Presentata la Volkswagen T-Roc, il Crossover compatto moderno che mancava

Ne avevamo parlato qualche tempo fa, T-Roc sembrava dovesse rappresentare un punto di svolta per la Volkswagen. Un mondo nuovo e un nome che però ad oggi ha preso le vesti di un’auto più convenzionale. Il nome  T-Roc potrebbe rappresentare una sigla, un mome che rappresenterà in futuro una serie di modelli… chissà.

Oggi si presenta in una veste che modifica sostanzialmente quanto anticipato nei mesi scorsi. Più attuale e comunque protesa al futuro e a sviluppi.

la nuova T-Roc è un  crossover che coniuga lo stile SUV alla praticità urbana. Una vettura compatta che mantiene una capacità elevata di guidabilità, pur avendo comunque discrete capacità fuoristrdistiche (trazione integrale). Lo stile unisce le fattezze di un Coupè e di un Crossover, secondo una nuova tendenza sempre più in voga.

Il prototipo T-Prime Concept GTE, presentato nel 2016, aveva già offerto l’anticipazione di un ulteriore nuovo modello realizzato sulla base di questo DNA. Un design semplicemente inconfondibile, che al tempo stesso è riconoscibile inequivocabilmente come una Volkswagen.

Il Responsabile del Design Klaus Bischoff: “Con la nuova T-Roc la Volkswagen ha creato un altro modello che dimostra un carattere forte. Contemporaneamente, con questo crossover proponiamo un design molto espressivo, quasi sfacciato. Questa componente emozionale lo rende empatico.

Per misure e proporzioni la T-Roc si posiziona nel segmento inferiore rispetto alla Tiguan. Con quest’ultima (e Golf) condivide il pianale modulare trasversale MQB. La base di partenza è quindi la medesima. E’ lunga 4.234 mm (-252 mm rispetto alla Tiguan); il passo misura 2.603 mm. 1.819 mm in larghezza (specchietti retrovisori esterni esclusi) per 1.573 mm di altezza e un baricentro più basso. Un’impronta a terra che, in rapporto alla struttura relativamente bassa del tetto, delinea proporzioni che spingono verso una definizione votata alla sportività (pur con un bagagliaio da 445 litri).

Eleganza e sportività: lo stile  mostra un frontale con una larga calandra che integra proiettori doppi. Nella versione top di gamma i fari sono realizzati con tecnologia LED e, in tutti i casi, si presentano estremamente sottili. Ciò è stato reso possibile dall’adozione di alloggiamenti a sé stanti per indicatori di direzione e luci di marcia diurna/di svolta nel paraurti, che rendono la firma luminosa della T-Roc inconfondibile anche di notte. Un sottile listello cromato separa calandra e fari dall’imponente cofano motore in tipico stile SUV. Nella parte inferiore, l’insieme di calandra e fari viene incorniciato da un largo inserto cromato: un elemento trasversale che corre lungo tutto il frontale. Nel loro complesso inserto cromato, calandra e fari sottolineano la larghezza, regalando imponenza alla T-Roc. Di forte impatto è, inoltre, l’elemento trasversale del paraurti, verniciato in tinta con la carrozzeria, nel quale, come precedentemente accennato, sono integrati indicatori di direzione e luci diurne a LED. Questi moduli luce vengono proposti in due versioni: una con luce diurna a LED orizzontale e indicatore di direzione soprastante. L’altra, destinata alle versioni più accessoriate, con luce diurna e indicatore  di direzione racchiusi in un unico elemento circolare a LED. Attivando l’indicatore di direzione la luce diurna bianca si modifica acquisendo una tonalità arancione. In questo caso, luci di svolta e fendinebbia sono spostati lateralmente verso il basso, integrati nelle superfici in materiale sintetico nero del paraurti.

 

Tra i sistemi di assistenza attiva e sistemi Infotainment e  multimediali con funzioni modulabili. Ci sono:  il  Front Assist con funzione di frenata di emergenza City e Lane Assist di serie; Cruise control con regolazione automatica della distanza ACC (regolazione da 30 a 210 km/h con cambio manuale, da 0 a 210 km/h con DSG); Riconoscimento della segnaletica stradale; Telecamera per la retromarcia Rear View; Assistenza all’uscita dal parcheggio Rear Traffic Alert; Sistema di assistenza al cambio di corsia, sensore Blind Spot; Assistenza per il mantenimento della corsia Lane Assist; Park Assist con funzione di frenata in fase di manovra; Sistema di assistenza nella guida in colonna; Emergency Assist; Sistema proattivo di protezione degli occupanti ; Sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore; Gestione degli abbaglianti Light Assist

Sul mercato italiano, la T-Roc sarà disponibile in due allestimenti, entrambi caratterizzati da una dotazione di serie completa e da un’ampia possibilità di personalizzazione.

Di seguito una panoramica dei principali equipaggiamenti previsti di serie per tutte le T-Roc italiane:  Gruppi ottici posteriori a LED; Fendinebbia anteriori; Tetto, compresi i montanti anteriori, e gusci degli specchietti retrovisori esterni in colore a contrasto; Inserti decorativi sulla plancia e sui pannelli delle porte in colore a scelta; Composition Media da 8 pollici; App-Connect; Connectivity Pack (2 prese USB e Bluetooth); Cerchi in lega leggera da 17 pollici; Cruise control adattivo ACC; Front Assist; Lane Assist  Sistema Pre-Crash; Sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore Fatigue Detection; Sensori di parcheggio Park Pilot; Volante multifunzione; Light Pack (con funzione coming/leaving home); Freno a mano elettronico; Tergicristalli automatici con sensore pioggia; Specchietti retrovisori esterni regolabili elettricamente e riscaldabili; Specchietto retrovisore interno con funzione anti-abbagliamento; Bracciolo anteriore centrale. La versione più lussuosa Top di gamma prevede inoltre: Inserti decorativi esterni cromati; Gruppi ottici posteriori scuri a LED;Proiettori anteriori a LED; Climatronic; Strumentazione completamente digitale Active Info Display; Cerchi in lega leggera da 18 pollici.

Tutti i colori carrozzeria della T-Roc. Sulla T-Roc il tetto completo, compresi i montanti anteriori e gli specchietti retrovisori esterni, è disponibile in colore a contrasto. Per tutte le versioni è possibile scegliere tra dieci diversi colori di carrozzeria. Oltre a Deep Black, Pure White pastello e Black Oak Metallic, la gamma comprende i toni White Silver Metallic, Giallo Curcuma Metallic, Energetic Orange Metallic, Indium Grey Metallic, Grigio Urano pastello, Atlantic Blue Metallic e Ravenna Blue.

Motori:

Sono cinque, tutti turbo, con tre potenze: due benzina 1.0 e 1.5 TSI  da 115 e 150 Cv e tre Diesel  1.6 TDI e 2.0 TDI con le seguenti potenze: 115, 150 e 190 Cv. Le versioni 115 Cv dispongono di trazione anteriore e cambio manuale (6M). In abbinamento ai motori 150 Cv è possibile scegliere fra trazione anteriore, trazione integrale (4MOTION) e cambio automatico a doppia frizione (DSG a 7 rapporti). La motorizzazione benzina 150 Cv è dotata di sistema di gestione attiva dei cilindri ACT (disattivazione automatica di due cilindri), mentre il 2.0 TDI 190 Cv è proposto di serie in abbinamento a cambio DSG a 7 rapporti e trazione 4MOTION.

Le versioni 4MOTION  sono dotate di trazione integrale permanente. La ripartizione della forza motrice tra asse anteriore e posteriore viene effettuata da una frizione a lamelle a gestione elettronica, che tiene in considerazione anche l’erogazione di coppia del motore. L’obiettivo è garantire sempre una trazione ottimale, quindi la massima sicurezza di guida, riducendo il più possibile i consumi. Il sistema viene controllato mediante un comando sulla consolle centrale denominato “driving experience control”.

Una manopola con la quale il guidatore può attivare quattro modalità principali e differenti profili stradali: Street e Snow. oppure  due profili fuoristrada: Offroad (impostazione automatica dei parametri offroad) o Offroad Individual (settaggio variabile).

Il 4MOTION Active Control consente di adeguare i principali sistemi di assistenza alla relativa situazione di marcia. Il guidatore può gestire in modo personale, a seconda degli equipaggiamenti della vettura, parametri relativi a DSG, climatizzatore automatico, sterzo elettromeccanico, regolazione adattiva dell’assetto DCC e regolazione automatica della distanza ACC. Sono disponibili fino a 5 profili: Comfort, Normal, Sport, Eco e Individual.

Relativamente alla regolazione adattiva dell’assetto DCC, grazie  agli ammortizzatori a regolazione elettronica, l’assetto della T-Roc può variare la taratura normale, assumendo caratteristiche ora più vocate alla sportività, ora al comfort. Dinamica e comfort vengono ottimizzati anche grazie allo sterzo progressivo, che consente un migliore controllo se si adotta uno stile di guida sportivo, oltre ad assicurare maggiore comfort in fase di manovra.

Confort: Azionamento elettrico del portellone, sistema di chiusura e avviamento automatici Keyless Access, climatizzazione e ventilazione autonoma a motore spento e Climatronic a due zone. L’abitacolo della T-Roc può essere illuminato dalla luce naturale del sole grazie al tetto panoramico, disponibile a richiesta. Composto da due elementi in vetro, questo tetto scorrevole e sollevabile (870 mm di larghezza per 1.364 mm di lunghezza) si impone come il più grande nel segmento. Sistemi di assistenza innovativi. All’interno del suo segmento la T-Roc non teme confronti in fatto di sistemi di assistenza.

Il lancio sul mercato europeo avverrà a novembre di quest’anno, mentre l’inizio della prevendita è previsto già per settembre.

Quattro lettere, un carattere unico. Il nome T-Roc suona perfettamente in tutte le lingue. Frank Welsch, Membro del Consiglio di Amministrazione con responsabilità per lo Sviluppo, afferma: “La ‘T’ richiama i modelli Tiguan e Touareg, precursori di successo dai quali la nuova vettura riceve in dote i geni e i punti di forza tipici dei SUV: posizione di seduta alta, robustezza della carrozzeria e dell’assetto, oltre alla disponibilità della trazione integrale. La parola Roc, invece, deriva dall’inglese ‘Rock’ e indica il posizionamento crossover del modello. Perché la T-Roc offre tutta l’agilità e il dinamismo della classe compatta.  Una nuova Volkswagen  che ridefinisce i parametri e il segmento dei C-Crossover.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: