Sánchez cerca il sostegno di Podemos in vista dei voti crunchcerca il sostegno di Podemos in vista delle elezioni

Sánchez cerca il sostegno di Podemos in vista delle elezioni

L’esito di una votazione parlamentare prevista per martedì per decidere la formazione di un nuovo governo spagnolo rimane incerto, poiché il leader socialista Pedro Sánchez sta ancora negoziando con potenziali alleati nel tentativo dell’ultimo minuto di porre fine a una situazione di stallo politico.

Sánchez, che è primo ministro dal giugno 2018, dovrebbe perdere il voto, dato che richiede una maggioranza assoluta nel congresso di 350 seggi.

I suoi socialisti hanno vinto le elezioni generali di aprile ma, con 123 seggi, non hanno raggiunto la maggioranza.

Hanno maggiori possibilità di vincere un secondo e ultimo voto di investitura, che si terrà giovedì, il che richiede solo una maggioranza semplice (cioè più voti a favore che contrari).

Sánchez è stato bloccato nei colloqui per gran parte degli ultimi tre mesi con il suo alleato più naturale, il partito di sinistra Podemos, il cui sostegno lo avrebbe avvicinato alla maggioranza parlamentare. Tuttavia, i rapporti tra le due parti sono peggiorati a causa delle loro proposte contrastanti per il formato del nuovo governo, con Podemos che desidera una coalizione formale, mentre i socialisti preferirebbero governare da soli in base a un accordo di fiducia e offerta.

L’onorevole Sánchez avrebbe anche bisogno dell’aiuto di altre parti più piccole, eventualmente sotto forma di astensioni, per ottenere uno dei voti di investitura.

La scorsa settimana, Sánchez ha affermato che l’ostacolo principale a un accordo è stato l’insistenza del leader di Podemos Pablo Iglesias nel ricevere un incarico ministeriale nel governo. Ha aggiunto che ciò non è stato possibile a causa del sostegno di Podemos al diritto catalano all’autodeterminazione, che il Partito socialista non condivide perché la costituzione non lo consente.

Difendere la democrazia

Ho bisogno di un vice primo ministro che difenda la democrazia spagnola“, ha dichiarato Sánchez a un intervistatore televisivo, aggiungendo che il “99,9 per cento” dei colloqui tra le due parti si è concentrato sui posti nel nuovo governo, piuttosto che sulle politiche.

Iglesias risponde ritirando la sua richiesta di far parte del gabinetto. Tuttavia, ha detto che Podemos dovrebbe essere rappresentato nel governo in base alla sua percentuale di voti nelle elezioni generali – che darebbe al partito circa cinque ministri.

Abbiamo bisogno di responsabilità che riflettano il nostro peso elettorale“, ha detto ieri Iglesias a Sánchez durante il dibattito parlamentare in vista del voto di investitura. “Non possiamo essere un semplice ornamento del tuo governo.

Se questa settimana l’onorevole Sánchez perde entrambi i voti di investitura, allora la prospettiva di un’altra elezione generale a novembre sarebbe molto più probabile. Secondo quanto riferito, entrambe le parti stanno ancora negoziando.

Economia ad alta tecnologia

Il patto [con Podemos] non è facile ma la promessa della sinistra ci unisce“, ha dichiarato Sánchez in un discorso di due ore che ha aperto il processo di investitura.

Il primo ministro in carica ha delineato piani per un’economia ad alta tecnologia, una maggiore uguaglianza di genere, una riforma delle pensioni e una campagna contro i cambiamenti climatici. Tuttavia, la sua decisione di non affrontare la spinosa questione della Catalogna ha suscitato critiche.

Gabriel Rufián, portavoce della sinistra repubblicana catalana a favore dell’indipendenza (CER), che ha espresso la volontà di usare i suoi voti per aiutare la formazione di un governo socialista-Podemos, ha avvertito che è “irresponsabile e negligente” di Sánchez di non menzionare la Catalogna.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: