Qashqai III è arrivata ed è tutta un’altra musica [Galleria + prezzi]

Eccola finalmente, la Nissan Qashqai, terza generazione. La nuova versione cambia nella sostanza molto più di quanto appaia ad un primo esame visivo. Si è data continuità stilistica, un’evoluzione ma che è anche una trasformazione radicale. Un’auto nuova, più sicura, più confortevole, moderna e che guarda alla mobilità del futuro.  Il produttore giapponese ha preferito optare per un design che ricordasse abbastanza da vicino la vecchia versione. I cambiamenti sono forse i più evidenti nel frontale, con i nuovi fari, quasi su due livelli, ma uniti nella calandra cromata ora molto più evidente  a formare una sorta di boomerang. Nella vista laterale si può notare una linea più  spigolosa, con meno curve e un design più deciso e aggressivo. Anche i passaruota cambiano, perdendo l’andamento morbido della precedente generazione.  Dietro, l’estrattore, lascia il posto a due singoli posti ai lati. Sempre al posteriore, la linea di carico è bassa e comoda, e il portellone sembra avere dimensioni più generose. I fari posteriori, pur essendo nell’idea generale simili alla precedente generazione, si sono affinati.

Dentro, cambia tutto. La strumentazione digitale (12,3 ”) e touch screen (9 ”) prevede anche un  display head-up (10,8 ”). Mutano design e funzionalità. La plancia è originale e rifinita, con impuntature a vista degne delle migliori auto d’alta gamma. Così i sedili, tutti nuovi ed ergonomici, con pelle in nappa. Migliorata la visibilità verso la parte anteriore grazie a montanti delle porte più sottili e specchietti ora posizionati sulle porte e non più nel telaio del finestrino anteriore, migliorata la visibilità su ogni lato e anche al posteriore grazie ad un lunotto di maggiori dimensioni (sempre disponibili le telecamere e i sensori di parcheggio).

Quanto alle dotazioni, cambiano sia quelle di serie che gli optional.  Oltre agli elementi sopra citati, possiamo  accoppiare un totale di 7 dispositivi grazie al Wi-Fi integrato,  per smartphone, alla presenza di porte USB-A e USB-C su anteriore e posteriore del veicolo, compatibilità Android Auto e Apple CarPlay (wireless per quest’ultimo).

Cambia anche lo spazio vivibile all’interno. Grazie all’aumento delle dimensioni (+3,5 cm di lunghezza, +1 cm di altezza e +3,2 cm di larghezza) e un passo più lungo di 2 cm, la nuova Qashqai è ora più spaziosa. Nuovi i materiali i disegni e colori e i sistemi di insonorizzazione –  sedili e imbottiture più sottili – che aumentano la sensazione di spazio, con un elevato confort. Lo spazio per le gambe è aumentato di 2,8 cm, così anche l’aria sopra il tetto (+1,5 cm). Il  bagagliaio guadagna  74 litri ( per un totale di 504 dm3).

Riuscirà il nuovo  Qashqai nella sua nuova configurazione ( rimanendo uno dei veicoli più compatti della sua categoria) a rimanere il prodotto di riferimento dell’intero segmento?

Telaio, Sospensioni e Motori:

La nuova Qashqai si basa sulla piattaforma CMF-C, quella nata per una condivisione  Renault-Nissan-Mitsubishi (dal quale derivano le  Renault  Megane e Scenic). Una struttura più leggera  e flessibile della precedente per una diminuzione di peso di  circa 60 kg grazie anche all’uso di materiali compositi e alluminio

Ci sarà sempre la variante a trazione integrale, dotata ora di un asse posteriore multi-link . Un assale posteriore semirigido più tradizionale per i modelli a trazione anteriore.

Quanto ai propulsori, questi saranno tutti di origine Renault. Si parte da un 4 cilindri turbo  1.3 benzina, disponibile in due livelli di potenza associato ora ad un sistema di microibridazione che utilizza un alternatore-starter per ridurre i consumi e le emissioni di CO2 . Sempre due livelli di potenza: 140 e 158 CV. Trazione anteriore, per la versione meno potente, trazione integrale opzionale per la seconda. Quest’ultimo può anche ricevere una trasmissione a variazione continua .

Ci sarà  poi il motore “e-Power” . Con questa originale soluzione ibrida (non ricaricabile), un motore a benzina 1.5 turbo a 3 cilindri da 157 CV con rapporto di compressione variabile aziona un generatore per fornire elettricità a un motore elettrico,  un generatore, che carica una batteria al litio. Questo tipo di ibrido  non richiede ricariche esterne.

La trazione , come detto, può essere  elettrica e il motore a benzina funziona a regime costante, quindi- nelle condizioni di massimo rendimento, per caricare la batteria invece di muovere le ruote, lavoro demandato ai motori elettrici.  Tecnologia simile a quanto visto su altre vetture concorrenti, ma con consumi sensibilmente inferiori.

La Qashqai III offre maggiori possibilità di personalizzazione con un tetto che può essere scelto in un colore diverso da quello della carrozzeria (nero o grigio). Sono possibili in totale 16 combinazioni, comprese le 5 livree bicolore. Ma non sappiamo ancora quali possibilità saranno offerte nell’abitacolo. Finora abbiamo visto solo l’interno nero.

 

La nuova Nissan Qashqai si compone di  sei versioni disponibili in gamma: equipaggiate con motore benzina DIG-T 1.3 con tecnologia mild hybrid, da 140 e 158 CV. Da oggi il via agli ordini e prime consegne ai clienti previste per il mese di giugno.

Prezzo di ingresso pari a 25.500€ per la versione Visia, con motore mild hybrid 140 CV, 2WD e cambio manuale a 6 rapporti. Ricca la dotazione di serie con fari LED, retrovisori esterni riscaldabili, hill start assist & auto hold, selettore modalità di guida, volante regolabile in altezza e profondità, sensori di parcheggio posteriori. Già a partire dalla versione di ingresso le tecnologie per la sicurezza sono ai vertici della categoria con e-call e breakdown call, Intelligent Cruise Control, frenata di emergenza automatica con riconoscimento di pedoni e ciclisti, sistema di avviso di rischio collisione frontale, sistema di avviso e prevenzione di abbandono involontario di corsia, sistema di controllo e prevenzione del cambio di corsia se è presente un altro veicolo nella zona di angolo cieco, sistema di rilevazione dell’attenzione del guidatore e relativo avviso, sistema riconoscimento dei segnali stradali, sistema di rilevamento oggetti nella parte posteriore della vettura con frenata automatica durante la retromarcia. Amplia anche la dotazione di sistemi di sicurezza passiva con 2 airbag anteriori frontali e 2 laterali, 2 airbag a tendina e 1 airbag tra i sedili anteriori.

La versione Acenta parte da 28.940€ con motore mild hybrid 140 CV, 2WD e cambio manuale e 32.140€ con motore mild hybrid 158 CV, 2WD e cambio Xtronic. Ai contenuti della versione Visia si aggiungono cerchi in lega da 17″, apertura portiera con pulsante, specchietti ripiegabili automaticamente, climatizzatore automatico dual zone, volante e pomello cambio in pelle soft touch, supporto lombare sedile guida, bracciolo posteriore con porta bicchieri, tergicristalli automatici con sensore pioggia, display audio da 8″, retrocamera posteriore, palette cambio al volante (solo Xtronic), integrazione smartphone e compatibilità Apple CarPlay® e Android Auto®.

Versione Business da 30.370€ con motore mild hybrid 140 CV, 2WD e cambio manuale e 33.570€ con motore mild hybrid 158 CV, 2WD e cambio Xtronic. I contenuti si arricchiscono del nuovo sistema di infotainment NissanConnect con display da 9”, telecamera con vista panoramica a 360° intorno alla vettura (Around View Monitor) con riconoscimento oggetti in movimento, fendinebbia LED, carica batterie wireless per smartphone e ruotino di scorta.

Per la versione N-Connect occorrono 31.500€ nel caso di motorizzazione mild hybrid 140 CV, 2WD e cambio manuale, 34.700€ per motore  V, 2WD e cambio Xtronic e 36.700€ se si scelgono anche le 4 ruote motrici. Con questa versione si entra nel top di gamma per cui i dettagli si fanno notare: cerchi in lega da 18″, vetri posteriori privacy, paraurti posteriore con inserti silver, illuminazione ambientale nella console centrale, quadro strumenti full TFT da 12,3″, navigatore satellitare NissanConnect con schermo da 9” mappe TomTom Premium Live Traffic, aggiornamenti Over The Air e NissanConnect Services. Inoltre, sensori di parcheggio anteriori, porte USB per i sedili posteriori, specchietto retrovisore interno auto-oscurante, poggia ginocchio anteriore soft touch e bagagliaio modulare.

Anche per la versione Tekna tre prezzi di partenza, 33.800€ per motore mild hybrid 140 CV, 2WD e cambio manuale, mentre per la soluzione con motore mild hybrid 158 CV e cambio Xtronic occorrono 37.390€ per il 2WD e 39.390€ per il 4WD. Elementi di stile e tecnologie di bordo fanno la differenza, come i cerchi in lega da 19″, apertura bagagliaio hands-free, fari LED con tecnologia Adaptive Drive Beam Assist con fari abbaglianti adattativi, indicatori di direzione anteriori e posteriori LED, Head-up display da 10,8”, sedile guidatore regolabile elettronicamente, supporto lombare regolabile per guidatore e passeggero e ProPILOT con Navi-Link (solo con cambio Xtronic) o Drive Assist (cambio manuale).

Chi sceglie Tekna+ vuole assolutamente il meglio e su questa versione tutto è di serie, anche i cerchi in lega da 20″, barre longitudinali al tetto, tetto panoramico (con filtro UV) e tendina parasole a regolazione elettrica, fendinebbia LED, Advanced Intelligent Key con memoria di posizione dei sedili e degli specchietti retrovisori, sedile guidatore con supporto lombare a 4 vie regolabile, sedili anteriori con funzione massaggiante in 3 modalità programmabili dal display centrale da 9” e differenziabile tra guidatore e passeggero, rivestimenti dei sedili Monoform in pelle Nappa, parabrezza, sedili anteriori e volante riscaldabili, impianto audio Bose® con 10 altoparlanti. Su Tekna+ il motore è sempre mild hybrid 158 CV che abbinato al cambio manuale e due ruote motrici è offerto al prezzo di 38.500€. Con il cambio Xtronic e 2WD si arriva a 40.690€ e a 42.690€ in caso di 4WD.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: