Stretto legame tra cervello e occhi: spiegato perché il glaucoma è causa di disabilità visiva nel nostro Paese

E’ ormai dimostrato uno  stretto legame tra cervello e occhi. Una prima conferma arriva da uno studio condotto da ricercatori americani e spagnoli e pubblicato sulla rivista scientifica Progress in Neurobiology. Una seconda da un altro studio condotto presso il Dipartimento di Oftalmologia del Doheny Eye Institute di Pasadena, in California, e pubblicato sulla rivista scientifica Eye Brain, che ha dimostrato che i cambiamenti strutturali e funzionali, come l’assottigliamento dello strato retinico interno, sono già presenti nel cervello prima che compaiano i difetti del campo visivo. L’asse occhi-cervello spiega perché il glaucoma, che colpisce circa 1 milione e 200mila persone in Italia e che rappresenta la seconda causa di disabilità visiva e di cecità nel nostro Paese, si cura anche con i neuroprotettori.

Fattori vascolari, stress ossidativo, metabolismo dei mitocondri e rilascio di sostanze tossiche per le cellule: sono alcune delle ‘tessere’ che – insieme all’aumento della pressione oculare – compongono il ‘puzzle’ del glaucoma ormai non più considerato una patologia soltanto oculare, ma piuttosto neurodegenerativa al pari di Alzheimer, Parkinson e Sclerosi laterale amiotrofica (Sla). L’ulteriore conferma dello stretto legame tra cervello e occhi arriva da uno studio condotto da ricercatori americani e spagnoli e pubblicato sulla rivista scientifica Progress in Neurobiology[1]. E un altro studio condotto presso il Dipartimento di Oftalmologia del Doheny Eye Institute di Pasadena, in California, e pubblicato sulla rivista scientifica Eye Brain[2], ha dimostrato che i cambiamenti strutturali e funzionali, come l’assottigliamento dello strato retinico interno, sono già presenti nel cervello prima che compaiano i difetti del campo visivo.

Il glaucoma colpisce circa 1 milione e 200mila persone in Italia e rappresenta la seconda causa di disabilità visiva e di cecità nel nostro Paese. Secondo recenti stime, inoltre, il 50% dei pazienti non sa di averlo e il 20% corre il rischio di perdere la vista.

Negli ultimi anni l’attenzione di medici e pazienti è tutta rivolta a capire come contrastare la neurodegenerazione che mette a rischio cervello e occhi.  “Mentre un tempo veniva considerata una patologia soltanto di pertinenza oculare in cui l’unico responsabile era l’aumento della pressione dell’occhio, oggi il glaucoma viene inserita all’interno della famiglia delle patologie neurodegenerative insieme a Parkinson, Alzheimer e Sclerosi laterale amiotrofica”, dichiara Matteo Sacchi, responsabile del Centro Glaucoma dell’Ospedale San Giuseppe, Università degli Studi di Milano.

Ma cos’ha in comune il glaucoma con queste patologie? “Il fatto che riguarda il tessuto nervoso. Infatti, nei pazienti con glaucoma non è soltanto l’occhio a venire alterato, ma anche l’encefalo, cioè le strutture del sistema nervoso centrale[3]. Così come accade per le altre malattie neurodegenerative, anche nel glaucoma le cellule degenerano attraverso il meccanismo dell’apoptosi e il rilascio di sostanze tossiche come glutammato, amiloide e ioni calcio. Inoltre, questa malattia oculare ha delle caratteristiche di progressione e di cronicità tipiche delle altre patologie neurodegenerative”.

Questo significa che oggi la pressione oculare non è più considerato l’unico colpevole dell’insorgenza del glaucoma che diventa, perciò, una patologia multifattoriale determinata da fattori indipendenti dalla pressione dell’occhio e che compongono il puzzle della sua patogenesi. Diversi studi clinici hanno dimostrato che circa nel 30% dei pazienti il glaucoma continua a progredire nonostante la riduzione della pressione oculare[4]. Ecco perché attualmente l’approccio terapeutico è anche di tipo neuroprotettivo.

Tra le varie molecole studiate come agenti neuroprotettori, il coenzima Q10 e la citicolina risultano essere quelle con la maggiore evidenza scientifica. “Con la terapia neuroprotettiva – spiega Sacchi – cerchiamo di agire su due fronti. Prima di tutto quello più energetico perché nel glaucoma il metabolismo mitocondriale è deficitario. Il Coenzima Q10 è la molecola che possiamo aggiungere come terapia adiuvante al paziente per cercare di aiutare il metabolismo energetico mitocondriale che nel glaucoma è deficitario. L’altro fronte è quello strutturale della cellula retinica attraverso la somministrazione di citicolina, una molecola che il nostro organismo produce da solo, ma che in una patologia neurodegenerativa può risultare carente”. In pratica, Coenzima Q10 e Citicolina lavorano su strade diverse ma convergono verso un unico obiettivo che è la neuroprotezione.

[1] Glaucoma as a Neurodegenerative Disease Caused by Intrinsic Vulnerability Factors

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0301008220300721?via%3Dihub

[2] Glaucoma as Neurodegeneration in the Brain - doi: 10.2147/EB.S293765

[3] Structural and Functional Brain Changes beyond Visual System in Patients with Advanced Glaucoma – https://doi.org/10.1371/journal.pone.0105931

[4] Reduction of intraocular pressure and glaucoma progression: results from the Early Manifest Glaucoma Trial – doi: 10.1001/archopht.120.10.1268

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: