I cambiamenti climatici fanno aumentare le allergie

Il pioppo è a prima vista una pianta innocente. Ma in realtà è una fonte di preoccupazione per molti, specialmente durante la primavera e l’autunno. Il potere allergenico di questa erba è straordinario.

Anche una singola pianta può produrre fino a 1 miliardo di granuli di polline, prendendo in giro i seni nasali di coloro che soffrono di allergie ai pollini. Ma ora che le temperature globali stanno aumentando a causa dei cambiamenti climatici, queste allergie dovrebbero peggiorare, specialmente nella stagione autunnale.

Gli scienziati hanno ripetutamente avvertito che gli Stati Uniti, non solo le popolazioni, avranno molti più giorni di caldo estremo entro il 2036. Quasi nulla viene fatto per frenare l’aumento delle emissioni di carbonio nell’atmosfera.

Un rapporto pubblicato a luglio dall’Unione degli scienziati interessati (UCS) ha rilevato che città come New York possono sperimentare fino a 51 giorni molto caldi all’anno, con un rischio elevato per la salute. E New York è solo una delle 160 città che avranno almeno 30 giorni all’anno, con temperature superiori ai 40 gradi Celsius.

Trenta giorni estivi più caldi significano più tempo per la coltivazione di fiori di gelso.

“In autunno, verbasco è uno dei principali responsabili delle allergie, in quanto diventa più caldo quando fa più caldo”, ha dichiarato Keneth Mendez, presidente della US Ashma and Allergy Foundation.

“Il gelo distrugge questa pianta. Quindi, più tardi arriva e più lunga è la stagione di crescita, più gravi saranno le allergie “. Gli allergologi sottolineano che la lunghezza di questa pianta è aumentata negli ultimi anni, il che è il risultato della stagione più lunga con le alte temperature.

“Sappiamo che le piante hanno bisogno di acqua e calore per rinfrescarsi, e quest’anno è stata un’estate calda e più piogge”. Prevediamo che quest’anno il polline sarà molto presente “, ha affermato Stanley Fineman, allergologo ed ex presidente dell’American College of Allergy, Ashma and Immunology.

In genere, i livelli di polline raggiungono il picco a metà settembre. Tuttavia, in alcune parti degli Stati Uniti, tra cui New York, il loro picco arriva alla fine di ottobre di quest’anno. Nel 2018, uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE da ricercatori della Washington University e

del Massachusetts hanno scoperto che il pioppo amplierà la sua gamma a causa dell’aumento delle temperature.

Il legame tra i cambiamenti climatici e le allergie non riguarda solo le lunghe stagioni. Un altro aspetto è che gli scoiattoli prosperano in luoghi con livelli più elevati di anidride carbonica. “Un aumento del biossido di carbonio nell’atmosfera si nutre anche della crescita di verbasco”, afferma Mendez.

Uno studio pubblicato nel 2000 ha scoperto che le piante a fiore fiorivano quando erano più esposte all’anidride carbonica. Hanno anche prodotto più polline. La più grande minaccia dai cambiamenti climatici è che l’anidride carbonica nell’atmosfera sta aumentando a tassi estremamente elevati.

Ma ci sono anche altri fattori nella stagione autunnale che potrebbero intensificare la produzione di polline. “In autunno, abbiamo lasciato cadere le foglie, quindi il polline si diffonde attraverso di esse”, afferma ulteriormente Mendez. Le allergie stagionali sono molto più che starnuti, lacrimazione e sangue dal naso.

I ricercatori hanno scoperto che mentre le allergie stagionali peggiorano, ci sono stati ricoveri ospedalieri più urgenti legati all’asma, in particolare per le persone di età inferiore ai 18 anni. Le allergie sono un fattore scatenante per l’asma. “Le allergie possono essere un fattore scatenante per l’asma. Circa 3.000 persone all’anno muoiono di asma solo negli Stati Uniti “.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la percentuale di persone con diagnosi di asma è aumentata di meno dell’1% tra il 2001 e il 2010. Mentre la muffa non è polline, può peggiorare le reazioni allergiche correlate al polline.

Mendez ha aggiunto che la muffa è un’altra preoccupazione per gli allergologi, poiché è collegata ai cambiamenti climatici, perché più pioggia e temporali significano più muffa.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: