Grasso è bello? Di sicuro diminuisce il rischio di demenza

Obesity_1

Bisogna sempre trovare il lato positivo nella vita e se si tratta di obesità o sovrappeso, il buono ve lo diciamo noi (o almeno buono in parte). Secondo uno studio Oxon Epidemiology e della London School of Hygiene and Tropical Medicine, essere in sovrappeso riduce il rischio di demenza.

Pesnate che i risultati hanno mostrato come chi era sottopeso aveva il 39% in più di rischio di demenza rispetto a coloro normopeso. Questo rischio si riduce ancora di più, con un 18%  di riduzione ulteriore nel caso di sovrappeso e del 24% tra gli obesi.

Attenzione però, non è un invito a prendere peso, perché la salute generale ne risente, nonostante questi sorprendenti risultati lato psicologico.

La ricerca è durata circa 20 anni. Le analisi hanno preso in considerazione le cartelle cliniche di circa due milioni di persone (1.958.191), di un’età media di 55 anni e con un indice medio di massa corporea pari a 26,6 (che denota sovrappeso), per circa vent’anni. La risposta del perché accada questo rispetto alla demenza, può forse risiedere in un maggior accumulo di vitamine D ed E rispetto agli individui sottopeso.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: