://www.roadtovr.com/beat-saber-4-million-units-milestone-revenue/
  • Punteggi dei giochi: https://www.metacritic.com
  • Tempo di completamento dei giochi (in media): https://howlongtobeat.com
  • Prezzo: https://www.playstation.com/en-gb/
  • Prezzo: https://www.oculus.com
  • Prezzo: https://store.steampowered.com

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: