Calcio, 1-1 a Torino nell’amichevole tra Italia e Olanda

Ieri sera allo Juventus Stadium di Torino si è svolta la terza partita (anche se non ufficiale) della nuova Nazionale italiana targata Mancini: l’amichevole di lusso tra Italia e Olanda, le due grandi assenti del Mondiale russo alle porte, termina con un 1-1 al sapore agrodolce. Autori dei gol il bomber del Valencia Simone Zaza per gli Azzurri e Nathan Aké, 23enne difensore centrale del Bournemouth, per gli Orange.

Primo tempo del match dominato dall’Italia che spreca diverse occasioni e mostra di meritare il vantaggio, in special modo con Belotti (applaudito dal pubblico dello Juventus Stadium nonostante la sua militanza nei rivali del Torino di cui è la punta di diamante, a differenza del milanista ed ex bianconero Bonucci che è stato invece accolto da fischi), il trequartista del Milan Bonaventura e la futura ala del Napoli Simone Verdi. A Belotti è stato anche, grazie all’ausilio della VAR, annullato il gol del virtuale vantaggio italiano al terzo minuto di gioco. Nel secondo tempo invece comincia meglio l’Olanda, con due occasioni sciupate da Depay (ala del Lione) e Vilhena (regista offensivo del Feyenoord). Mancini intuisce le difficoltà dei suoi e inserisce in campo il giovane Chiesa (esterno offensivo della Fiorentina) e Zaza, rilanciatosi a Valencia dove ha segnato 13 reti nell’ultima Liga spagnola. Proprio Zaza, al 67′ minuto, sigla la rete dell’1-0 azzurro: scatto e cross basso verso il centro dell’area del già citato Chiesa, Van Dijk (centrale difensivo del Liverpool) svirgola e Zaza ne approfitta con un gesto da vero cannoniere. Subito dopo arriva però il momento che cambia in negativo la prestazione degli azzurri: Criscito, laterale sinistro di difesa azzurro, commette fallo da ultimo uomo sull’attaccante olandese Babel e il cartellino rosso è inevitabile. L’Italia paga l’inferiorità numerica e a due minuti dalla fine, dopo una situazione di dominio Orange (un super Perin salva il risultato in più di due occasioni) incassa il gol del vantaggio olandese, un colpo di testa di Nathan Aké.

Migliori in campo per l’Italia Perin, considerato il possibile erede di Gigi Buffon (e suo sostituto alla Juve?), il quale proprio ieri avrebbe dovuto celebrare il suo addio alla Nazionale italiana ma ha declinato l’invito della FIGC, Romagnoli (tornato l’ottimo difensore ammirato ai tempi della Sampdoria dall’arrivo di Gattuso al Milan e pronto alla definitiva consacrazione), Zaza, Chiesa e Insigne. Nell’Olanda invece bene Aké, autore del gol del pareggio, e il centrale difensivo dell’Ajax De Ligt, richiesto dalle big di mezza Europa, Italia compresa.

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: