L’Aloe rimedio naturale a molte patologie. Le funzioni terapeutiche dell’Aloe Arborescens

aloe-vera-vs-aloe-arborescens_3374

Ciò che Padre Romano Zago andava sempre ripetendo, si è dimostrato, nel tempo, essere reale. L’Aloe sembra abbia efficacia antitumorale nei pazienti che sono sottoposti a trattamento chemioterapico. La portata di questa affermazione è stata dimostrata da uno studio sviluppato nel 2009 in base ai risultati dei pazienti trattati con la miscela  composta da 300gr di foglie di aloe, 500 gr di miele e 40 ml di alcool.

In molti pazienti malati di Cancro, sottoposti a Chemioterapia, l’uso di tali sostanze ha la funzione di ridurre la tossicità della Chemio, grazie a fattori a sviluppo endogeno o come combinazione esogene. Il fisico sembra far tesoro dell’assunzione di tale miscela e reagire in maniera tale da contrastarne, insieme alla Chemio, non solo il suo sviluppo, ma addirittura riuscirne a farne regredire lo sviluppo, ma solo nella malattia allo stadio iniziale. Insomma, ciò che maggiormente sembra ridurre la mortalità è proprio l’assunzione di questa miscela dopo il trattamento chemioterapico, fino ad una regressione reale.

di_cancro_si_puo_guarire_2913Lo studio che si è svolto – che però ancora non pare abbia avuto un riconoscimento Ufficiale – in un numero elevato di casi, presi in esame con patologie differenti, ha evidenziato l’evolversi oppure no e il ridursi della malattia, nel caso di assunzione di tale miscela.

 L’aloe è stata impiegata con successo anche per la terapia per patologie quali la psoriasi, iperlipidemia e il diabete mellito. Ha avuto riscontri positivi per l’abbattimento del colesterolo ed effetti antidiabetici.  Cosa nota ai più è la sua efficacia per trattamenti della pelle, ustioni e la cicratizzazione delle ferite.

Tutte queste notizie riguardo cure miracolose vanno sempre prese “con le pinze”, E’ comunque vero che la Natura sa offrirci ancora molte risorse, molte non le vediamo anche se le abbiamo sotto gli occhi. Molte volte sono i nostri comportamenti che producono determinate patologie, magari stavolta, con poco sforzo e seguendo le indicazioni di Padre Romano Zago, abbiamo una soluzione semplice, un’integrazione alle cure, magari o solamente, ma comunque qualcosa che necessita di un ulteriore approfondimento.

aloe-padre-romano-zago

Padre Romano Zago:  è nato in Brasile, l’11 aprile del 1932. Entra a  undici anni nel seminario Serafico “San Francesco” di Taquari dove porta a termine gli studi.

Novizio nel 1952. Diviene sacerdote nell’ordine dei Frati Minori. È presto nominato professore presso il seminario  dove aveva iniziato i suoi studi.

Nel 1971 si laurea anche in lettere ed insegna Francese, Spagnolo, Portoghese e Latino nelle varie case del suo ordine.

Nel 1991 viene inviato a prestare il proprio servizio in Israele, dove prosegue nell’insegnamento ai giovani. Proprio a Israele impara l’uso delle erbe mediche, tra cui l’aloe , o Babosa, presente in abbondanti quantità nella regione. Questa diventa la materia prima  su cui egli concentra la propria attenzione, e i suoi studi. Mescolando il succo ricavato dalla frullatura delle foglie della pianta con semplice miele d’api e grappa, ottiene un composto dalle proprietà guaritive straordinarie.

Viene menzionato in molte riviste, dopo che il suo Elisir diventa famoso quale cura di molteplici patologie.

Rientrato in Brasile nel ’95, Padre Romano Zago continua lo studio e la sperimentazione e pubblica libri sull’efficacia di tale cura. Il suo scopo principale è sempre stato dare la più ampia divulgazione delle sue scoperte per tutti coloro che ne necessitassero. “ perché non offrire questa stessa opportunità a più persone? “.

Dalla sua ricerca hanno preso il via numerose iniziative; Un’industria Brasiliana ha potuto iniziare  a produrre in suo nome il preparato a base di Aloe.

E’ nata una Fondazione “Fra Romano Zago” che  conduce un’intensa attività di diffusione e ricerca sui vantaggi e sulle proprietà curative dei prodotti naturali, fra cui l’Aloe ha, ovviamente, un posto di primo piano.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: