Aggiornamenti del nuovo decreto: si va verso la progressiva riapertura delle attività

Da oggi il coprifuoco, nelle zone gialle, verrà prolungato fino alle 23. Viene messo in atto il primo step del nuovo decreto che prevedrà la cancellazione dello stesso a partire dal 21 giugno.

Sembra un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità. Il nuovo programma del governo prevede una progressiva riapertura di tutte le attività che fino a questo momento hanno subito l’impatto del Covid-19. Con l’aumentare della popolazione vaccinata si può ben sperare di stare sulla strada giusta per la risoluzione del problema che ci affligge da oltre un anno.

La road map delle riaperture proposta da Mario Draghi, è stata approvata all’unanimità dal governo, queste saranno le disposizioni:
Per quanto riguarda il coprifuoco verrà prolungato fino alle 23 dalla giornata odierna, in tutte le zone gialle. Successivamente, dal 7 giugno, verrà ulteriormente rinviato alle 24, per poi sparire completamente a partire dal 21 giugno. Nelle regioni in zona rossa/arancione (Valle d’Aosta) il coprifuoco resterà alle 22, mentre non vi saranno limiti di orari nelle zone bianche. Buone notizie anche per i ristoranti: dal 1 giugno, sarà possibile anche la consumazione all’interno dei locali e oltre le 18. Da questo weekend riapriranno i centri commerciali, che sino a questo momento erano rimasti chiusi durante il sabato e la domenica. Viene anticipata al 24 giugno (la precedente proposta era per il 1 giugno), la riapertura delle palestre, dove sarà consentita l’attività anche al chiuso, mentre si dovrà attendere ulteriormente per la riapertura di piscine e centri benessere, prolungata al 1 luglio. Gli eventi sportivi vedranno una parziale riapertura, del 25%, al pubblico, anche per eventi al chiuso. Dal 15 giugno sarà possibile programmare, anche all’interno di strutture, feste e ricevimenti per le cerimonie, compresi matrimoni, seppur con la verifica del possesso del “Green Pass”. La cosiddetta “Certificazione Verde”, che aveva fatto tanto dibattere nell’ultimo periodo, avrà validità di 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale. Stando al relativo decreto, è disposto che il “Green Pass” venga rilasciato anche dopo la prima somministrazione del vaccino, e che diventi valido dal quindicesimo giorno dalla data di rilascio. Sarà possibile richiedere il Green Pass solamente ai soggetti autorizzati, quando ci si vaccina, si guarisce dal Covid o si è appena fatto un tampone. 

Restiamo dunque in attesa di ulteriori aggiornamenti, nella speranza di un progressivo miglioramento in base a quanto previsto dal governo per la risoluzione del problema Covid-19 e il ritorno ad una normale quotidianità.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: