Ebola: morta bambina di 9 anni

ebola

Una bambina congolese di 9 anni è morta di Ebola in Uganda vicino al confine con la Repubblica Democratica del Congo (RDC), ha detto il Ministero della Salute venerdì.
La ragazza e sua madre hanno viaggiato dalla Repubblica Democratica del Congo al distretto ugandese di Kasese, in cerca di cure mediche mercoledì. È stata identificata nel porto di ingresso, isolata e trasferita all’unità Ebola in un ospedale locale dove era gestita, ha detto il ministero.
Il Ministero della Salute ha dichiarato che il suo corpo è stato inviato alla RDC su richiesta di suo padre. Ha aggiunto che quattro dei cinque congolesi che avevano avuto contatti con la ragazza sono stati rimpatriati nel paese per un seguito adeguato.

Yonas Tegegn Woldemariam, rappresentante nazionale dell’Organizzazione mondiale della sanità in Uganda, ha dichiarato che coloro che potrebbero essere entrati in contatto con il paziente saranno vaccinati e che oltre 8.000 persone sono state vaccinate contro l’Ebola nelle aree ad alto rischio del paese.

Le autorità dell’Uganda hanno rafforzato i controlli alle frontiere e hanno vietato le riunioni pubbliche nella regione colpita dall’Ebola a giugno dopo che la malattia era stata scoperta per la prima volta nel paese.

ebola

Traduzione : Il nostro team dell’unità di trattamento dell’ebola Bwera a Kasese sta gestendo un caso di ebola importato. La ragazza è attualmente isolata e in preparazione per il rimpatrio in RDC per il trattamento su richiesta del governo RDC. Per favore, state calmi e vigili; abbiamo sviluppato la capacità di contenere l’Ebola

Pietra miliare problematica

Con 3.000 casi e 2.000 decessi registrati dall’epidemia dichiarata nell’agosto dello scorso anno, l’epidemia di Ebola nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha raggiunto un’altra pietra miliare preoccupante, ha detto l’OMS giovedì.
Mentre la stragrande maggioranza delle infezioni rimane nella provincia del Kivu settentrionale della RDC, nelle ultime settimane il virus si è diffuso nella vicina provincia del sud Kivu e nel centro di transito di Goma lungo il confine con il Ruanda.
È stata la minaccia della trasmissione transfrontaliera che ha portato l’OMS a dichiarare lo scoppio una “emergenza sanitaria pubblica di preoccupazione internazionale” il mese scorso mentre i soccorritori cercavano di concentrare nuovamente gli sforzi nella lotta alla diffusione.

In una versione separata giovedì, il Centro per il controllo delle malattie (CDC) degli Stati Uniti ha dichiarato di aver recentemente raddoppiato il numero di esperti di risposta nella RDC.
Più di 200.000 persone sono state vaccinate contro il virus nella RDC insieme agli operatori sanitari nei paesi circostanti.

La risposta ha incluso anche trattamenti terapeutici che hanno dimostrato una grande efficacia in uno studio clinico precoce. Ma è l’instabilità politica della regione, la violenza sporadica e le infrastrutture limitate che continuano a tormentare gli sforzi per porre fine allo scoppio.
La malattia da virus Ebola può causare febbre, mal di testa, dolori muscolari, vomito, diarrea e sanguinamento inspiegabile, tra gli altri sintomi. Il virus è stato identificato per la prima volta nel 1976 quando si sono verificati focolai vicino al fiume Ebola in Congo.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: