Volvo XC 40 primo contatto

La nuova XC-40 si potrebbe definire “una via di mezzo” tra un Crossover in senso stretto, come la sorella maggiore Xc-60 e un’auto adatta ad ogni situazione. Appartiene a quel gruppo di vetture che vanno “per la maggiore”, i C-Suv, per intendersi  (15 anni fa – i Monovolume). Un po’ più alta di una normale berlina due volumi, un vero Crossover  destinata ad avere un posto di rilievo tra i  prodotti di maggior successo: per originalità, eleganza e soluzioni intelligenti.  Il nuovo XC 40 è questo  ma anche molto altro. Nasce da una piattaforma CMA che ambisce a diventare  “riferimento” per diversi modelli del Gruppo. Con i suoi 443 cm   è una vettura moderna e funzionale, la vettura perfetta per la famiglia moderna.  Il suo segmento è quello delle più famose Qashqai, Kuga, Tucson, Rav, Q3,X1, GLA.

La XC-40 è diversa dalle altre auto prodotte dalla Casa Svedese con le lettere identificative del gruppo dei Crossover, “XC”. E’ molto più auto, più bassa,  con una linea di cintura che prende un’inclinazione verso l’alto, al posteriore. Il frontale è tipico Volvo, con gli immancabili fari LED. Il cofano è alla Brasiliana (termine nato tanti anni fa con la Fiat Uno CS),  le fiancate sono incavate e dietro ha i fari a losanga tipici con sbalzi minori. Si distingue per una ampia impronta a terra. L’auto ha una buona  abitabilità ed è particolarmente votata ad un uso stradale. In tal senso vengono mese in risalto le grandi doti di confort che la contraddistinguono.  Ci sono dei richiami negli interni ad altri modelli del Gruppo. La plancia è molto simile a quella della XC-60, ma con questi schermi lcd, ormai spesso variano giusto per le bocchette dell’aria. Di serie  il climatizzatore bi-zona con sofisticato sistema di filtrazione dell’aria “CleanZone” di Volvo.

Ci sono alcune zone (secondarie) che mostrano il fianco a critiche per i materiali economici utilizzati. Anche gli sportelli ad esempio, sono costituiti da diversi pannelli, forse però un po’ rigidi ed economici per il costo complessivo della vettura (più alto delle migliore concorrenza). Nella plancia sono presenti diversi spazi dove porre piccoli oggetti, e questi sono sparsi un po’ ovunque all’interno della vettura. Spariscono gli altoparlanti dagli sportelli, ora integrati nella plancia e il cassetto portaoggetti è così ampio da contenere un pc portatile. Il sistema audio Harman Kardon  è costituito da 13 altoparlanti, un avanzato software di elaborazione del suono e un’uscita di 1.200 W.  Nel sedile posteriore, anche due adulti stanno comodi, sia per lo spazio in altezza, che per le spalle. In tre la situazione è un po’ compromessa, diventa critica se non per tratti non troppo lunghi. Altra piccola pecca è forse la seduta ritenuta un po’ corta. In ordina al bagagliaio questo è ben sfruttabile per la sua forma regolare e comodo anche l’accesso e la sfruttabilità. All’abbattimento del divano posteriore, quest’ultimo sparisce nel pavimento dando così più ampio spazio a caricare senza scalini.

L’auto è pur sempre una Volvo. Come tale questo marchio è da sempre famoso per la Sicurezza Attiva e Passiva dei suoi Mezzi. A tal riguardo, con questa vettura è stato presentato un pacchetto denominato “Pack Intellisafe Assit“, che comprende una serie di sistemi intelligenti di supporto alla guida:Cruise control adattivo (ACC), Pilot Assist e Distance Alert.
Il Cruise control adattivo regola la velocità della vostra auto in base a quella dei veicoli antistanti che procedono più lentamente, seguendone il rallentamento, all’occorrenza fino a fermarsi. Pilot Assist è in grado di fornire assistenza automatica di sterzata da fermo fino a una velocità di 130 km/h, mantenendo l’automobile nella  propria corsia di marcia. Distance Alert avverte il conducente quando la distanza temporale dal veicolo antistante si riduce eccessivamente. (questo pacchetto è offerto esclusivamente con le vetture con il cambio automatico). Il City Safety che consiste in un sistema di frenata automatica con avviso di collisione fino a 60 Km/h, che si attiva e controlla le situazioni di guida in cui possono verificarsi eventi pericolosi.

 

Rileva pedoni, ciclisti e animali di grossa taglia e controlla la corsia in avvicinamento, negli incroci. Avvisa l’utente se si sposta in caso di pericolo. Viene rilevato il superamento della linea della corsia. C’è poi  il Run.off Road Protection & Mitigation per la protezione degli occupanti in caso di uscita di strada e ribaltamento.  C’è Il Cross Traffic Alert che con la frenata automatica e la telecamera supporta a 360° la ricerca del parcheggio, o in uscita dallo stesso. L’Oncoming Lane Mitigation rileva se ci sia o meno la possibilità di effettuare un sorpasso. Relativamente alla telecamera posteriore per le manovre, viene introdotto un nuovo sistema in cui  l’immagine  viene elaborata digitalmente sullo schermo. Si tratta di una elaborazione virtuale che riproduce da visione esterna l’ambiente circostante l’auto come essa si posizionerà con il grado di sterzata usato al momento. L’immagine della telecamera può essere zoomata sull’area in prossimità dell’auto per inquadrare il gancio di traino sullo schermo ed agevolare così la manovra di retromarcia verso il rimorchio. Un sistema che supera il concetto di supporto alla manovra ma crea una parte “terza” spettatrice virtuale alla manovra. Il sistema di Infotainment riprende quanto di buono già stato proposto sulla xc-60 o Xc-90 con il suo Sensus Navigation da 9.5”, il sistema di navigazione completamente integrato che supporta una serie di servizi e comunica la posizione, oltre che agli amici o semplicemente, come navigatore, raggiungere la propria destinazione. Offre nuove applicazioni  che integrano e completano tutto ciò che ad oggi era presente nelle auto.

Grazie a Volvo On Call la  Volvo XC40 diventa un’assistente personale. Conosce: appuntamenti e impegni, dove e come arrivarci. Volvo On Call inoltre consente di connettere l’auto ad internet utilizzando una carta SIM, con una rete wi-fi di bordo. Volvo on Call è anche un’applicazione che che connette lo smartphone sia IOS che Android, tablet o dispositivi  indossabili e consente altrsì di ricaricarli, oltre che con il sistema delle varie prese usb presenti, anche con la carica ad induzione.  Può essere  preriscaldata o anche  preraffreddata nell’abitacolo, grazie ad una App. di gestione in remoto direttamente dallo smartphone. Così come la stessa app può aprirla o chiuderla o rintracciarla in una strada o in un parcheggio.

Opzionali sono la tinta bi-colore, il tetto elettrico e in vetro. Le versioni più lussuose  possono essere dotate di rivestimento in pelle, portellone elettrico, sensori di parcheggio anteriori, sedile anteriori motorizzati e riscaldabili, inserti interni in legno drift e luci esterne cromate. Le versioni automatiche includono anche una leva del cambio in cristallo (del produttore di cristalli di cristallo svedese Orrefors). I Cerchi in lega possono essere da 18”-19”-20”-21”.

Motori:

i motori disponibili al lancio sono il 4 cilindri  T5 2.0 Drive-e a benzina  con 247 Cv e il turbodiesel D4 da 190 Cv. Nei prossimi mesi seguiranno la T3 da 160 cvT4 da 190 cvD3 Diesel da 150 cv. La T3, , sarà proposta esclusivamente a trazione anteriore, mentre l’entry level a gasolio, vale a dire la D3, sarà anche 4WD. Trazione integrale come unica opzione, infine, per le T4, T5 e D4. In un secondo momento debutterà l’inedita variante T5 Twin Engine,  che abbina un tre cilindri turbo benzina a iniezione diretta  a un motore elettrico.

Cerchi da 18” fino a 21”

La nuova Volvo XC40 è anche  il primo modello  di Volvo Cars, che supporterà la mobilità con veicoli completamente elettrificati (programma Volvo 2020). Questo rientra nel progetto  Co-sviluppato all’interno del Gruppo Geely,  del quale Volvo è entrato a far parte.  CMA fornisce all’azienda le economie di scala necessarie per questo segmento.

 

 

https://www.volvocars.com/it/modelli/volvo/xc40/scheda-tecnica

 

 

 

 

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: